I verbi inglesi

Materie:Riassunto
Categoria:Inglese
Download:1683
Data:05.03.2007
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
verbi-inglesi_6.zip (Dimensione: 10.25 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_i-verbi-inglesi.doc     48.5 Kb



Testo

Personal pronouns
I Subject personal pronouns si usano come soggetto davanti ai verbi, al posto di un nome o un sostantivo.
Subject personal pronouns → I, you, He, She, It / We, You, They.
I Object personal pronouns si usano come complemento oggetto dopo i verbi o le proposizioni.
Object personal pronouns → Me, You, Him, Her, It / Us, You, Them.
I Possesining adjective e i Pronouns possesing non sono mai preceduti da gli articoli.
Possesining adjective → my, your, his, her, its, our, your, their.
Pronouns possesing → mine, yours, his, hers, its, ours, yours, theirs.
The articles
L’articolo determinativo a va davanti nomi inizianti con consonante e parole che iniziano con suoni iu o ua.
L’articolo an davanti nomi inizianti con vocale e davanti alle h mute.
The si usa per→ qualche cosa che è già stato nominato, per qualche cosa che viene specificato, per qualche cosa che è definito, con cose uniche, con nomi che identificano un’intera categoria, con i cognomi per identificare la famiglia, con alcuni aggettivi per indicare una classe di persone, con i nomi geografici di nazionalità e con gli strumenti musicali.
Non si usa per → nomi plurali con significato generale, nomi astratti, pasti, lingue straniere, colori, nazioni, le parti del corpo, i capi d’abbigliamento, con Mr., Mrs., Miss. Ms. e i nomi bed, church, college, hospital, prison e school.
Il genitivo sassone
Il genitivo sassone si utilizza per indicare il possesso di una determinata cosa appartenente a una o più persone.
Si forma aggiungendo al nome della persona o dell’oggetto -‘s
Preposition
Le preposizioni di tempo sono → at + ore, on + giorni, in + mesi/ anni/ stagioni.
Le preposizioni di luogo si dividono in:
Preposizioni di stato in luogo → in per spazi chiusi o delimitati, at per indirizzi e luoghi in genere.
Preposizioni di moto a luogo → to = verso, into = dentro.
Preposizioni di moto da luogo → from = da.
Some
Significa alcuni di…
Si usa in frasi affermative, in frasi interrogative dalle quali si ci aspetta una risposta positiva e per offerte o richieste.
Any
Significa alcuni di…
Si usa in frasi negative e in frasi interrogative.
A lot, much, many
A lot, much, e many corrispondono a “molto”
Si usano:
A lot → in frasi affermative con tutti i nomi.
Much → in frasi negative o interrogative con i nomi numerabili.
Many → in frasi negative o interrogative con i nomi plurali.

Little, few
Little e few corrispondono a “poco”
Little → con nomi non numerabili.
Few → con i nomi plurali.
Ever
Ever si usa nelle frasi interrogative.
Never
Never si usa nelle frasi affermative e negative.
Adverbs of frequency
Gli avverbi di frequenza spesso si trovano tra il soggetto e il verbo principale. Tali avverbi esprimono la frequenza con cui si verifica un’azione. N.B. can, has, have, be, must vogliono gli avverbi dopo.
Adjective and prouns interrogative
Who, whose, what, which.
Quando who, which e what sono soggetto non hanno bisogno dell’ausiliare do.
Quando who, which e what sono soggetto di una frase negativa si usa l’ausiliare do.
Quando gli interrogativi sono retti da una preposizione quest’ultima và messa in fondo alla frase.
Adjective and pronouns demonstrative
This, these, that, those.
Gli aggettivi dimostrativi non sono variabili per genere ma per numero → this(sing), these(plu.)
Adjective and pronouns indefinite
Someone, somebody, anyone, anybody, no one, nobody, everyone, everybody, something, anything, nothing, everything.
Someone, somebody → si usano nelle frasi affermative.
anyone, anybody → si usano nelle fasi interrogative col significato di qualcuno e nelle frasi negative con quello di nessuno.
no one, nobody → corrispondono a nessuno nelle frasi nelle frasi negative con il verbo in forma affermativa.
Something → corrisponde a qualcosa in frasi affermative e rifiuta la preposizione of all’aggettivo che lo segue.
Anything → corrisponde a qualcosa in frasi interrogative e a niente in quelle negative. Rifiuta la preposizione of davanti l’aggettivo che lo segue.
Nothing → corrisponde a niente e vuole il verbo alla forma affermativa. Rifiuta la preposizione of davanti l’aggettivo che lo segue.
Riflessive pronuns
Oneself, myself, yourself, himself, herself, itself, ourselves, yourselves,themselves.
Il pronome si mette dopo il verbo.
Il pronome preceduto da by corrisponde a “da solo”

Comparativi
Uguaglianza:
• As + aggettivo/avverbio + as.
• As much + nome non numerabile + as.
• As many + nome plurale + as.
Maggioranza:
• Aggettivo / avverbio + -er + than.
• More + aggettivo / avverbio + than.
• More + nomi/participi + than.
Minoranza:
• Less + agg./avv./nomi non numerabili + than.
• Fewer + nomi plurali + than.
Superlativi
Maggioranza:
• The + agg. / avv. + -est + of / in.
• The most + agg. / avv. + of / in.
Minoranza:
• The least + agg. / avv. / nomi non numerabili + of / in.
• The fewest + nomi plurali + of / in.
Too and enough
La parola too si mette davanti gli aggettivi e gli avverbi. Assume un significato negativo e indica che qualcosa è più grande di quello che si vuole.
Si forma → too + adjective / adverb + to – infinite.
La parola enough si mette davanti ai sostantivi, ma dopo gli aggettivi o gli avverbi. Assume un significato positivo e indica che la quantità è sufficiente.
Si forma → adjective / adverb + enough + to –infinitive, enough + noun + to –infinitive.
Have got
Il verbo have si usa per indicare che qualche cosa appartiene a qualcuno.
Inoltre il verbo have si usa per descrivere persone anomali o cose.
Can
Il verbo can si usa per indicare capacità.
Inoltre il verbo can si usa per richieste formali, per accordare o rifiutare un permesso e per esprimere possibilità.

May
Esprime possibilità remote, richieste di permesso e per concedere o rifiutare un permesso
Simple present
Si forma con il soggetto e il verbo principale.
Si usa per azioni di routine, azioni o abitudini che si ripetono o per situazioni definitive.
• Affermative: alla terza persona singolare si aggiunge la desinenza –s o –es.
• Negative: si usa la forma sintattica → soggetto + don’t + verbo principale per tutte le persone tranne per la terza singolare. Per la terza persona si usa → soggetto + doesen’t + verbo principale.
• Interrogative: si usa la forma sintattica do + soggetto + verbo principale per tutte le persone tranne per la terza persona singolare. Per la terza persona si usa does + soggetto + verbo principale.
Present countinuos
Il present countinuos si forma con il verbo “to be” aggiungendo la desinenza –ing al tema del verbo principale.
Il present countinuos si usa per azioni che hanno luogo nel momento in cui si sta parlando. Per azioni che hanno luogo temporaneamente, in questo periodo e non necessariamente mentre si sta parlando. Azioni che è sicuro che avverano in un futuro immediato.
Past simple
Il past simple si usa per azioni che sono avvenute o completate ne passato in un periodo determinato. Per azioni che si ripetevano nel passato, ma non avvengono più.
• Affermative: Si forma aggiungendo la consonante –d alla fine dei verbi che terminano in –e.I verbi che terminano con consonante + -y perdono la –y e aggiungono –ied. I verbi che terminano con la consonante davanti alla quale c’è solo una vocale su cui cade l’accento, raddoppiano la consonante finale e prendono la desinenza –ed.
• Interrogative: si forma con did + pronome soggetto + verbo principale.
• Negative: si forma con didn’t + verbo principale alla forma base.
Past continuos
Il past continuos si costruisce con il simple past del verbo “essere” seguito dalla forma in –ing del verbo principale.
Il past continuos esprime azioni continuate al passato, spesso contemporanee ad altre azioni al past simple.
Present perfect
Il present perfect si forma con il presente del verbo “have” seguito dal participio passato del verbo principale. Il past participle si costruisce aggiungendo –ed all’infinito del verbo.
Il present perfect esprime azioni passate ma che hanno uno stretto rapporto con il presente.
Si usa per azioni i cui effetti si prolungano nel presente, quando non ci sono espressioni di tempo, quando il periodo di tempo in cui si è svolta l’azione non è ancora concluso, con certe espressioni di tempo (lately, recentely, already, just, not …jet ), per azioni iniziate nel passato e che continuano nel presente.
Present perfect continuos
Il present perfect continuos si forma con il verbo ausiliare “have” e il past participle del verbo “to be” e il verbo principale terminante con –ing.
La domanda si forma mettendo il verbo ausiliare “have” davanti al soggetto.
La negazione si forma mettendo la parola not fra i verbi “have” e been.
Si usa per un’azione che inizia nel passato e continua ad avere luogo nel presente, per un’azione che è finita recentemente, i cui risultati si vedono nel presente.

Future simple
Il future simple si forma con la parola will e il verbo principale.
La domanda si forma mettendo la parola will davanti al subject pronoun.
La negazione si forma con not dopo will.
Si usa per fare delle previsioni che si basano su quello che si crede o si immagina, per decisioni che si prendono nel momento in cui si parla, per promesse. Si usa l’interrogativa per chiedere a qualcuno di fare qualcosa per noi.
Be going to
La forma affermativa si costruisce con il verbo “to be going to” e il verbo principale.
La domanda si forma mettendo il verbo “to be” davanti al subject pronoun.
La negazione si forma mettendo la parola not dopo il verbo “to be”.
Si usa per parlare di azioni o progetti che si ha intenzione di realizzare in un futuro immediato e per eventi che è molto provabile che si realizzino nel futuro immediato.
Imperative
L’imperativo si forma con il verbo senza soggetto.
La forma negativa dell’imperativo si forma con don’t e il verbo.
Si usa per dare ordini, dare delle indicazioni, offrire qualcosa, chiedere a qualcuno di fare qualcosa.
Conditionals type 0
Esprime verità perenni. Si usa per parlare di qualche cosa che si verifica sempre come conseguenza di qualco’altro.
Si forma: if + present simple →present simple.
Conditional type 1
Esprimono qualcosa di reale o qualcosa che è possibile che si verifichi nel presente o nel futuro.
Si forma usando: if + present simple → future simple.
When and if
When si usa nelle conditionals quando si è sicuri di qualcosa.
If si usa nei conditionals quando non si è sicuri che un fatto si verificherà.
Might and could
La parola might/ could si usa per esprimere possibilità o provabilità.
Should shouldn’t
La parola should si usa per dare dei consigli.
La parola shouldn’t si usa per scoraggiare qualcuno a fare qualcosa.
Must and have to
Si usano per esprimere un obbligo o una necessità.
Must può essere usato soltanto al present tense. Il verbo have to si usa con tutti i tempi.
Must / mustn’t si usa per dare un consiglio. Mustn’t si usa per dare un divieto.
Don’t / doesen’t have to si usa per dire che non c’è bisogno di fare qualcosa.
La past forms dei verbi have to e don’t have to sono rispettivamente had to e didn’t have to.

Be allowed to
Si usa per chiedere, dare o rifiutare un permesso a qualcuno. Il permesso però non dipende dal parlante.
Could and couldn’t
I verbi could e couldn’t sono la past forms dei verbi can e can’t.

Esempio



  



Come usare