Charles I and the clash with Parliament

Materie:Riassunto
Categoria:Inglese
Download:2056
Data:19.09.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
charles-and-the-clash-with-parliament_1.zip (Dimensione: 5.88 Kb)
trucheck.it_charles-i-and-the-clash-with-parliament.doc     31.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

CHARLES I E LO SCONTRO CON IL PARLAMENTO
(1625-1642)
Quando Charles I (1625-1649) successe suo padre James I nel 1625, la questione di chi, tra il re e il parlamento, avesse il potere era ancora instabile. Il padre di Charles aveva sempre evitato confronti diretti con la parte puritana, attiva dai tempi della regina Elisabeth I. Questa parte, i quali membri erano per lo più appartenenti alla classe media, avevano dato origine non solo alla religione ma anche a un movimento sociale e politico, e mantenevano una considerevole maggioranza nel parlamento. I puritani cercavano un vero equilibrio di potere tra il re e il parlamento, e Charles I non era saggio abbastanza per inseguire, da quando lui credeva fermamente di essere un re dalla giustizia divina. Il suo regno era quindi preoccupato dei continui scontri con il parlamento che gli negava qualunque somma di denaro che gli serviva per la sua cosa e per la politica estera.
Charles I era, comunque, un patrono dell’arte e commissionava lavori dal pittore Flemish Rubens (1577-1640) a Van Dyck (1599-1641), gettando le basi dell’attuale collezione reale.
Il re diventò così coinvolto nella guerra con la Spagna e nelle spedizioni in Francia, che prevedeva un fallimento, che il parlamento ruppe in anticipo la Petition of rights, un re della Magna Carta, nel 1628.
Questo documento negava al re il potere di:
• Imporre tasse o prestiti obbligatori senza il consenso del parlamento;
• Imprigionare i sudditi senza ragioni o processi;
• Introdurre leggi di guerra in tempo di pace.
Charles era d’accordo con la Petition ma nel 1629 sciolse ancora il parlamento e governò il paese senza di esso per 11 anni. Decise di finanziare il suo governo con una tassa chiamata “ship money”. Originariamente, le città costiere davano al re le navi per la marina militare reale; ora davano soldi per costruire le navi. Charles dichiaròche tutti i paesi dovevano pagare questa ship money che fossero sulla costa o meno, infatti la marina militare difendeva tutta l’Inghilterra. Altre ragioni per lo scontro con il parlamento furono il matrimonio di Charles con Henriette Marie (1609-1669), la figlia cattolica del re di Francia Henry IV e la sua decisione di nominare il cardinale William Laud (1573-1645), un nemico dei puritani, come vescovo di Canterbury.
Nel 1640 Charles convocò di nuovo il parlamento per ottenere le risorse necessarie a mitigare la ribellione religiosa in Scozia. La prima sessione, conosciuta come Short Parliament, fu congedata dopo tre settimane perché si rifiutavano di assecondare le richieste del re. Il parlamento fu riconvocato nelle stesso anno e fu chiamato Long Parliament, perché durò sino al 1653.
Invece di concedere i soldi, limitò la ragione divina del re intorno a una nuova legge, dove si decideva che il parlamento doveva riunirsi al massimo ogni tre anni. Il vescovo di Canterbury fu incriminato e imprigionato nella torre di Londra e il re fu chiamato a consegnare il commando delle forze armate. Charles rifiutò e la guerra civile scoppiò nel 1642.

CHARLES I AND THE CLASH WITH PARLIAMENT (1625-1642)

Charles I succeded his father James I in 1625, when the situation between King and Parlament was very unsettled. James had always avoided direct confrontation with the Puritan party. They had give rise not only to a religious but also a social and political movement, and held a considerable majority in Parliament. The Puritans wanted a true balance of power between King and Parliament, but Charles thought to be a King by divine right. His reign was therefore trouble by the continuous clash with parliament which denied him the large amount of money.
The King was involved in the war with Spain and in expedition to France, which proved such costly failures, that Parliament brought forward the Petition of right, a kind of Magna Carta.
This document denied the King the right to impose taxes or forced loans without Parliament’s consent; imprison his subjects without reason or trial and introduce martial law in peace time.
Charles did agree to the Petition but in 1629 he dissolved Parliament and ruled without it for eleven years, and he finance his Government with a tax called “ship money”. The town (whether they were on the cost or not) must gave money to the King to build the ships for the Royal Navy. Other reason for the clash with Parliament was the marriage between Charles and Henriette Marie (the Catholic daughter of the King of French) and his decision to appoint William Laud, an enemy of Puritans, as Archbishop of Canterbury.
In 1640 Charles asked help to Parliament to subdue a religious rebellion in Scotland. The first session “short Parliament” was dismissed in three weeks because Parlamient refused the King’s request. The second session “long Parliament” was summoned in the same year and it lasted until 1653.
Instead of granting the money, it limited the divine right of the King through a new act. The Parliament had to meet at least once every three years; the Archbishop of Canterbury was impeached and imprisoned in the Tower of London and the King was asked to give up the command of armed forces. Charles refused and the Civil War broke out in 1642.

Esempio



  



Come usare