Le rocce sedimentarie

Materie:Appunti
Categoria:Geologia
Download:356
Data:14.11.2005
Numero di pagine:8
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
rocce-sedimentarie_5.zip (Dimensione: 9.62 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_le-rocce-sedimentarie.doc     38.5 Kb



Testo

• 6 ROCCE SEDIMENTARIE
*FORMAZIONE DELLE ROCCE SEDIMENTARIE
Le rocce che si sono formate in condizioni fisiche e chimiche diverse da quelle della superficie terrestre sono instabili quando si trivano a contatto con l atmosfera. Nelle nuove condizioni i minerali si alterano chimicamente, le rocce si disgregano e formano detriti di varie dimensioni. Il materiale puo essere costituito da piccole particelle o ioni e molecole piu grandi tipo frammento cristalli. SEDIMENTI SCILOTI sono detriti depositati da acqua mari fiumi vento…al materiale inorganico si aggiungono anche componenti organici che si aggregano dirante il trasporto. La pressione dei materiali sovrastanti provoca l espulsione dell acqua che sta tra i sedimenti che è ricca di di sedimenti sciolti cosi si ha la COMPATTAZIONE del materiale. L acqua precipitando si deposita unendo i sedimenti disciolto
La CEMENTAZIONE introduce nuova materia minerale nei pori di un sedimento: CEMENTO costituisce la forza legante che unisce i grani e litifica il sedimento sciolto. Contemporaneamente alla compattazione e alla cementazione si verificano reazioni chimiche tra minerali costituenti il sedimento tra minerali del sedimento e i fluidi circolanti. Il sedimento sciolto si trasforma in roccia dura e compatta. L insieme dei processi chimicofisici che trasformano i sedimenti sciolti in rocce sedimentarie compatte si dicono DIGENESI.
*STRUTTURA DELLE ROCCE SEDIMENTARIE
Per la deposizione dei sedimenti si hanno andamenti irregolari e lunghi con variazioni nel tempo. Tra i 2 periodi di intensa sedimentazione cè un momento in cui il materiale depositato è scarso o nullo e x questo che le roccie sono formate da STRATI(unita strutturali di base delle roccie sedimentarie con vario spessore tra 1cm e +do 4/5. Sono accumulati 1 sopra l'altro con il passare del tempo)LAMINE( strati millimetrici dovuti all azione del vento o dell acqua che ha trasportato i dedimeti)
*ROCCE CARBONATICHE
Contengono oltre ai silicati i minerali cartonatici. Costituiti dallo iono CO2-3 che si lega con iono positivi Ca2+ e Mg2+ Lo ione carbonato si forma dalla reazione dell anidride carbonica con l acqua. Deve avere piu del 50% di minerali cartonatici.(calcite e dolomite)
Gli organismi roducono carbonatio poiché usano iono CO2-3 e Ca2+ del cibo. Si formano anche chimicamente.
OOLITI palline ovoidali con 1 nucleo circondato da lamelle concentriche sono marine di lago grotte o calcaree formandosi in zone tropicali vicino ad oceani nelle profondita tra 2 e 5 m dove le acque sn +agitate.
*ROCCE CLASTICHE
Dette anche detritiche sono formate da frammenti di rocce preesistenti che dopo l erosione sono state trasportate e trasformate in roccia.I granuli deritici che la formano sono soggetti a trasporti +o- lunghi il che da ol loro arrotondamento.I detriti che si accumulano ai piedi delle pareti rocciose delle montagne hanno spigoli vivi.se la dimensione dei granuli è +grande si 2mm=ghiaia(sedimento sciolto e conglomerato) tra i 2mm e 1/16mm è sabbia(se compatta arenaria) tra 1/16 e !/256 si dice silt se sciolto ma compatto è siltite. Sotto i 0.004 mm si dice argilla e argillite se compatta. QUARZENI arenarie con +do95%di quarzo e con meno % sono ARCOSE se cè +roccia sono detti LITARENITI
*ROCCE PIROCLASTICHE
Rocce magmatiche felsiche(di origine) e sedimentarie(x deposizione) sono stratificata dopo la fase eruttiva.Frammenti espulsi da vulcani esplosivi.I frammenti espulsi in aria si compattano quando sopra di essi si deposita altro materiale e quando cè una notevole pressione sovrastante si deposita cemento. La classificazione si basa sulle dimansioni dei granuli. Breccie frammenti grandi che cadono nelle vicinanze del vulcano(+di 32m)Lapilli sn+ piccoli(tra 32 e e 4mm) cenere grossolana 4 e 0,2 mm e tra aldi sotto si dice cinerite.
*ROCCE ORGANOGENE
Costituite da frammenti provenienti da resti dello scheletro o da prodotti dell attivita di organismi.Devono avere +di50%di presenza organica.Si formano in bacini sedimentari e subiscono la diagenesi fino a diventare rocce.Si creano grazie a fondali di mari profondi con fango ricco di organismi microscopici che con i loro gusci calcarei o silicei creano un fango che da origine a rocce(calcari pelagici radiolariti diatomiti)
*COMBUSTIBILI FOSSILI
Prodotto di molti processi chimici e fisici di fossilzazione di vegetali.(GUANO si forma dall accumulo di escrementi di uccelli marini).Il materiale residuo + si arricchisce di carbonio +è calorifico. C è la torba (molta acqua poco potere calorifico)lignite(ha ancora la struttura del legno)antracite(sono veri carboni con molto carbonio)IDROCARBURI sono sostanze che derivano dalla decomposizione di resto organici senza ossigeno.Si accumulano nelle rocce porose sono solidi (bitume)liquidi(petrolio) o aeriforme(gas naturalie).
*ROCCE CHIMICHE
Si formano in bacini sedimentari marini o continentali dove ci sn molti fenomeni chimici con la produzione di sostanze solide insolubili depositate sul fondale.Hanno processo di deposizione chimico e si creano quando le acque di fiumi si mischiano con il mare creando sali insolubili.spesso sn i cambiamenti di temperatura che danno la deposizione.Quando la temperatura scende la solubilità diminuisce facendo depositare i sali insolubili formatisi. Alcune si formano in ambiente continentale dopo a cambiamenti di temperatura e pressione Travertino alabastro stalattiti e stalagmiti si formano da sovrastrutture di bicarbonato e calcio vicino a sorgenti o cascate.Le ROCCE RESIDUALI sono sali ossidii e idrossidi di ferro e alluminio.Bauxite si forma con ossidi e idrossidi di alluminio.
*EVAPORITI
costituite da sali poco solubili in bacini marini o lacustre dopo evaporazione parziale dell acqua dove erano sciolti.I cristalli deposotati sul fondo formano strati di sedimenti evaporatici(mar Rosso Morto gran lago salato)
*ROCCE SILICEE
Alcuni organismi marini con scheletro ricco di silicio permettono la concentrazione del minerale formando rocce silicee.Tra queste la piu noto è la SELCE compatta dura molto resistente quasi tutta di quarzo.A seconda del colore e delle impurezze vengono chiamate selci rorre le diaspri e ftanti quelle grigie o nere.oplale è fatta di silice amorfa.
• 7. ROCCE METAMORFICHE
*PROCESSI METAMORFICO
trasformazione di rocce magmatiche e sedimentarie dovuto al riscaldamento o compressione.La trasformazione è di tipo minerale o di forma e disposizione all interno della roccia.METAMORFISMO adeguamento della struttura e composizione di 1 roccia a condizioni diverse da quelle nella quali si è formata.Occorre che il processo avvenga allo stato solido (se no è magma).Questa fusione parziale determina fenomeni di anatessi.Le cause sono l aumento di temperatura e pressione.sopra 300°C le reazioni chimiche tra i componenti dei minerali sono piu veloci.La pressione alta da maggior compattezza.
A seconda dell intensita dei 2fattori si anno:
(*)met.REGIONALE(di temp e press)
Interessa le rocce che con il continuo dinamismo della crosta terrestre ,sono trasportate in profondita.Dato che la temperatura e la pressione aumenta piu si scende il metamorfismo dipende dalla profondita.
SERIE METAMORFICA=Rocce con stessa composizione minerale di partenza ma con trasformazione +accentuate.
Le argilliti arenarie si trasformano in FILLADI(met basso grado ardesia) MICASCISTI(medio grado)GNAISS(alto grado con composizione simile al granito)
met(*)t di CONTATTO(temp)
La roccia non viene trasportata verso il basso ma subisce l effetto termico prodotto da magma incandescente.Si verifica ai confini di rocce magmatiche che fanno cuocere le rocce circostanti senza fonderle. Infatti interessa rocce superficiali.La cottura comporta la ricristallizazione dei minerali preesistenti con rassettamenti di struttura. Ricristallizazione è dovuta alla mobilita che hanno le particelle dei reticoli quando la temperatura è maggiore.A causa di questo fenomeno ci sono reazioni fra i componenti minerali preesistenti e con formazione di nuovi minerali.Le rocce che derivano da questo metamorfismo sono dette CORNUBINATI(marmo)
(*)CATACLASTICO(prevalente pressione)
le rocce interessate sono sulla superficie e la pressione è data dai movimenti della crosta che spinge grandi massi gli 1 contro gli altri.O quando le rocce scorrono le una sulle altr prodicendo cosi una frizione che causa lo sbriciolamento di rocce causando un aumento di calore che causa metamorfismo.
*FACIES METAMORFICHE
GRADO METAMORFICO intensita delle azioni alle quali è stata sottoposta la roccia durante le trasformazioni metamorfiche
Nelle condizioni di bassissimo grado di metamorfismo le caratteristiche sfumano in tipici processi sedimentari.Ma se di alto grado i materiali giungono alle soglie della fusione sovrapponendosi al processo magmatico.Rocce di origine e composizione diversa ma sottoposte a uguali condizioni metamorfiche sono parte della stessa facies metamorfica(facies= insieme di caratteristiche che consentono di risalire alle condizioni ambientali di formazione di 1 roccia). La facies delle zeoliti indica un metamorfismo di basso grado dato da temperatura e pressione non alta. La facies conturbaniti è tipica di 1metamorfismo dato dal calore al contrario di quella di scisti che è data da pressione.eclogiti dovuta a pressione e temperatura alte.
*STRUTTURA DELLE ROCCE METAMORFICHE
nel metamorfismo di contatto si formano strutture non orientate: la roccia presenta una disposizione e forma di cristalli senza direzione precisa(marmo). Nell processo regionale la temperatura determina ricristallizzazione e la pressione la formazione di strutture orientate.Che dipende dal fatto che la pressione non agisce con la stessa intensita in tutte e 2 le direzioni ma è maggiore lungo certe direttrici
SCISTOSITA=tipo di struttura dive sono ben evidenti delle bande contorte dovute alla presenza di minerali e sviluppo lamellare.Si didono in lastre tra in piano di scistosità e l'altro.So riconosce perché si svolge su piani non paralleli a quelli di stratificazione con molti accavallamento.I cristalli sono disposti per strati paralleli.
MINERALI INDICE minerali che si formano in ambiti ristretti di temperatura e pressione utili rilevatori di condizioni fisiche nelle quali è avvenuto il metamorfismo.
• 8 TERREMOTI
*SISMOLOGIA E TERREMOTI
simologia=branca della geofisica che studia i terremoti o sismi e la struttura interna della terra
terremoto=vibrazione del terreno prodotta dalla rottura do grosse rocce situate nel sottosuolo
TETTONICA=studio delle deformazioni e dislocazioni che le rocce subiscono grazie a forze interne del pianeta
La scossa di terremoto è avvertita quando le ondesismoche che si propagano dal punto in cui si è prodotta la frattura transitano nel sottosuolo.Oani volta che si verifica un evento sismico è come se la terra fosse sottoposta a 1 radiografia che i sismologi leggono.
*COMPORTAMENTO ELASTICO DELLE ROCCE
FAGLIA= frattura scomposta della crosta:Vicino ad essa 1 2 blocchi rocciosi separati hanno 1 movimento reciproco.Quando il materiale solido e compresso o striraro si deforma con modi che dipendono dalle caratteristiche del solido stesso.
comportamento PLASTICO= Se all applicazione di una forza subisce una deformazione permanete anche quando cessa di essere applicata(pongo)
ELASTICO=all applicazione di una forza subisce una deformazione proporzionale alla forza applicata e se cessa l applicazione della forza recupera la forma originaria.(elastico che teso fino ad 1tot poi ritorna)
TEORIA DEL RIMBALZO ELASTICO=le roccie della crosta reagiscono all applicazione di una forza come un elasticocce prima si allunga e poi dopo si spezza ma accumulando energia elastica.Continuando lo sforzo l energia accumula supera il punto critico detto carico di rottura e le rocce si rompono.l energia sprigionata è 1 improvvisa vibrazione propagata in tutte le direzioni.
*CICLICITÀ STATICA DEI FENOMENI SISMICI
IPOCENTRO=dove ha origine 1 terremoto
EPICENTRO=proiezione sulla superficie del terremoto
Una volta esaurito il sisma inizia ad accumularsi energia cosi la faglia si rimette in movimento quando lo sforzo applicata avrà superato il limite cosi si avrà un altro terremoto. Cio si ripete ciclicamente.PERIODO DI RITORNO=tempo tra 2 eventi sismico di una certa intansita.
*ONDESISMICHE
In ogni corpo solido possono propagarsi 2 tipi di onde:LONGITUDINALI=si propagano per compressione e dilatazione variando il volume.
Onde TRASVERSALI=le vibrazioni delle particelle hanno luogo in piani perpendicolari alla direzione di propagazione.
ONDE P(prime) sono longitudinali e veloci ed arrivano x prime agli strumenti.
ONDE S (seconde)dopo le prime
ONDE L (lunghe) terzo gruppo che con massima ampiezza arrivano per ultime al sismografo.si propagano solo in superficie.
MAREMOTO=quando l epicentro è in mare le onde sismiche si propagano nel liquido .In prossimità della crosta le onde toccano il fondo e la loro altezza aumentano

*MISURA DI VIBRAZIONI SISMICHE
SISMOGRAFO=rileva il passaggio di onde sismiche le registra e produce un grafico del movimento del terreno.da sismogramma si possono ricavare le caratteristiche del terremoto.Il funzionamento si basa sul principio di inerzia.Nel sismografo è presente 1 corpo di massa elevata non vincolato al terreno.Questo tende a mantenere il proprio stato in quiete.Al corpo è collegato un pennino che scrive sul rullo di carta solidale al terreno che scorre con velocita costante.Al passaggio delle onde sismiche la massa pesante tende a rimanere immobile e registrare lo spostamento del terreno che vibra
*DETERMINAZIONE DELLA POSiZIONE DELL EPICENTRO
DROMOCRONE=curve tracciate su un piano spazio-tempo in base a 1 serie di dati sulla velocita delle onde sismiche ricavati da terremoti naturali e da esplosioni nucleari effettuate in località note
*ENERGIA DEI TERREMOTI
SCALA RICHTER=determina l energia rilasciata da un terremoti

Esempio