Il vulcanismo

Materie:Appunti
Categoria:Geologia

Voto:

1.5 (2)
Download:215
Data:25.06.2007
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
vulcanismo_3.zip (Dimensione: 6.75 Kb)
trucheck.it_il-vulcanismo.doc     33 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Il vulcanismo
Il vulcanismo e caratterizzato dalla risalita in superficie dei magmi che sono materiali rocciosi allo stato fuso, mescolati a gas e a altri vapori. Il processo di fusione del materiale roccioso in fluido nn avviene bruscamente, ma gradualmente. La risalita del magma e relativamente rapida e avviene attraverso le rocce solide sovrastanti, sfruttando ogni fessura che il magma tende ad ampliare o a generare. La velocità di risalita dipende dalla viscosità del magma, il volume di magma che si forma etc. Gli edifici vulcanici si accrescono o all estremità aperta in superficie (cratere) di un condotto di forma cilindrica (vulcani areali) oppure lungo spaccature che penetrano all interno della terra (vulcani lineari) che permettono la risalita di materiale fuso. Il condotto vulcanico mette in comunicazione l edificio esterno con l area di alimentazione. Nella sua risalita il magma può ristagnare in una camera magmatica da dove arriva all esterno e alimenta l eruzione
La forma di un vulcano
Per magma va detto ci riferisce al materiale fuso all interno della crosta, ma qnd questo fuoriesce si parla di lava. Qnd la lava esce dal cratere, gas e vapori si uniscono all atmosfera, mentre i prodotti fusi si accumulano fino a formare l edificio vulcanico, ovvero il vulcano. La forma del vulcano dipende dai prodotti eruttati . Esiste il vulcano-strato, che si forma qnd fasi di effusione laviche si alternano con periodi di emissioni esplosive di frammenti che si posizionano introno al cratere formando i piroclastiti. L edificio vulcanico che si forma assume la forma di un cono, costituito da un alternanza di strati di lava e piroclastici. Un altro tipo di vulcano è qllo a scudo, dovuto alla notevole fluidità delle lave eruttate, in grado di scorrere x lunghe colate di molti km, prima di consolidarsi, mentre gli episodi di esplosione sono assenti. Di tale tipo sono il vulcano delle Hawaii
I tipi di eruzione
Il fattore che + di tutti influenza il tipo di attività vulcanica è la viscosità del magma in risalita, molto elevata per quelli acidi e molto minore in quelli basici.
Eruzioni di tipo Hawaiano: sono caratterizzate da effusioni di lave molto fluide, che danno origine a vulcani a scudo. La sommità di qsti vulcani e occupata da un ampia depressione, la caldera e delimitata da ripide pareti. Sul fondo della caldera, fenomeni di collasso molto minori possono originare un cratere di forma nettamente cilindrica, con pareti verticali chiamato cratere a pozzo. Questo comporta fontane di lava
Eruzioni di tipo islandese: La lava sempre molto fluida fuoriesce da lunghe fessure invece che da un edificio centrale. Il ripetersi di tali eruzioni dalla stessa fessura porta alla formazione di espandimenti lavici basaltici, quasi verticali di spessore relativamente modesto.
Eruzioni di tipo stromboliano: sono eruzioni dall isola di Stromboli in cui predomina un attività esplosiva + o meno regolare. In queste eruzioni la lava, abbastanza fluida ma meno che negli altri tipi di eruzioni, ristagna periodicamente nel cratere dove inizia a solidificare. Al di sotto della crosta solida che cosi si forma si vanno accumulando i gas che si liberano dal magma e nel giro di un intervallo la pressione dei gas cresce fino a far saltare la crosta con violente esplosioni che lanciano in aria frammenti di lava fusa. Esaurita l azione dei gas la lava torna nel fondo del cratere e si forma una nuova crosta solida
Eruzioni di tipo vulcaniano: sono caratterizzate da un meccanismo simile a quello stromboliano solo che la lava e molto viscosa per cui i gas si liberano con molta difficoltà, mentre la lava solidifica nella parte alta del condotto, formando un tappo di grosso spessore. I gas impiegano tempi lunghissimo per raggiungere pressioni sufficienti a far saltare il tappo e l esplosione successiva e violentissima
Eruzione d tipo vesuviano: è un tipo di attività vulcanica caratterizzata dalla violenza dell esplosione iniziale che svuota gran parte del condotto superiore: il magma puo quindi risalire a gran velocità da zone profonde fino a uscire dal cratere provocando esplosioni. Qnd qst tipo di eruzioni raggiungono il loro aspetto + violento sono di tipo pliniano. La violenza dell esplosione e tale da far fuoriuscire la colonna di gas in alto per molti km, prima di espandersi in una gran nuvola.
Eruzioni di tipo peleeano: sono caratterizzate dall emissione di lava ad altissima viscosità e a temperature relativamente basse, che viene spinta fuori dal condotta qsi solida e forma cupole alte centinai di metri. Possono sfuggire dalla base di queste protuberanze grandi nubi di gas
Qllo che esce da un vulcano
I tipici prodotti di attività vulcaniche sono materiali aeriformi e solidi. I materiali aeriformi hanno natura nn ancora nota ma sappiamo che i prodotti + abbondanti sono il vapor d acqua e l anidride carbonica seguita da composti di zolfo azoto etc. La loro importanza e fondamentale per due motivi: hanno contribuito a formare l atomosfera e continuano ad alimentarla ed è la loro presenza a favorire la risalita e l innesco di eruzioni del magma. I materiali solidi meglio conosciuti solo le colate di lava e le piroclastici, che si formano per accumulo dei frammenti solidi di varia dimensione e natura, espulse dal vulcano nella fase esclusiva
Tipi di vulcanismo
Vulcanismo effusivo: quando un magma fluido risale verso la superficie, al diminuire delle pressioni, gli aeriformi in esso disciolti si liberano con relativa facilità. All estremita seriore del condotto, dopo aver fatto saltare con la pressione l eventuale ostruzione, i gas si liberano con forza mentre successivamente la lava fuoriesce e fluisce. La manifestazione + evidente di vulcanismo effusivo avviene sott acqua ed e associata a una serie di profonde fessure che tagliano l intera crosta e che segnano l asse delle dorsali oceaniche cioè ql sistema di fasce rilevate dai fondali marini che percorre tutti gli oceani. Se i materiali eruttati si trovano a gran profondità, in modo che la pressione dell acqua impedisca ai gas la fuga, la lava fluisce dalle fessure e si consolida colle strutture a cuscini. Se invece l eruzione avviene a profondità moderate, sotto modeste pressioni, l emissione della lava e accompagnata da esplosioni che liberano nubi bianche di gas sulla superficie marina. La lava si accumula e l edificio, emerge piano piano in superficie. Alcuno edifici vulcanici si formano dall attività di un punto caldo, zone ristrette della superficie terrestre caratterizzate da vulcanismo attivo persistente da milioni di anni.
Vulcanismo esplosivo: Qnd il magma che risale e molto viscoso e ricconi gas, il meccanismo dell eruzione prende un aspetto ben diverso. Al diminuire della pressione i gas iniziano a liberarsi in piccole bollicine ma nn riescono ad espandersi liberamente. Qnd la pressione dei gas sale per vincere la resistenza della massa fusa e della crosta ben consolidata, si verifica una violentissima esplosione e i gas roventi escono dal cratere con estrema violenza. Si forma cosi una nube ardente, una densa sospensione ad alta temperatura di gas vapori e frammenti solidi. Qnd la nube perde energia e i gas si disperdono, il materiale solido ricade sul vulcano e scorre velocemente formando estese colate piroclastiche. Se l esplosione avviene lateralmente la nuvola ruota intorno al pendio a gran velocità. Il vulcanismo esplosivo porta all accumulo di grandi quantità di materiali piroclastici, mentre le lave sono meno abbondanti e in genere non formano lunghe colate ma ristagnano in prossimità del centro eruttivo. Esiste un tipo di vulcanismo esplosivo la cui manifestazione non appare collegata con la natura del magma: il vulcanismo idromagmatico dovuto all’interazione tra magma e l’acqua che permea le rocce. Il passaggio dell’acqua allo stato di vapore genera enormi pressioni che possono far saltare l’intera colonna di rocce sovrastanti., Dal cratere esce con gran violenza una colonna di vapore che trascina con sé frammenti di rocce e la lava finemente polverizzata. Dalla base di questa colonna parte una specie di onda d’urto concentrica tipica dei esplosioni violente che danno origine ad un’intensa nuvola a forma di anello.
La distribuzione geografica dei vulcani
La distribuzione degli oltre 500 vulcani attivi e delle grandi effusioni laviche sul fondo degli oceani non è casuale né uniforme ma si concentra in alcune zone
Vulcanismo lungo le dorsali oceaniche: il tipo di vulcanismo più esteso è quello legato all’emissione di gigantesche quantità di lave basaltiche dalle fessure delle dorsali oceaniche, dando vita a un tipo di vulcanismo sottomarino effusivo. In alcuni casi come ad esempio in Islanda questo tipo di vulcanismo è arrivato a manifestarsi sopra il livello del mare.
Vulcanismo lungo il margine di un continente o lungo catene di isole:i vulcani più famosi della terra con la familiare forma a cono e con un cratere alla sommità si sono sviluppati per la maggior parte lungo margini di continenti fiancheggiati da fosse abissali oppure fanno parte di intere catene di isole vulcaniche. Sono tutti tipi di vulcani altamente esplosivi i cui prodotti sono di natura da intermedia ad acida
Vulcanismo in centri isolati o punti caldi: esistono numerosi vulcani posti in piena area oceanica o all’interno di un continente. Tra quelli oceanici il più esteso è quello delle Hawaii mentre tra quelli continentali il più spettacolare è quello in Africa.

Esempio



  



Come usare