svezia

Materie:Tesina
Categoria:Geografia
Download:138
Data:24.04.2006
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
svezia_3.zip (Dimensione: 8.23 Kb)
trucheck.it_svezia.doc     31 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LA SVEZIA,IN SVEDESE SVERIGE, E’ UNO STATO DELL’ EUROPA SETTENTRIONALE SITUATO NELLA PENISOLA SCANDINAVA. E’ UNA MONARCHIA COSITUZIONALE NELLA QUALE,IN BASE ALLA LEGGE ENTRATA IN VIGORE IL 1° GENNAIO 1975, IL RE SVOLGE UN RUOLO PURAMENTE SIMBOLICO. LA FUNZIONE LEGISLATIVA E’ ASSEGNATA AL PARLAMENTO UNICAMERALE (RIKSDAG),MENTRE IL POTERE ESECUTIVO SPETTA AL GOVERNO. SUL PIANO AMMINISTRATIVO IL PAESE E’ DIVISO IN 24 CONTEE.
CONFINA AD OVEST CON LA NORVEGIA ED A NORD-EST CON LA FINLANDIA. E’ BAGNATO AD EST DAL MAR BALTICO E DAL GOLFO DI BOTNIA; A SUD-OVEST IL LUNGO BRACCIO DI MARE DEL KATTEGAT LO DIVIDE DALLA DANIMARCA.
LA CAPITALE E’ STOCCOLMA,CON CIRCA 685 000 ABITANTI,CHE SORGE IN UN PICCOLO GOLFO DEL MAR BALTICO.
ALTRE IMPORTANTI CITTA’ SONO GÖTEBORG,MALMÖ,UPPSALA,VÄSTERÅS,NORRKÖPING E ÖREBRO.

GEOGRAFIA FISICA

TERRITORIO
Nel paese si possono distinguere cinque vaste regioni naturali.
1. Il Nord-Ovest montuoso,che comprende il versante e i contrafforti orientali delle Alpi Scandinave ed è dominato da alcune cime elevate. Esse sono separate da valli parallele nelle quali si aprono laghi glaciali
2. Il Norrland ( Paese del Nord ) e la Dalecarlia,che presentano una serie di pianure e altipiani,disposti dal golfo di Botnia ai contrafforti montuosi occidentali. Questa zona comprende anche una parte della Lapponia.
3. Lo Svealand ( Paese degli Svear ) è la regione dei grandi laghi ed è posizionato tra il Baltico e lo Skagerrak. Forma una serie di pianure anticamente coperte da mari e laghi post glaciali. I grandi laghi ( Vänern,Vättern e Mälaren ) hanno origine tettonica e sono situate nelle vicinanze di una depressione le cui parti basse sono ricoperte da depositi argillosi.
4. Lo Smaland è costituito da un altopiano antico,in cui si verificarono numerosi fenomeni tettonici. Sono presenti numerosi laghi e paludi.
5. La Scania e le isole Öland e Gotland sono pianure leggermente ondulate e costituiscono la zona più favorevole all’ agricoltura. La costa rimanente è ricca di baie strette e profonde,dette fjärd o vik. Sono presenti infinità di isole e isolotti che formano l’arcipelago costiero,detto skärgård.

CLIMA E VEGETAZIONE
Le montagne scandinave impediscono l’influenza dell’Atlantico perciò il clima della Svezia è molto più rigido di quello della Norvegia. La piovosità è più scarsa e,generalmente,diminuisce da Ovest a Est. Le temperature inferiori allo zero,che delimitano la zona a clima artico,si trovano esclusivamente in Lapponia. Queste differenze climatiche spiegano la presenza di varie zone di vegetazione. La Lapponia,che corrisponde alla zona artica,è caratterizzata da una vegetazione con betulle nane e macchia rada,la tundra. I barrskog,che sono immense foreste di conifere,coprono il Norrland,la Dalecarlia e il Värmland. Più a Sud,nello Svealand,si trova la quercia e,più raramente,anche il faggio.

IDROGRAFIA
Il territorio della Svezia è ricoperto da fiumi e laghi per oltre l’8%.I maggiori bacini lacustri sono i laghi situati nella Svezia centrale: Vänern,Vättern e Mälaren. Molti laghi formatisi nell’era della glaciazione quaternaria,che ha modificato profondamente il territorio svedese,si trovano anche sui monti. Essi,insieme ai ghiacciai,alimentano numerosi corsi d’acqua. I fiumi della regione settentrionale sono molto importanti economicamente perché sono sfruttati per la produzione di energia.

GEOGRAFIA UMANA

La popolazione della Svezia è concentrata nelle regioni meridionali e centrali del paese e lungo la costa del golfo di Botnia. E’ di stirpe germanica ma comprende alcune minoranze: Finlandesi,distribuiti lungo i confini settentrionali e orientali; Lapponi allevatori di renne, che vivono allo stato nomade nelle regioni montuose della Dalecarlia; immigrati dai paesi dell’Europa meridionale.
Fino al secolo scorso la popolazione svedese era soprattutto rurale e viveva sparsa in fattorie isolate o in piccoli borghi e villaggi. Dalla fine del XlX secolo si è verificata una tendenza sempre maggiore all’insediamento urbano,di conseguenza allo sviluppo industriale del paese.
La lingua ufficiale è lo svedese,la religione professata della maggioranza della popolazione è quella luterana. Dal 1958 ,in Svezia,anche le donne possono accedere alla carriera ecclesiastica.

GEOGRAFIA ECONOMICA

Fino alla metà del XlX secolo l’economia svedese era di tipo essenzialmente rurale e l’unica attività industriale era rappresentata dallo sfruttamento delle miniere di ferro e di rame del Bergslag. L’utilizzo delle immense foreste del Norrland e delle enormi riserve idriche, con la costruzione di grandi centrali idroelettriche,sono gli elementi base che hanno reso possibile la trasformazione della Svezia da paese a economia agricolo – forestale a paese industriale.
La Svezia vanta un prodotto nazionale lordo pro capite tra i più alti d’Europa e un tenore di vita tra i più elevati del mondo.

L’organizzazione svedese assurse per lungo tempo a modello sociopolitico di stretta collaborazione tra Stato socialista e padronato: quest’ultimo, infatti, conservava notevole potere poiché solo il 7% dell’industria era nazionalizzata.
Tuttavia oggi la situazione si è fatta difficile :la Svezia non è sfuggita alla crisi economica mondiale e la necessità di mantenere la competività sui mercati esteri è entrata in conflitto con le esigenze salariali e la democrazia sociale, e la pesante pressione fiscale ha cominciato ad apparire insopportabile.

L’AGRICOLTURA E LA PESCA
L’agricoltura svedese ebbe per molto tempo un mediocre sviluppo , a causa della rigidità del clima e del suolo poco fertile; le uniche regioni produttive erano la Scania e le pianure argillose intorno ai grandi laghi. Nel XlX secolo furono condotti studi e ricerche per aumentare la produttività dei terreni. L’impiego di concimi, l’alta meccanizzazione agricola e la diffusione delle associazioni cooperativistiche
hanno permesso di ottenere rendimenti più alti.
Le principali colture sono rappresentate da cereali ( frumento, orzo, avena, segale ), barbabietola da zucchero e patate.
Anche l’allevamento ( bovini,ovini e suini ) che,a causa dell’esiguità dei pascoli permanenti,sfrutta la produzione cerealicola,viene praticato in maniera moderna e consente elevati rendimenti. Molto sviluppata è l’industria lattiero-casearia. I suoi prodotti,burro e formaggi,sono destinati in gran parte all’ alimentazione e in parte vengono esportati. Abbondanti risorse provengono dalla pesca marittima ,praticata sia sulla costa sud occidentale,sia lungo le coste del golfo di Botnia e del Mar Baltico.

L’ INDUSTRIA
Lo sviluppo industriale della Svezia è stato favorito dalla presenza di tre grandi ricchezze naturali: il “ carbone bianco”, cioè le riserve idriche;il cosiddetto “oro verde”, cioè il patrimonio forestale; e le risorse minerarie.
Lo sviluppo prese lo slancio a partire dal 1870 con la creazione dell’industria del legno,poi quella della carta e,infine del settore metallurgico.Esso procedette a ritmo serrato fino alla seconda guerra mondiale, per rallentare poi nei decenni successivi.
Le imprese private sono potenti complessi industriali e finanziari con numerose filiali all’estero: Volvo,Electrolux,SFK sono colossi mondiali.
A causa della propria dipendenza energetica e commerciale, l’industria svedese sta compiendo una vera e propria riconversione; le vecchie industrie nate e situate presso le fonti di energia e di materie prime vanno a poco a poco scomparendo , lasciando il posto a stabilimenti che sfruttano il vantaggio tecnologico della Svezia e che si stabilizzano in prossimità dei grandi assi di comunicazione.
Il potenziale idroelettrico viene sfruttato al massimo, ma fornisce solo poco più della metà della complessiva produzione di energia elettrica;l’altra metà viene prodotta da centrali nucleari ,la cui attività dovrebbe però diminuire e cessare completamente entro il 2010. Come altre fonti di energia la Svezia può contare ,a parte le minime quantità di carbone,solo sulla torba della Scania.
Le grandi foreste sono state all’origine di una parte della tradizione industriale svedese.Estese su oltre il 60% del territorio, rappresentano un capitale considerevole. Predominano gli abeti,i pini e i latifoglie. Sono utilizzati per la produzione di pasta di legno e di carta.
Le risorse minerarie svedesi sono varie e abbondanti;le più importanti sono rappresentate dai giacimenti di ferro,che presentano minerali ad alto tenore o assai ricchi.Tuttavia l’estrazione dei minerali di ferro è al di sotto dei livelli raggiunti negli anni Settanta.E’ invece notevolmente aumentata la produzione di rame,mentre sono stazionarie o in flessione quelle di piombo,zinco e tungsteno e in aumento quelle di oro,argento e fosfati.L’aumento dei prezzi dell’acciaio e la concorrenza internazionale hanno colpito duramente le costruzioni navali.Le industrie meccanica ed elettromeccanica producono attrezzature per centrali elettriche,macchine utensili,macchine agricole,automobili e veicoli industriali,aerei,cuscinetti a sfera,elettrodomestici,ecc. Anche la robotica sta guadagnando terreno.Notevolmente sviluppata è l’industria vetraria,è ,invece, in crisi l’industria tessile.Una produzione tipicamente svedese è quella dei fiammiferi.

LE VIE DI COMUNICAZIONE E GLI SCAMBI COMMERCIALI
I frequenti dislivelli del terreno rendevano difficoltose le comunicazioni nel paese,che è pure dotato di una rete fluviale abbastanza estesa e ramificata. L’introduzione delle linee ferroviarie ha avuto perciò conseguenze notevoli nella distribuzione della popolazione,ma soprattutto nello sviluppo economico.Il traffico ferroviario infatti è prevalentemente commerciale ed effettua in particolare il trasporto del minerale di ferro dalle miniere ai porti di esportazione.
Le strade hanno avuto buono sviluppo,grazie al trasporto dei carichi pesanti che avviene soprattutto sulla strada e all’aumento della motorizzazione privata,conseguente all’alto tenore di vita del popolo svedese.
Molto sviluppato è il traffico marittimo.I principali porti sono Göteborg,il maggiore, Malmö,Stoccolma,Luleå,ecc.
Le linee aeree hanno importanza soprattutto per i voli internazionali ,poiché quelli nazionali non sono molto diffusi.Il principale aeroporto si trova a Gromma,presso Stoccolma.
L’economia della Svezia dipende fortemente dagli scambi commerciali;il paese importa soprattutto generi alimentari,materie prime e prodotti manufatti.Le esportazioni riguardano materie prime e prodotti industriali.La maggior parte del traffico è diretto verso la Germania,la Norvegia,la Danimarca,gli Stati Uniti,i Paesi Bassi e la Francia.

Esempio