Siria

Materie:Appunti
Categoria:Geografia

Voto:

1.5 (2)
Download:118
Data:14.03.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
siria_1.zip (Dimensione: 4.85 Kb)
trucheck.it_siria.doc     27.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Siria

Repubblica (Al-Jumuhriya al-'Arabiya as-Suriya) dell'Asia occidentale.
Superficie: 185.180 km2, compresi 4070 km2 di acque interne.
Popolazione: 12.958.000 ab.
Capitale: Damasco.
Lingua: arabo.
Religione: musulmana; numerosi i cristiani.
Unità monetaria: la lira sterlina siriana.
Confini: a nord con la Turchia, a est e sud-est con l'Iraq, a sud con la Giordania, a sud-ovest con Libano e Israele, a ovest è bagnata dal Mare Mediterraneo.
Ordinamento: Repubblica presidenziale.

GEOGRAFIA
Il territorio è formato da una serie di tavolati desertici sabbiosi e sassosi, interrotti da rilievi, mentre isolato all'estremità meridionale si eleva il gruppo vulcanico del Gebel Druso. Il settore sudoccidentale del Paese è interessato dai rilievi del Gebel ech Cheikh (monte Hermon) e dell'Antilibano. La costa è pianeggiante. I fiumi principali sono l'Eufrate e l'Oronte, che percorre i bacini di Homs e di Hama e la fossa del Ghâb. Il clima è mediterraneo secco nella zona costiera e continentale all'interno. La popolazione è costituita da Arabi, con minoranze di Beduini, Armeni e Curdi. L'agricoltura produce cereali, ortaggi, patate, uva, olive, cotone, frutta, agrumi. Allevamento ovino, caprino, bovino. Giacimenti di salgemma, fosfati, petrolio, gas naturale, cromo, manganese, ferro e rame. Le industrie sono attive nei settori alimentare, tessile, conciario, petrolchimico e del cemento. Centri principali, oltre alla capitale, sono: Aleppo, Homs, Hama; sulla costa, i porti di Latakia (Laodicea) e di Banias, punto terminale dell'oleodotto da Kirkuk (Iraq).

STORIA
La storia della Siria è determinata specialmente dalla situazione geografica del Paese, punto d'incrocio delle vie tra il Mediterraneo, l'India, l'Asia Minore e l'Egitto, per cui ha risentito l'influsso di varie civiltà (assira, ebraica, persiana). Nel 333 a. C. la Siria entra a far parte dell'Impero di Alessandro il Macedone. Alla sua morte (323) fu governata successivamente dai suoi luogotenenti Laomedonte, Antigono, Tolomeo, Seleuco. Nel 64 a. C. cadde nelle mani di Pompeo e, divenuta provincia romana, godette di molta prosperità solamente turbata dagli attacchi dei Parti (57-41 a. C.) e dei re Sassanidi di Persia (257-261 d. C.). Sotto i Bizantini la Siria decadde. Invasa dai Persiani, fu liberata (629 d. C.) da Eraclio, imperatore d'Oriente, ma questi fu sconfitto dagli Arabi, che si impadronirono (638) del Paese, che sotto la dinastia degli Ommayyadi divenne il centro dell'Impero arabo (669-750) con capitale Damasco. Nel 750 gli Omayyadi vennero scacciati dalla dinastia degli Abbasidi, che trasferì la capitale a Baghdad, segnando l'inizio della decadenza della Siria che nell'883 passava sotto la dominazione dei califfi d'Egitto, indi (1078) dei Turchi Selgiuchidi e infine (1099) dei crociati. Questi divisero la regione nei principati latini fino al 1291, quando vennero scacciati dai musulmani d'Egitto. Battuti questi (1516) presso Aleppo dal sultano Selim I, la Siria cadde sotto la dominazione turca, durata oltre 4 secoli, nel corso della quale gravissima fu la decadenza economica e spirituale del Paese. Nella seconda metà del XIX sec. e ai primi del XX sec. si ha un notevole risveglio di sentimenti nazionalisti. Nel 1918, con l'occupazione della Siria da parte delle truppe inglesi, tramontò la dominazione turca e l'emiro Feisal, appoggiato da Londra, si fece incoronare re. Però i Francesi dispersero le forze di Feisal e il loro controllo sul Paese venne sanzionato sotto forma di mandato della Società delle Nazioni (1922). Nel 1946 raggiunse la piena indipendenza. Afflitta da una cronica instabilità politica e dal susseguirsi di colpi di Stato militari, dopo la presa del potere (1957) del partito Baath, d'ispirazione socialista, si fuse (1958) con l'Egitto nella Repubblica Araba Unita (RAU), a cui però si sottrasse nel 1961. Sconfitta da Israele nelle guerre arabo-israeliane del 1967 (in cui perse le alture del Golan) e del 1973, mantenne un ruolo-chiave nel Medio Oriente e fu, soprattutto dopo la presa del potere di H. Assad (1971), il principale interlocutore dell'URSS nell'area. Intervenuta nel 1976 nella guerra civile del Libano, vi ha di fatto stabilito il proprio protettorato, ribadito nel 1991 da un 'patto di fratellanza' fra i due Paesi. Dopo anni di acuta tensione con gli USA, nel 1990-1991 la Siria ha sostenuto durante la guerra del Golfo la coalizione contro l'Iraq, tradizionale avversario nella regione, aprendo un cauto processo di distensione, anche con Israele. Nel 1994 le trattive con Israele si sono interrotte sulla questione della completa restituzione del Golan da parte degli israeliani. Nonostante questo alla fine del 1995 la soluzione al problema sembrava sempre più vicina, grazie alla ferma intenzione di Assad di trovare un accordo.

Esempio