ricerca sull'america

Materie:Altro
Categoria:Geografia

Voto:

1 (2)
Download:129
Data:25.05.2005
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
ricerca-america_2.zip (Dimensione: 32.65 Kb)
trucheck.it_ricerca-sull-america.doc     53.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

30-11-2003
Cartina dell’America Settentrionale
Bandiera Americana

Gli Stati Uniti d’America (United States of America), sono una repubblica federale composta dal distretto federale della capitale (Washington) e da cinquanta stati di cui due stati geograficamente non contigui: l’Alaska, situata all’estremità nord-occidentale del continente americano e l’arcipelago delle Hawaii che si trova nell’Oceano Pacifico.
Gli U.S.A. confinano a nord con il Canada, a est con l’Oceano Atlantico, a ovest con l’Oceano Pacifico e a sud sono delimitati dal Golfo del Messico.
Nel XVI secolo arrivarono i primi coloni. Essi furono inglesi e giunsero in questi territori assieme a schiavi neri deportati dall’Africa. Il vero movimento colonizzatore però avvenne tra il 1850 il 1914, quando dall’Europa Centro-Settentrionale dall’Europa Orientale emigrarono circa cinquanta milioni di persone che si stanziarono soprattutto lungo il confine con Il Canada a sud dei laghi Laurenziani (Michigan, Ontario, Superiore, Erie, Huron). Successivamente la popolazione si stanziò anche a ovest, nel Far West. Durante la Prima guerra Mondiale fu emessa una legge che proibiva l’emigrazione, ma verso gli anni settanta per motivi politici lo stato permise a altri emigranti provenienti dal Sud di venire in questi territori, essi avrebbero fornito la manodopera a basso costo.
La popolazione degli Stati Uniti ha raggiunto circa i 250 milioni di abitanti, di cui 215 milioni sono bianchi di cui il 10% è composto dagli ispano-americani, 33milioni sono neri e 8 milioni di altre etnie. I neri e gli ispano americano non hanno diritti e sono al livello sociale più basso. Al potere ci sono i bianchi soprattutto gli wash (bianchi, anglosassoni, protestanti). Gli Stati Uniti hanno il reddito pro-capite interno più alto al mondo e quasi 30milioni di persone sono sotto al livello di povertà; questo perché i servizi sanitari non li detiene il Governo ma i Privati.
Dopo i due grandi stati asiatici (Cina, India) è al terzo posto nel mondo. Questa è mal distribuita, infatti quasi 50 milioni di persone sono stanziate nel confine tra Stati Uniti e Canada; vi sono poi anche altre “isole” urbane popolate come la California, le coste del Golfo del Messico, la città del Texas e lo Stato di Washington e poi zone completamente desertiche come quelle presso le catene montuose a ovest e a est.
I più gradi poli urbani sono tre: Boswahs, composto da Boston,Baltimora,Filadelfia,New York e Washington; il secondo è composto da Detroit,Cleaveland,Chicago e Baffalo; mentre il terzo è composto da Los Angeles, San Francisco e San Diego. Washington è la capitale amministrativa del Paese,è tra le città più piccole del territorio composta solo da 550mila abitanti. New York è la città più popolosa, vi sono infatti circa 7milioni di abitanti, comprende Manhattan che è il centro finanziario degli Usa.
Gli Stati Uniti sono la massima potenza mondiale di oggi. Ma la loro storia economica come forza mondiale è relativamente recente. Già alla fine dell’Ottocento gli Stati Uniti stavano a pari con l’economia dei grandi stati europei, ma a metà del Novecento erano al primo posto in molti settori.
L’agricoltura dispone di spazi vastissimi. La maggior parte del territorio coltivato ha un’agricoltura estensiva, ma di tipo moderno: molte macchine, lavoro computerizzato, impiego di aerei ed elicotteri per molte lavorazioni. Si impiega pochissima manodopera.
Il settore terziario è quello più sviluppato con un numero crescente di persone addette. In parte è il terziario di vecchio tipo, con i trasporti, il commercio, i servizi più comuni. Ma in parte si tratta di attività nuove o comunque molto specializzate: la borsa e le attività finanziarie, l’attività scientifica, la pubblicità, l’attività cinematografica e televisiva.
La forza economica degli Stati Uniti nel mondo si coglie attraverso due serie d’elementi, una costituita da dati evidenti delle produzioni, l’altra è costituita dai flussi di dollari investiti all’estero, dall’influenza delle grandi società che operano in tanti settori e che hanno migliaia di filiali in tutto il mondo e che quindi controllano l’intero commercio Mondiale.

Esempio