Notizie essenziali sul Giappone

Materie:Appunti
Categoria:Geografia

Voto:

2.5 (2)
Download:72
Data:11.07.2001
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
notizie-essenziali-giappone_1.zip (Dimensione: 8.73 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_notizie-essenziali-sul-giappone.doc     46.5 Kb



Testo

GIAPPONE: LO STATO
Nome ufficiale
Nihon Koku
(Terra del Sol Levante)
Capitale
Tokyo
Bandiera
Il disco rosso sulla bandiera giapponese simboleggia sincerità e passione, mentre lo sfondo bianco rappresenta onestà e purezza. Il sole è stato il simbolo del Giappone e dell’imperatore sin dal XIV secolo. La bandiera venne adottata ufficialmente nel 1870.
Inno
“Kimigayo”
(“Il Regno di sua maestà”)

IL TERRITORIO
Superficie
372.819 kmq
Massima altitudine
Monte Fuji
3776 m
Massima depressione
Livello del mare
IL CLIMA
Temperature medie
Tokyo (5 m)
Gennaio
5,2 °C

Luglio
25,2 °C

Sapporo (17 m)
Gennaio
-4,6 °C

Luglio
20,2 °C

Precipitazioni medie annue
Tokyo 1405 mm
Sapporo 1130 mm

POPOLAZIONE
Popolazione
124.711.551
(1993)
77% popolazione urbana
23% popolazione rurale
Densità
330 persone/kmq
(1993)
Città principali
Tokyo 7.996.195
Yokohama 3.288.464
Osaka 2.588.989
Nagoya 2.158.713
(1993)
Agglomerati urbani principali
Tokyo 11.874.000
Yokohama 3.220.000
Osaka 2.642.000
Nagoya 2.155.000
(1991)
Gruppi etnici
99% giapponesi
1% altro
compresi coreani, cinesi e ainu
Lingua
Lingua ufficiale
Giapponese
Altre lingue
Lingue delle minoranze
Religione
80% scintoismo e/o buddhismo
20% altro
compreso il cristianesimo

ECONOMIA
Prodotto interno lordo
US$ 3.666.200.000.000
(1992)
Risorse economiche
Agricoltura
Riso, patate, cavoli, canna da zucchero, barbabietole da zucchero, agrumi
Pesca
Sardine, sgombri, tonni, calamari, halibut, salmoni, molluschi, crostacei
Risorse minerarie
Calcare, rame
Industria
Macchinari e mezzi di trasporto, materiale elettrico ed elettronico, prodotti chimici
Occupazione
50% commercio e servizi
34% industria
8% affari e finanza
7% agricoltura, silvicoltura e
pesca
1% altre occupazioni
Esportazioni
Macchinari e mezzi di trasporto (soprattutto automobili), materiale elettrico ed elettronico
Importazioni
Carburanti minerali, generi alimentari, animali, manufatti di base, materiali grezzi non commestibili (compreso il legname)
Partner commerciali
Stati Uniti, Cina, Australia, Indonesia, Corea del Sud, Germania, Taiwan, Gran Bretagna
Moneta
Yen

GOVERNO
Ordinamento dello stato
Monarchia costituzionale
Capo di stato
Imperatore
Titolo ereditario
Capo di governo
Primo ministro
Nominato dall’imperatore su designazione della Dieta
Potere legislativo
Sistema bicamerale (Dieta)
Camera dei deputati
500 membri
Camera dei consiglieri
252 membri
Diritto al voto
Suffragio universale per tutti i cittadini maggiori di 20 anni
Potere giudiziario
Corte Suprema
Forze armate
Esercito, Marina, Aviazione
237.700 soldati; servizio militare volontario
Suddivisioni amministrative
47 prefetture
ISTRUZIONE
Università e scuole principali
Università Doshisha
Kyoto
Università di Kyoto
Kyoto
Università Fukuoka
Osaka
Università di Tokyo
Tokyo
Università Nihon
Tokyo

CRONOLOGIA ESSENZIALE
660 a.C.
Secondo la leggenda, Jimmu Tenno, discendente della dea del Sole Amaterasu, fonda il regno Yamato.
III secolo a.C.- V secolo d.C.
La cultura e la tecnica cinesi e coreane penetrano nel paese.
VI secolo
Nel paese si diffonde il buddhismo, che all’inizio del VII secolo diventa la religione ufficiale.
593-710
Epoca Asuka. Verso la metà del VII secolo Nakatomi Kamatari si allea con il futuro imperatore Tenji contro la dinastia Soga. Le “riforme Taika” rafforzano la casa imperiale, soppiantando i gruppi tribali.
710-94
Epoca Nara. Vengono compilate le cronache Kojiki e Nihon shoki. Alla fine dell’epoca Nara la capitale viene trasferita a Kyoto.
794-1185
Epoca Heian. La famiglia Fujiwara, attraverso un’accorta politica di matrimoni con membri della famiglia imperiale, ottiene il controllo effettivo del Giappone. Dopo la morte di Michinaga (1028) inizia la lotta per il potere tra le famiglie guerriere Taira e Minamoto.
1156-92
In seguito a due guerre civili, Minamoto Yoritomo sconfigge i Taira e viene nominato primo shogun (capo militare supremo) dall’imperatore. La sua famiglia governa di fatto il Giappone.
1185-1333
Epoca Kamakura. Il centro della nuova amministrazione è Kamakura, sede del bakufu (governo della tenda).
1274
Viene respinta un’invasione mongola; fallisce anche una seconda invasione nel 1281.
1333-1568
Epoca Muromachi. La famiglia degli Ashikaga ottiene il potere shogunale. Il paese è lacerato dalle guerre civili.
1543
I navigatori portoghesi raggiungono il Giappone. Presto sopraggiungono altri europei per commerciare e diffondere il cristianesimo.
1568-1600
Epoca Azuchi-Momoyama. Riunificazione del Giappone. Nel 1600 Tokugawa Ieyasu diventa shogun e stabilisce la sede del governo a Edo (odierna Tokyo), lontano dalla corte imperiale di Kyoto.
1630-1868
Epoca Edo. Il Giappone rompe i legami con il mondo esterno e arresta la diffusione del cristianesimo nelle isole.
1854
L’ammiraglio statunitense Matthew Perry impone al governo imperiale la firma del trattato di Kanagawa, che apre alcuni porti giapponesi al commercio straniero.
1868-1912
La restaurazione Meiji (“governo illuminato”) ristabilisce il dominio imperiale diretto e avvia la modernizzazione del paese. La capitale viene spostata da Kyoto a Edo, che viene ribattezzata Tokyo.
Lo shintoismo viene dichiarato religione di stato e diventa il fondamento dell’identità nazionale giapponese. Nel 1894-95 il Giappone sconfigge la Cina e inaugura un periodo di forte predominio nel Pacifico.
1894-95
Guerra sino-giapponese. Il Giappone ottiene Taiwan e la penisola del Liaodong.
1904-05
Il Giappone prevale nella guerra russo-giapponese, per il controllo di Manciuria e Corea, e si afferma come potenza mondiale.
1910
Il Giappone annette la Corea; l’occupazione del paese durerà fino al 1945.
1926
Sale al trono Hirohito. Ha inizio l’epoca Showa (pace illuminata). Riprende la politica aggressiva verso la Cina. Nel paese viene imposto un regime autoritario.
1932
Il Giappone instaura in Manciuria lo stato fantoccio di Manchukuo, a capo del quale pone l’ultimo imperatore cinese Pu Yi.
1936-37
Il Giappone firma con la Germania un patto anticomunista. Le truppe giapponesi occupano un’ampia porzione della Cina.
1941
I giapponesi bombardano la base navale statunitense di Pearl Harbor (Hawaii), trascinando gli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Poche ore dopo, un altro attacco giapponese distrugge quasi completamente l’aviazione statunitense di stanza nelle Filippine. Durante il conflitto il Giappone espande il suo dominio in tutto il Pacifico.
1945
Dopo la controffensiva scatenata dal 1943 nel Pacifico, nell’agosto del 1945 gli Stati Uniti sganciano due bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki. In settembre il Giappone firma la resa incondizionata; il paese resta occupato dalle truppe degli Alleati.
1952
Termine dell’occupazione alleata in Giappone.
1956
Il Giappone viene ammesso nell’ONU. Ha inizio un lungo periodo di forte sviluppo industriale.
1989
L’imperatore Hirohito muore; gli succede suo figlio Akihito. Ha inizio l’epoca Heisei (ritorno alla pace).
1990-93
Una serie di scandali politici e finanziari indeboliscono la capacità del governo di occuparsi delle questioni interne del paese.
1993
Il Partito liberaldemocratico perde le elezioni dopo 38 anni al potere; Morihiro Hosokawa diventa primo ministro e si impegna a combattere la corruzione nel sistema politico.
1994
Il socialista Murayama Tomiichi diventa capo del governo.
1995
Un terremoto di 7,2 gradi della scala Richter colpisce la città di Kobe. Più di 5000 persone restano uccise, più di 300.000 rimangono senza casa. Membri della setta Aum Shinri Kyo eseguono un attentato con gas nervino alla metropolitana di Tokyo, che provoca dodici morti e centinaia di casi di intossicazione.
1996
Il Partito liberaldemocratico vince le elezioni. Numerose manifestazioni di protesta contro le basi militari americane a Okinawa.
1998
Un ministro del governo viene coinvolto in un grave scandalo finanziario. Scende il Prodotto interno lordo; per la prima volta dal 1974 il Giappone entra in una fase di recessione. Il crollo dello yen trascina con sé le altre valute asiatiche.

Esempio