La campagna

Materie:Riassunto
Categoria:Geografia

Voto:

1.5 (2)
Download:234
Data:13.02.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
campagna_1.zip (Dimensione: 4.99 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-campagna.doc     25.5 Kb



Testo

LA CAMPAGNA

CASE RURALI
Le case rurali sono comparse quando dall’agricoltura di sussistenza, cioè sulla produzione dei beni necessari alla famiglia, si è passati all’agricoltura di tipo intensivo, cioè beni primari destinati al commercio. (la forma più diffusa nel mondo).
Dove l’agricoltura è meccanizzata, le aziende agricole sono distanti tra loro perché le macchine coltivano ampie distese di terreno. Dove l’agricoltura è di tipo intensivo, ma praticata da uomini e animali, la terra coltivabile è meno estesa, e gli agricoltori risiedono in edifici più piccoli.
In Occidente l’azienda agricola produce cereali, ortaggi, frutta, vino o alleva bestiame. La casa può essere tradizionale con l’abitazione, la stalla, il fienile e la rimessa per le macchine agricole, o moderna che è una villetta. Nei paesi meno sviluppati, dove si pratica l’agricoltura di sussistenza, l’abitazione è una capanna con il granaio e il recinto degli animali.

SEMINATIVI
I seminativi sono i campi da semina utilizzati per i diversi tipi di colture erbacee (cereali, ortaggi, girasoli, soia, tabacco…..). Nei paesi sviluppati ogni anno il terreno viene preparato per la semina con le macchine agricole, invece, nel terzo mondo questo lavoro viene fatto dagli uomini. Arando il terreno si formano delle zolle che vengono poi sminuzzate e livellate per rendere il terreno adatto alla semina. A lato dei campi coltivati ci sono sempre dei fossati per scaricare l’acqua in eccesso, perché se ristagna nel campo può far marcire le radici. Ogni anno nei campi si fanno ruotare le colture per non far impoverire il terreno.

CEREALI E COLTURE INDUSTRIALI
I cereali sono la principale fonte alimentare per l’uomo e per molti animali da allevamento. Sono la coltivazione più diffusa nel mondo. I più importanti sono il frumento, il riso, il mais, l’orzo e l’avena. Appartengono alla famiglia delle graminacee. Altre piante importanti sono la barbabietola, la canna da zucchero, le piante oleifere e le piante tessili.
In Europa, Russia e Stati Uniti, è diffusa la barbabietola da zucchero. In Brasile, Cuba, Messico, India, Australia, si coltiva la canna da zucchero. Le piante oleifere sono il girasole, la soia, la colza e dai loro semi si ottengono oli, per il consumo alimentare, molto economici. In Asia e in Africa si coltivano il cotone, il lino, la canapa. Il Brasile è il primo produttore mondiale di caffè. Nel lattice di alcune piante è presente la gomma, originaria dell’Amazzonia. Dal lattice si produce il caucciù. Oggi la gomma è ottenuta anche chimicamente dal petrolio.

PRATI E PASCOLI
I prati e i pascoli sono utilizzati per le erbe da foraggio destinate all’alimentazione degli animali. Si coltivano le graminacee per il loro valore nutritivo, le leguminose sono importanti perché fissano l’azoto atmosferico per renderlo utilizzabile come nutriente anche dalle altre piante e per arricchire il terreno. Le colture foraggere sono permanenti quando restano molti anni in produzione; quelle temporanee restano in produzione pochi mesi o pochi anni.

FRUTTETI
Il frutteto è coltivato con alberi da frutto ed è una coltivazione dei climi temperati. Le specie sono: pero, melo, pesco, ciliegio…… Sono colture permanenti perché le piante restano produttive molti anni, e specializzate perché ogni albero ha particolari esigenze climatiche e antiparassitarie. La disposizione delle piante può essere a quadrato, a rettangolo o a triangolo, in base alla forma delle piante. Il frutteto è sottoposto a concimazione, irrigazione, potatura, trattamenti antiparassitari per mantenere produttiva la pianta. La potatura favorisce i germogli.

VIGNETI E OLIVETI
I vigneti e gli oliveti sono le colture più diffuse in Italia e nel mondo. La vite è adatta ai climi temperati, ed è caratteristica dei paesi di collina e di pianura. La pianta ha bisogno di sostegni e un tempo erano alberi vivi, oggi si usano paletti di legno, di cemento o di ferro, che poi vengono collegati da fili di ferro sui quali si estende la pianta. L’olivo è tipico dei climi mediterranei ed è una pianta sempreverde secolare. Viene coltivato anche in terreni aridi e il suo frutto è l’oliva. Le olive vengono sia raccolte a mano per scegliere le migliore e non rovinarle, sia con le macchine che scuotono il tronco facendo cadere le olive su delle reti.

ALLEVAMENTO BOVINI
In passato i bovini venivano utilizzati per il lavoro nei campi e per produrre latte. La carne era un prodotto limitato ai bovini vecchi. Le stalle per le mucche da latte sono suddivise in varie zone: di riposo, di alimentazione, zona scoperta, di mungitura. Le stalle per l’ingrasso dei vitelloni da carne possono essere chiuse, aperte o semiaperte.

DEPOSITI PER IL FORAGGIO
Il foraggio si può conservare facendo essiccare l’erba trasformandola in fieno. Serve per rallentare la diminuzione delle sostanze nutritive. L’essicazione può avvenire sul campo, oppure con l’imballatura. Viene poi conservato nei fienili e se si vuole evitare l’essicamento, il foraggio si può conservare nei sili dove resta verde. I sili possono essere verticali o orizzontali.

Esempio



  


  1. hgsjhadgfks

    tema argomentativo sulla campagna