Iraq

Materie:Tesina
Categoria:Geografia

Voto:

1 (2)
Download:326
Data:24.10.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
iraq_3.zip (Dimensione: 4.58 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_iraq.doc     11.24 Kb



Testo

IRAQ

Stato dell'Asia occidentale affacciato per breve tratto sul golfo Persico e compreso tra Turchia, Siria, Giordania, Arabia Saudita, Kuwait e Iran. La parte centrale del territorio и costituita dalla Mesopotamia, la fertile pianura bagnata dal Tigri e dall'Eufrate.
▪ Ambiente naturale. Gran parte del settore occidentale del paese и occupato da una vasta porzione del deserto siriano. La parte settentrionale и occupata da un basso tavolato. Nella parte meridionale si estende la vasta pianura formata dai depositi alluvionali del Tigri, dell'Eufrate, del Kārūn, costellata di laghi ed acquitrini. A Ovest e a SudOvest l'Iraq include una parte del tavolato siro-arabico percorsa da numerosi brevi corsi. Questa regione viene chiamata al-Uidian ed и desertica e del tutto spopolata.
La morfologia dell'Iraq и dominata dalla presenza del Tigri e dell'Eufrate, fiumi che, nati in Turchia, percorrono il paese da Nord a Sud per riunirsi, presso al-Qurna. A queste imponenti risorse idriche vanno aggiunte le acque del lago di Habbānīyya, le riserve trattenute dalle dighe di Dokan e di Derbendi Khān. Un sistema regolatore composto da 9 sbarramenti protegge in parte il paese dalle inondazioni.

▪ Clima, vegetazione e fauna. Il clima и prettamente continentale e subdesertico, con forti escursioni termiche sia annue sia giornaliere. Due sono le regioni climatiche, una zona arida a Sud e una a Nord piщ umida.
▪ Popolazione. Il tasso di crescita annua и del 3,3%; la speranza di vita (63 anni) e l’analfabetismo (42%) collocano l'Iraq tra i paesi a sviluppo umano intermedio, ma la situazione socio-sanitaria и peggiorata negli ultimi anni, anche come conseguenza dell’embargo internazionale. La distribuzione demografica и decisamente irregolare: a Baghdād, la capitale, risiede quasi 1/4 della popolazione.Gli altri centri piu importanti sono:Bassora, Nassiria, Falluja, Sulaymaniya. La grande maggioranza della popolazione (77%) и araba, e l'arabo и la lingua nazionale. Le differenze tra regioni settentrionali e meridionali sono anche religiose, ferma restando la comune appartenenza islamica: le prime sono prevalentemente abitate da sunniti, mentre gli sciiti prevalgono nel centro e nel sud, dove perт il Delta и popolato da sunniti. In Iraq esistono parecchie comunitа cristiane indigene. Gli ebrei, anch'essi indigeni sono ormai poche centinaia.
▪ Economia. Da un punto di vista strettamente economico l'Iraq и un paese ricco di risorse, con una discreta potenzialitа agricola e immensi giacimenti petroliferi. Il costante aumento della produzione petrolifera, iniziata nel 1927, aveva permesso di finanziare in misura massiccia lo sviluppo del settore industriale e la modernizzazione del settore agricolo. Tale processo и stato bruscamente interrotto prima dal conflitto con l'Iran. L'agricoltura produce a Nord soprattutto frumento e orzo, a Sud riso, comunque in quantitа inadeguate. Anche le colture industriali (tabacco, cotone) e quelle orticole (fave, fagioli, pomodori) non raggiungono livelli significativi. Tradizionalmente ricca la produzione di datteri. L'allevamento, ovino e caprino, и praticato soprattutto nella steppa da pastori nomadi e seminomadi.
Industria. tutte le produzioni sono sopese acausa dell'occupazione Americana
► Turismo. Assente a cusa della guerra".
▪ Commercio. In questo momento non и praticabile. il porto principale и quello di Bassora, posto a 10 km dal confine con il Kuwait.
▪ STORIA. La regione compresa fra l’Eufrate e il Tigri ha una civiltа antichissima che risale agli Assiri, Babilonesi, fu conquistata dai Persiani Greci, Romani, dagli arabi, che le diedero il nome di Iraq. Il dominio arabo favorм lo sviluppo della regione, che nei secc. IX e X divenne un’importante area commerciale e culturale. Tra la fine del sec. XVIII e l'inizio del XIX, quando le ingerenze britanniche cominciarono a divenire consistenti, alcuni governatori tentarono, senza riuscirvi, di avviare una politica di modernizzazione del paese, e scarsamente rilevanti furono anche le riforme attuate nel corso del sec. XIX. Intanto gli interessi delle diverse potenze europee nell’area irakena cominciarono a divenire conflittuali. In particolar modo, i piani tedeschi relativi ad un collegamento ferroviario tra i Dardanelli e il golfo Persico causarono un aperto contrasto tra Germania e Gran Bretagna. Esso concorse allo scoppio della prima guerra mondiale, nel corso della quale l'I., schierato con gli Imperi Centrali in quanto dipendenza turca, fu occupato dalla Gran Bretagna.
. Nel 1932 Faysal ottenne l’indipendenza, ma Londra continuт a esercitare una forte influenza sull'Iraq che si concluse nel 1958. La situazione politica rimase instabile, mentre la repressione attuata contro i curdi condusse ad un vero e proprio stato di guerra contro questa popolazione. Nel 1979 perт l’I. ruppe i rapporti con l'Iran, passato sotto il controllo di Khomeini, mentre all’interno del paese cresceva la repressione contro ogni forma di dissenso. In questo clima, nel luglio 1979 vi fu un tentativo di colpo di stato, in seguito al quale il presidente el-Bakr rassegnт le dimissioni e venne sostituito da Saddam Hussein, fino ad allora vicepresidente. I piani di quest'ultimo erano grandiosi: implicavano uno sviluppo accelerato, da sostenere attraverso gli introiti del petrolio, e un piщ attivo ruolo nell'area del golfo Persico, di cui Baghdād aspirava a diventare potenza egemonica. Con queste ambizioni, nel 1980, prendendo a pretesto marginali scaramucce di frontiere con l'Iran, Saddam Hussein iniziт una guerra che ebbe fasi alterne e si concluse senza vincitori nel 1988, lasciando entrambi i paesi stremati. Durante il conflitto, inoltre, l’I. attuт un’aspra repressione sulla popolazione curda in lotta da anni per ottenere autonomia e indipendenza. Nonostante la guerra e il suo esito, il governo di Saddam Hussein rimase forte e alle elezioni del 1989 il Ba‘th fu riconfermato partito dominante. Nel 1990 l'Iraq invase il Kuwait ma venne sconfitto da una larga coalizione con a capo gli Americani. Nel 2001, con scuse rivelatesi false (armi di distruzioni di massa, terrorismo) le truppe Anglo-Americane rinvasero l'Iraq etale occupazione dura tutt'ora.

By:[email protected]

Esempio