L' universo e l' ambiente celeste

Materie:Tesina
Categoria:Geografia Astronomica
Download:461
Data:25.07.2005
Numero di pagine:8
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
universo-ambiente-celeste_1.zip (Dimensione: 12.37 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_l-universo-e-l-ambiente-celeste.doc     49 Kb



Testo

I punti di orientamento
Procediamo con ordine; è bene chiarire che prima di interessarci dello studio dell’ universo, gli astronomi hanno sentito l’esigenza di introdurre alcuni punti, misurazioni e vari riferimenti, che ora chiariremo, che potessero facilitare il loro approfondito studio su questo interessante argomento: l’ universo.
Guardando il cielo, in particolar modo di sera, si ha l’ impressione che la Terra sia al centro di un’ enorme sfera cava sulla cui superficie interna vediamo proiettati tutti gli astri, tale sfera è detta Sfera celeste che sembra ruotare attorno a noi da Est verso Ovest quando in realtà è il nostro pianeta che ruota su se stesso da Ovest verso Est attorno ad un asse detto asse terrestre.
Nonostante si sappia bene che la Sfera celeste è soltanto un’ astrazione, in Astronomia si usa prenderla in considerazione quando si vuole determinare la posizione di un astro qualsiasi rispetto la terra. Naturalmente per far ciò occorre fissare alcuni punti di riferimento. Il principale di essi è lo Zenit che il punto in cui la retta verticale innalzata sopra la testa di un osservatore qualunque incontra la volta celeste; il punto simmetrico allo Zenit rispetto all’ osservatore è il Nadir.
Se invece un osservatore si trova al polo Nord il corrispondente Zenit viene chiamato Polo Nord celeste; il suo corrispettivo Nadir invece Polo Sud celeste.
Attraverso i punti cardinali, invece, ci si può facilmente orientare: immaginando di guardare l’ orizzonte dallo Zenit del luogo, essi si succedono in senso orario nel seguente ordine: Nord, Est, Sud, Ovest .Questi sono i principali quattro ma ve ne sono alcuni composti quali Nord-Ovest, Sud-Est, Sud-Ovest, Nord-Est ecc…
Gli antichi inoltre fissavano la posizione di una stella con l’ aiuto di due angoli: uno verticale, l’ altezza, ed un altro orizzontale, azimut. Il primo indica l’altezza della stella sul piano dell’ orizzonte, il secondo è quello tra la direzione del Sud e la direzione del punto in cui la perpendicolare calata dalla stella incontra l’orizzonte.
Le distanze astronomiche
Non essendo sufficienti le distanze ed unità di misura che si usano quotidianamente (es. km, cm, m) a causa dell’ enormi distanze tra corpi e corpi nell’ universo, sono state introdotte delle nuove. Iniziamo col dire che l’ universo è un enorme, se non immenso (e per alcuni infinito) spazio vuoto entro il quale vi sono i più svariati corpi quali: le stelle, i sistemi interplanetari, le galassie, i pianeti, comete ecc.
L’ unità base usata per le misurazioni entro i limiti del nostro sistema solare è l’unita’ astronomica indicata con U.A. e misura all’ incirca 150.000.000 km; essa corrisponde alla distanza media tra la terra ed il sole.
Un’ altra unità è l’anno luce indicato con a.l. ed indica la distanza percorsa dalla luce nel giro di un anno. Esso corrisponde a circa 9.463 miliardi di km.
Infine vi e’ il parsec (indicato con pc). Esso e’ stato introdotto con il metodo attraverso cui ci si può misurare la distanza dalla terra ad una stella qualsiasi servendosi anche dell’ aiuto del sole. Tale metodo è detto l’angolo di parallasse; tale angolo è al vertice di un immaginario triangolo venutosi a formare dall’ allineamento Terra-Sole (alla base del triangolo retto)-Stella (all’ apice del triangolo). La distanza tra la Terra e questa stella, il cui angolo di parallasse deve avere un ampiezza massima di 1’’ altrimenti il metodo non e’ applicabile, e’ uguale ad 1/sen/. Un parsec quindi e’ uguale alla distanza tra la Terra ed un’ ipotetica stella il cui angolo di parallasse e’ uguale ad 1”.
Infine il Megaparsec (Mpc) e’ un’altra unità di misura utilizzata per misurare enormi distanze; essa vale un milione di parsec.
Le stelle
Dicesi stella un corpo che brilla di luce propria emanando energia termica. Essa ha varie caratteristiche: colore luminosità temperatura ecc.
La luminosità si misura attraverso la magnitudine che si divide in apparente ed assoluta.
La magnitudine apparente misura la luminosità di qualunque stella vista dalla terra indipendentemente dalla sua distanza da quest’ ultima. Quella assoluta invece misura la luminosità di una stella posta ipoteticamente a 10 parsec dalla terra. Più il valore di magnitudine di una stella e’ inferiore e più la stella e’ luminosa. I valori di magnitudine sono regolati dal rapporto di Pogson: per esempio una stella che ha magnitudine 3, e’ due volte e mezzo più luminosa di una avente magnitudine 4. La composizioni chimiche e temperatura di una stella invece vengono misurate attraverso gli spettri. Le classi spettrali che designano la temperatura delle stelle invece sono otto: O,B,A,F,G,K,M,N. Nella classe O vi sono le più calde (30000-60000 K) nella classe N le meno calde (3000 K). I movimenti delle stelle sono registrati attraverso gli spettroscopi e l’ effetto Doppler. Se lo spettroscopio ci mostra che il colore della stella e’ blu, allora questa e’ in avvicinamento, rosso in caso contrario. Una stella può variare di dimensioni: vi sono le giganti, supergiganti e nane Quattro sono i suoi colori: rosso (per le meno calde), giallo, bianco, azzurro. Un importante diagramma che ci mostra con semplicità la magnitudine, il colore e la temperatura di una stella e’il diagramma H-R. sull’ asse delle ascisse e’ messa la temperatura in gradi kelvin, sull’ asse delle ordinate la magnitudine, mentre all’ interno del diagramma vi sono segnati i vari colori e la sequenza principale delle stelle con le loro grandezze.
Le galassie
Col termine galassia intendiamo un ammasso di stelle pianeti ed altri corpi presenti nell’ universo detto proprio perché ogni singola galassia rappresenta una bolla nell’ enorme vuoto.
La nostra e’ detta Via Lattea; in tutto l ‘universo ve ne sono milioni, tutte raccolte in vari gruppi; il gruppo in cui si trova la nostra galassia assieme ad altre 17 e’ il gruppo locale.
Vi sono tanti tipi di galassie: a spirale, ellittica, irregolare ed a spirale sbarrata. La nostra e’ a spirale ed e’ costituita da un nucleo centrale detto galattico, e da due braccia, una superiore (Perseo) ed un’ altra inferiore (Orione).
Nelle galassie le stelle sono disposte in modo non uniforme. L’alone sferico che ogni galassia lascia al suo esterno e’ l’ alone galattico.
Essendo l’ universo vastissimo i strumenti di cui disponiamo non sempre riescono ad individuare tutte le galassie, anche se però riescono a ricevere il loro “rumore”. Tali galassie molto lontane ma udibili sono definite radiogalassie. I quasar, come le radiogalassie, invece sono dei corpi non identificati visivamente , ma sempre udibili e possono essere pianeti, stelle, sistemi interplanetarei ecc.

Origine, evoluzione e fine dell’ universo: ipotesi a confronto.
Due sono le ipotesi che trattano l’affascinante problema della nascita dell’universo:
➢ la teoria dell’”universo stazionario”
➢ la teoria del “big-bang”
La prima ipotesi ritiene che l’universo, la cui massa in passato era concentrata in uno spazio minore, sia in continua espansione. A tal proposito lo studioso Hubble introdusse una nuova unità di misura, la “costante di Hubble “ indicata con H. L’ omonima legge afferma che: una galassia si allontana con una velocità tanto maggiore quanto essa è più lontana.
Tale costante è uguale al rapporto tra la velocità di allontanamento di una galassia e la sua distanza dalla terra espressa in Megaparsec. H= v/d.
La continua estensione dell’universo e il reciproco allontanamento delle galassie, cui conseguirebbe una diminuzione della densità media dell’universo, verrebbe compensato da una continua creazione nello spazio di nuova materia, la cui aggregazione finirebbe per produrre nuove galassie in sostituzione a quelle ormai lontane. La teoria, purtroppo, ha incontrato alcune difficoltà a cominciare dalla mancanza di qualunque conferma sulla possibilità di formazione di nuova materia, per questo motivo, oggi, l’ipotesi dell’origine dell’universo più accreditata e quella della grande esplosione o big-bang.
Questa ipotesi fu elaborata negli anni ‘20 dal russo Friedmann e successivamente proposta da Gamow negli anni ’40, il quale descrisse un universo in continua evoluzione a partire da uno stato primordiale caldo e denso attraverso un iniziale esplosione.
All’inizio del tempo, nell’istante 0 (forse 15 miliardi di anni fa) l’universo che oggi osserviamo doveva essere concentrato in un volume più piccolo di un atomo, con una densità pressoché infinita ed a una temperatura di miliardi e miliardi di gradi. Non sappiamo come fosse fatto questo nucleo o uovo primordiale di energia pura, né perché si sia formato, ma in un determinato istante si è squarciato con un esplosione immane che portò all’incredibile formazione del vuoto o spazio.
Nella primissime frazioni infinitesime di secondo, l’energia cominciò a condensarsi prima in particelle elementari, poi in particelle maggiori, finché dopo i primi tre minuti, quando la temperatura era scesa, si formarono i primi nuclei atomici. Ma per un lungo tempo l’universo rimase un ‘impenetrabile nube di radiazioni e di gas ionizzato, una specie di nebbia luminosa; solo quando, dopo 300.000 anni, la temperatura scese a circa 3.000 K, gli elettroni furono catturati dai nuclei e si formò un gas neutro, costituito da idrogeno ed elio. Con la formazione di idrogeno neutro, la materia si separò nettamente dalla radiazione diventando la componente dominante dell’evoluzione dell’universo; inoltre da quel momento la luce poté liberamente viaggiare nello spazio. La radiazione di fondo è una traccia che testimonia questa fase primordiale ed è stata la causa che ha accreditato di molto questa teoria rispetto a quella dell’universo stazionario. Essa è rilevabile con radiotelescopi e rappresenterebbe l’eco del big-bang.
Così come per l’origine dell’universo, anche per la sua fine, sono state elaborate diverse teorie: secondo alcuni l’espansione dell’universo continuerà senza fine, le stelle consumeranno tutto il loro combustibile e le galassie diventeranno sistemi oscuri di corpi freddi ed inerti; solo i buchi neri continueranno ad accrescersi a spese delle stelle rimanenti restando, così, le uniche concentrazioni di massa. Ma anche i buchi neri sembrano produrre una debole radiazione, per cui nel giro di miliardi e miliardi di anni, finiranno per dissolversi, finché l’universo resterà uno spazio buio e vuoto costituito da poche particelle su orbite tra loro infinitamente lontane.
Secondo altri, invece, la forza di gravità dei vari corpi nell’universo, sarebbe in grado di frenare l’espansione dell’universo stesso, provocando un arresto della fuga delle galassie e una conseguente contrazione dell’universo. La temperatura tornerebbe ad aumentare, le stelle si riaccenderebbero tornando ad essere più calde, gli elementi pesanti si disintegrerebbero e persino idrogeno ed elio si dissolverebbero in energia e tutto precipiterebbe allo stato iniziale, dando la formazione di un nuovo atomo primordiale.
Il sistema solare
Il sistema solare, di cui fa parte il nostro pianeta, è un’insieme di corpi celesti diversi tra loro per natura e dimensioni, ma accomunati per l’origine e costretti a muoversi in uno spazio ben definito, governato dalla forza gravitazionale del Sole. Il sistema solare comprende una stella di modeste dimensioni, il Sole, i suoi 9 pianeti, i 63 satelliti principali e i numerosi anelli di materiali in frammenti che ruotano intorno ai pianeti: gli asteroidi o pianetini, una quantità di piccole masse concentrate in ampie fasce vicino il sole o ad i pianeti. Un cumulo di frammenti di varia origine e natura, troppo piccoli per essere chiamati pianetini, sono detti invece i meteoroidi da cui derivano le meteore ed i meteoriti. Le prime, ben note come stelle cadenti, se attratte da pianeti con atmosfera si arroventano per attrito bruciandosi completamente prima di toccare terra; se invece anche un piccolo nucleo di meteoroide colpisce il suolo, allora esso diviene meteorite. Infine le numerose piccole masse formate da una coda e del tutto ghiacciate che si muovono all’ estrema periferia del Sistema solare avvicinandosi al centro di esso solo periodicamente, sono definite comete.
Lo spazio tra i vari corpi celesti non e’ affatto vuoto ma vi si trova, anche se rarefatta, la materia interplanetaria costituita da gas e frammenti subatomici.
La stella da cui i pianeti ed altri corpi del Sistema solare ricevono luce e’ il Sole il cui unico moto e’ solo quello di rotazione attorno al proprio asse.
Tutti gli altri pianeti invece compiono non solo il moto di rotazione, ma anche quello di rivoluzione attorno al sole; la durata del periodo di rotazione e rivoluzione varia a seconda del pianeta. Il punto in cui esso sta più lontano dal sole e’ detto afelio, il punto più vicino invece e’ il perielio.
Il Sole e’ costituito, a partire dal suo interno, da un nucleo la cui temperatura e’ alcuni milioni di gradi. Dal nucleo partono i fari fasci di energia radioattiva che viengono trasmessi direttamente alla zona radiativa per poi giungere nella zona convettiva grazie alla quale la fotosfera, cioè la parte superficiale del sole, riesce a trasmetterli all’ esterno.
La temperatura della fotosfera si aggira attorno ai 5.550 C°; essa e’ formata da tantissimi piccoli granuli e da zone meno calde dette macchie solari.
L’ involucro o alone roseo di gas visibile durante le eclissi totali di sole e’ detto fotosfera.
La corona solare e’ la parte più esterna dell’ atmosfera solare ed e’ formata da un involucro di gas.
Per vento solare infine indichiamo quell’ alone costituito da particelle ionizzate che riescono a sfuggire alla forza di gravitazione del Sole disperdendosi nel vuoto.
Quattro sono i colori jj
57

Esempio