La coscienza di Zeno

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

1.3 (3)
Download:406
Data:13.12.2000
Numero di pagine:8
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
coscienza-zeno_10.zip (Dimensione: 8.18 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-coscienza-di-zeno.doc     23 Kb


Testo

La Coscienza di Zeno

Autore: Italo Svevo
Titolo: la coscienza di Zeno
Anno prima pubblicazione:
Casa editrice:
Data edizione:

Intreccio:
1-prefazione
Il romanzo si apre con un breve scritto dello psicologo che curт Zeno: egli spiega di aver consigliato al suo anziano paziente di scrivere la propria autobiografia, che egli stesso alla fine pubblica, per vendetta, e precisa anche che и disposto a dividere con Zeno quello che guadagnerа, a patto che quest'ultimo riprenda la sua terapia.

2-preambolo
Adesso, и Zeno Cosini a scrivere: si domanda perchи lo deve fare e come ciт lo possa far sentire meglio. Cosм, dopo aver pranzato, resta con un foglio di carta ed una matita in mano, provando a ripensare ai ricordi, ma sembra non trovarne e, quindi, conclude con la frase: "Ritenterт domani".

3-il fumo
Il dottore aveva consigliato a Zeno di iniziare il suo diario parlando del fumo che non era mai riuscito ad eliminare dalla propria vita. Non che non ci avesse provato o che gli mancassero buoni propositi: semplicemente, ogni volta che fissava una data che segnasse un cambiamento cosм radicale nella propria vita, subito ne trovava una migliore e piщ importante, nella quale sarebbe dovuto avvenire il fatidico cambiamento. Zeno si fece addirittura ricoverare in una casa di salute, di un certo dottor Muli. Tuttavia, ben presto anche questo tentativo si rivelт del tutto vano. Infatti, Zeno aveva portato con sи qualche sigaretta, perchи voleva smettere di fumare a mezzanotte precisa; dopo quelle, era riuscito perт a procurarsene altre, grazie alla complicitа di Giovanna, l'infermiera destinata alla sua sorveglianza. Anzi, dopo che i due si furono ubriacati con una bottiglia di cognac, la donna si dimenticт di chiudere a chiave la porta, che doveva impedire al paziante di uscire e Zeno riuscм a scappare e, la mattina seguente, era giа a casa. La sopresa della moglie non fu poi grandissima e Zeno ricominciт la sua vita normale, pensando che, in fin dei conti, avrebbe potuto smettere di fumare a casa propria, in tutta tranquillitа.

4-la morte di mio padre
Zeno era uno studente universitaro trentenne che non sapeva se frequentare gli studi di chimica o legge quando, nel 1890, morм suo padre. Cosм, ritrova scritto su un libro di filosofia: "15-4-1890 ore 4 1/2. Muore mio padre. U.S.". Non era forse un buon momento per smettere di fumare? Probabilmente sм, ma anche questa volta Zeno non vi riuscм.
Egli aveva giа perso la madre, a soli quindici anni, ma la perdita del padre fu una grande catastrofe. Non aveva mai saputo voler bene a suo padre e soltanto dopo la sua scomparsa capм in realtа quanto fosse importante per lui. I due non andarono mai d'accordo, perchи erano troppo diversi. Quando il padre di Zeno fece testamento, lasciт i beni al figlio, a patto perт che fossero sotto la tutela di un suo collega, quella canaglia dell'Olivi.
Una notte come tante altre, il padre di Zeno si sentм male e cominciт una lunga e lenta agonia: la situazione era molto grave ed il malato non poteva sopravvivere. Zeno scoppiт in simghiozzi, pensando al tempo che non aveva trascorso con suo padre o a quello che non gli aveva detto. Il medico volle far imprigionare il padre agonizzante in una camicia di forza, perchи non si muovesse, e gli applicт anche delle mignatte, cosicchи riprendesse coscienza. Mentre Zeno cercava di tener fermo il genitore, questo si alzт, alzo' il braccio destro, colpм la guancia del figlio e ricadde, morto. Zeno non poteva dire se, nell'atto di schiaffeggiarlo, suo padre fosse cosciente o meno; tuttavia non dimenticт mai quella severa punizione e iniziт anche ad odiare il medico che l'aveva "soccorso".

5-storia del mio matrimonio
Zeno aveva incominciato ad interessarsi agli affari di borsa e, proprio in questo ambiente che tanto frequentava, conobbe il suoi futuro suocero, Giovanni Malfenti. Zeno non aveva mai pensato alle donne, tuttavia, quando seppe che Giovanni aveva quattro bellissime figlie, non ebbe altro chiodo fisso se non quello di sposarsi. In seguito ad un invito a casa di Giovanni, Zeno conobbe quelle quattro fanciulle: Ada, Alberta, Augusta e Anna. Tra quelle, egli preferiva Ada, che lo attraeva per la sua arie seria e severa. La ragazza, tuttavia, sembrava non voler ne sapere del pretendente che iniziт a presentarsi quotidianamente a casa Malfenti. Una sera, quando Zeno entrт in casa Malfenti tutto era buio ed egli pensт di essere seduto di fianco ad Ada. Cosм, a luci spente, decise di confidarle il proprio amore e Ada, dopo aver a lungo esitato, lo rfiutт e diresse l'attenzione di zeno verso Augusta, che ella sapeva innamorata di lui. Fu a questo punto che il giovane, alquanto amareggiato, pensт che, se non poteva sposare Ada, almeno sarebbe potuto diventare suo cognato. Allora, chiese la mano ad Alberta che, perт, rifiutт perchи voleva diventare scrittrice e non aveva alcuna intenzione di pensare al matrimonio. Non potendo concepire l'idea di rimanere solo, Zeno fece la stessa proposta ad Augusta. Questa sapeva perfettamente che egli non l'amava e che probabilmente non sarebbe mai arrivato a farlo, tuttavia era anche certa che, se ci doveva essere una donna al fianco di Zeno, avrebbe voluto essere lei e, cosм, accettт.

6-la moglie e l'amante
Zeno iniziт a preoccuparsi per la vecchiaia che, credeva, presto sarebbe arrivata e gli avrebbe modificato la vita. Aveva il terrore di morire e quello che sua moglie potesse sposare un altro uomo (cosa difficile, poichи Augusta era strabica e per niente bella); infine pensava di avere una grandissima quantitа di malattie, tutte immaginarie. Conobbe, invece, quello che lui stesso definisce un malato reale, il signor Copler, un ex compagno di Universitа. Egli viveva all'estero, ma era dovuto precipitosamente rimpatriare per i suoi problemi di salute. Zeno, proprio mediante il signor Copler, aiutava due donne, Carla e sua madre che, dopo la morte del marito di quest'ultima, erano rimaste sole e senza un soldo. Dall'istante in cui Zeno vide Carla, capм che sarebbe potuta divenire sua amante e, cosм, qualche tempo dopo si ripresentт da lei. In questa occasione, le portт un libro che doveva aiutarla a fare progressi e a migliorarle la voce e si offrм di sfogliarlo insieme a lei. Con questo pretesto, fece ritorno una seconda volta e non esitт affatto a mettere in luce le sue vere intenzioni.Arrivata al limite di sopportazione del proprio maestro, Carla convinse Zeno a chiamarne uno nuovo: Lali, giovane, serio e disponibile. Ben presto, finм coll'innamorarsi di Carla e le chiese di sposarlo, ma l'allieva rifiutт.
Subito dopo il matrimonio fra Ada e Guido, Giovanni Malfenti era stato molto male e, alla fine, era morto. Anche sua moglie aveva avuto dei problemi di salute e, cosм, le sue figlie, per aiutala e farle compagnia, ogni giorno le stavano accanto.Un giorno Carla vide Ada, quella che Zeno diceva essere sua moglie e ne rimase talmente colpita che decise di troncare la sua relazione clandestina e sposare il maestro di musica e, con un ultimo bacio, abbandonт Zeno.Egli decise di scriverle una lettera, ricca di frasi tristi e di scusa. A questa, Carla rispose con un semplice biglietto con la frase: "Grazie! Sia anche lei felice con la consorte sua, tanto degna di ogni bene". Questo messaggo non seppe tuttavia mettere in pace l'animo di Zeno che, alla fine, decise di tornare per un'ultima volta a casa di Carla dove trovт nuovamente solo la madre. Dopo averla pregata di ricordare a Carla che egli, qualora si fosse trovata in difficoltа, sarebbe stato sempre disponibile, si allontanт per sempre da qulla casa.

7-storia di un'associazione commerciale
Guido, un giorno, propose a Zeno di entrare a far parte dell'associazione commerciale che egli giа da tempo aveva intenzione di fondare. Zeno era a dir poco entusiasta. Stabilirono l'ufficio nel centro della cittа e, oltre a Guido e a Zeno, vi lavoravano anche due impiegati, Luciano e Carmen, senza contare il cane Argo, alla cui compagnia Guido non aveva saputo rinunciare. Luciano, di lм a qualche anno, sarebbe diventato un commerciante ricco e assai rispettato, mentre Carmen non conosceva nи la stenografia nи le lingue straniere.
Il primo cliente fu un certo signor Tacich, che proveniva dalla Dalmazia e che per pareccho tempo continuт a rivolgersi alla loro associazione perchи da subito si era innamorato di Carmen. Fu proprio Tacich a commissionare un affare importante, che riguardava l'acquisto di sessanta tonnellate di solfato di rame. Un giorno, perт, arrivт da Londra una certa comunicazione che indicava che l'affare non aveva affatto avuto il tanto sperato esito positivo. Allora, il signor Tacich abbandonт Trieste, mentre Guido e Zeno rimasero coll'avere sessanta tonnellate di solfato di rame, che provocт loro perdite enormi. Intanto, Guido appariva veramente innamorato della bella Carmen e, secondo Zeno, faceva di tutto per corteggiarla. Questo avveniva proprio in un delicato momento per Ada che, dopo essere rimasta incinta, aveva dato alla luce due gemelli. Il parto era ben r iuscito, ma ora la giovane donna appariva decisamente indebolita. Zeno fu il primo ad accorgersi che, in realtа, la sua stanchezza era dovuta a qualcosa di ben piщ serio e, difatti, il medico le diagnosticт il morbo di Basedow. Le fu cosм consigliato di recarsi a Bologna, in una casa di cura, ma Ada non voleva partire: era consapevole che il marito l'avrebbe tradita, voleva bene ai suoi figli e poi non aveva alcuna intenzione di lasciare Trieste. Tuttavia, dovette rimanere a Bologna per circa due mesi; in seguito fu considerata guarita e, quindi, ritornт a casa, proprio quando Augusta aveva messo al mondo Alfio, il suo secondo figlio. Nonostante la guarigione, la bellezza di Ada era per sempre scomparsa e la malattia aveva lasciato un segno indelebile sul suo volto. In preda alla disperazione, Guido tentт il suicidio, anche se, prima di assumere la morfina si era fatto astutamente scorgere dalla moglie. Di conseguenza, Ada aveva immediatamente chiamato aiuto e, presto, si potи considerare Guido fuori pericolo. In seguito, per risollevare la propria situazione economica, Giudo non trovт idea migliore che quella di giocare in borsa. Appena Zeno lo venne a sapere, non esitт a rimproverarlo aspramente, domandandogli se avesse intenzione di rovinare la propria famiglia. Tuttavia, ben presto dovette ricredersi: Guido, infatti, aveva vinto molto e quasi colmato quelle disastrose perdite che la fallita

8-La psico-analisi.
il protagonista comunica la sua decisione di abbandonare la terapia ed esprime la sua antipatia nei confronti del Dottor S.. Zeno, grazie al successo ottenuto negli affari, ritiene di essere guarito dalla sua malattia e diventato “normale”. La sua ultima considerazione all’interno del diario и di tipo psicologico: i malati sono quelli che si lasciano prendere dagli scrupoli, mentre gli individui sani sono coloro che si gettano nell’azione senza sensi di colpa.

Spazio narrativo:reale poiche' l'intero romanzo si svolge a Trieste.
Tempo:Si svolge all'inizio de '900 e dura l'intera vita del protagonista.
Personaggi:
-Zeno Cosini:Nonostante sia intelligente, consapevole dei suoi limiti e aiutato molto dalla sorte, e' descritto come il classico inetto. E' molto ironico su se stesso e su tutto cio' che lo cisconda: e' in questo modo che riesce a vivere bene perch distaccato da tutto.
-Augusta: Ha una mentalitа piccolo-borghese ma e' molto piщ sana di Zeno, suo marito, perchи nonostante sia in una situazione alquanto pesante, non si perde d'anoimo e vive tranquillamente.
-Suocero Malfenti e Guido Speier: sono i due antagonisti di Zeno; inizialmente sono presentati da Svevo come uomini di successo, ma la loro morte e' descritta come rivincita da parte di Zeno.
-Ada:Bellissima ragazza che Zeno non riesce a conquistare e che in seguito al suicidio del marito deve raggiungere i parenti del defunto.E' sempre stata molto egoista tranne per quello che riguarda la sorella Augusta, infatti fu proprio lei a indirizzare Zeno verso la sorella.
-Il padre di Zeno: Il protagonista vede il padre con rancore e Svevo ce lo descrive come tipico padre di famiglia, autoritario, che accantona ogni problema per paura di affrontarlo.

Narratore: interno alla vicenda infatti ne и il protagonista.
Temi: il tema principale и la psicoanalisi che fa da sfondo a temi quali il rapporto di contrasto tra padre e figlio, il rapporto tra marito e moglie reso incerto da relazioni extraconiugali ,ma soprattutto il rapporta di un uomo con la propria interioritа e la realtа che lo circonda.
Struttura sintattica: molto semplice
Lessico: comune ma allo stesso tempo letterario e popolare(soprattutto durante i dialoghi)
Stile: incisivo, discorsivo
Osservazioni personali:

• Scene del libro che hai trovato efficaci po inefficaci: credo che sia molto efficace l’associazione fatta dal protagonista della “U.S.” alla data della morte del padre, con cui si apre il secondo capitolo.Egli forse ha creduto di riuscire a smettere associando la sua ultima sigaretta a un fatto cosм significativo per la sua vita, ma nello stesso tempo ha forse sminuito l'importanza della morte del padre associandola a un fatto a confronto cosм sciocco.
• Motivi per cui il libro ti и piaciuto:Penso di non essermi mai annoiata a leggere questo romanzo, sia per la presentazione della vita quotidiana di un uomo "inetto" sia per la comicitа che Svevo utilizza e che mette in ridicolo il protagonista, trattando cosм temi anche molto tragici quali la morte o molto frivoli quali il corteggiamento e il tradimento con la stessa tonalitа.Ho letto questo libro tre volte e devo ammettere che lo rileggerei sempre perche' ogni volta riesco a scoprire un nuovo significato delle parole usate da Svevo, della psicologia dei personaggi e delle intenzioni dello scrittore.

Esempio



  



Come usare