Ivanhoe

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

2.5 (2)
Download:460
Data:18.10.2000
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
ivanhoe_2.zip (Dimensione: 7.65 Kb)
trucheck.it_ivanhoe.doc     30.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Titolo:
IVANHOE (1819)

Autore:
Walter Scott (Edimburgo 1771 - 1832)

Walter Scott iniziò la sua carriera letteraria traducendo in inglese alcune opere di letterati stranieri. Scrisse in seguito alcuni poemetti, ma lo stile di Scott è sempre stato più propenso alla prosa che alla poesia. Superato in poesia da poeti più bravi di lui (Byron), si dedicò alla prosa. E' da riconoscere come uno dei fondatori del romanzo storico, che in quel tempo dall'Inghilterra si diffuse in tutta Europa (persino in Italia, con "I promessi sposi" di Manzoni). Di antica e nobile famiglia, compì studi di giurisprudenza a Edimburgo e si dedicò alla carriera di avvocato, avviando contemporaneamente l'attività letteraria. Esordì traducendo le ballate del poeta tedesco Bürger, quindi si affermò con componimenti poetici ispirati alla tradizione popolare medievale (Canti giullareschi della frontiera scozzese, 1802-03). Il successo ottenuto con il poemetto Il lamento dell'ultimo menestrello (1805) gli permise di farsi socio dei suoi editori, e di ritirarsi nella sua grande proprietà di Abbotsford (1812). Qui portò a termine un romanzo iniziato da tempo, Waverley (1814), primo di una serie di romanzi storici d'ambiente scozzese che gli diede fama, consacrandolo padre del nuovo genere letterario. Tuttavia, il fallimento della casa editrice - e il coinvolgimento nella conseguente bancarotta (1826) - costrinse Scott a uno sfibrante lavoro letterario per pagare i creditori. Morì ad Abbotsford, di ritorno da un viaggio sul continente, stroncato da un attacco di cuore. Tra i poemi epico-lirici: Marmion (1808), La donna del lago (1810), L'intrepido Aroldo (1817); tra i romanzi: Rob Roy (1817), La sposa di Lammermoor (1819), Ivanhoe (1820), L'abate (1820), Kenilworth (1821), Il talismano (1825).

Breve descrizione dei personaggi principali:

• Cedric di Rotherwood, sovrano sassone, soprannominato Cedric il Sassone
• Vilfredo d'Ivanhoe, figlio di Cedric il sassone, quindi sassone, protagonista del romanzo
• Gurth e Wamba, il porcaro ed il giullare servi di Cedric
• Lady Rowena, lontana parente di Cedric, che però vive con lui come se fosse sua figlia
• Athelstane di Conninsburgh, partecipante al torneo di Ashby schierato dalla parte dei sassoni di Cedric
• Isacco di York e sua figlia Rebecca, due ebrei sotto la protezione di Cedric il Sassone.
• Locksley, bravissimo arciere che alla fine si rivela con il suo vero nome di Robin Hood e i suoi uomini, trai quali Frate Tuck.
• Cavaliere Nero, nome di Riccardo Cuor di Leone, Re d'Inghilterra, normanno (schierato dalla parte dei buoni)
• Principe Giovanni, fratello di Re Riccardo, prese il controllo del regno d'Inghilterra nel periodo in cui suo fratello maggiore è stato assente per andare a combattere nelle crociate. Normanno cattivo
• Il Templare Brian de Bois-Guilbert, cavaliere della Santa Croce, normanno, cattivo, vuole l’ebrea Rebecca
• Reginaldo Front-de-Boeuf, sovrano di Torquilstone, normanno, cattivo, amico di Maurizio de Bracy
• Maurizio de Bracy, normanno, cattivo, fa parte della corte del Principe Giovanni e vuole sposare Lady Rowena
• Valdemaro Fitzurse, cancelliere del Principe Giovanni, amico di de Bracy
• Filippo Malvoisin, barone alla corte del Principe Giovanni, normanno, cattivo. Nella storia compare anche suo fratello, Alberto Malvoisin, precettore della sede di Templestowe, strettamente legato con Brian de Bois-Guilbert.

Tempo:
Il romanzo è ambientato durante l’invasione normanna, nel periodo che segue la terza crociata, quindi tra il 1100 e il 1200.

Luogo:
La narrazione si sposta da una città all'altra ma rimane all'interno dell'Inghilterra. Sono però citati alcuni luoghi precisi come la foresta di Sherwood, il castello di York e Templestowe. Durante la narrazione ci sono frequenti richiami anche ad altri territori, dove però la vicenda non si svolge direttamente, come la Palestina o la Terrasanta, teatro dei combattimenti dei Crociati, e la Francia.

Breve sintesi dell’opera:
Siamo in Inghilterra, nel periodo di rivalità e lotte tra Sassoni e Normanni.

Il romanzo inizia presentando i personaggi della corte di Cedric il Sassone, alla quale si aggiungono, in qualità di ospiti, l'ebreo Isacco e sua figlia Rebecca.
Segue poi una lunga descrizione del torneo di Ashby dove vengono presentati nuovi personaggi (Ivanhoe, Athelstane ed altri cavalieri). Ivanhoe viene ferito nel torneo e scompare (si scopre poi che viene rinchiuso nella fortezza di Front-de-Boeuf). De Bracy e Bois-Guilbert organizzano un piano per rapire i sassoni: Bois-Guilbert e i suoi si travestono da fuorilegge e de Bracy, in veste di cavaliere galante, “salva” lady Rowena, con l'intenzione di sposarla. Tutti i sassoni si trovano rinchiusi nella fortezza di Front-de-Boeuf.
Wamba, il giullare di Cedric, l'unico a non essere stato rapito, organizza un piano per liberare il suo padrone Cedric. Si traveste da monaco, entra nella fortezza di Front-de-Boeuf e visita Cedric per confessarlo prima di morire. I due si scambiano di posto, Cedric esce dalla fortezza nella veste di monaco senza destare alcun sospetto su Front-de-Boeuf e nella foresta richiama tutta la gente comune e chiede loro di combattere per lui. Il popolo accetta volentieri. Tra di essi c'è anche Robin Hood (l'arciere Locksley) e il Cavaliere Nero (Re Riccardo). Alla fine il castello di Torquilstone viene incendiato, Reginaldo Front-de-Boeuf muore e i sassoni vengono tutti liberati (anche Ivanhoe).
Rebecca, mentre avveniva la distruzione del castello di Front-de-Boeuf, viene rapita da Bois-Guilbert, e portata a Templestowe, dove il sovrano è l’amico Malvoisin. Isacco è disperato e va alla ricerca di sua figlia.
Rebecca viene accusata di stregoneria (perché un tempo aveva guarito dei feriti con delle erbe medicinali) dal Gran Maestro del Tempio di Sion, che i cavalieri non aspettavano e viene processata. Le sorti del processo vennero lasciate decidere a Dio: vi sarà una lotta alla commenda di Conninsburgh in cui Bois-Guilbert (costretto) sosterrà che Rebecca è una strega. Rebecca ha tre giorni per cercare un suo campione che si batta con Brian de Bois-Guilbert. Si presenta Ivanhoe e la lotta viene vinta da quest’ultimo: Bois-Guilbert muore di infarto proprio mentre combattono. Tale fatto sostiene ancora di più la scelta di Dio, e riabilita Rebecca agli occhi di tutti.
Viene fatto il funerale di Athelstane, che credevamo morto durante l'incendio al castello, ma all'ultimo momento si ripresenta vivo, essendo stato rinchiuso nei sotterranei dai monaci che erano stati pagati per il suo funerale.
Lady Rowena ed Ivanhoe si sposano. Rebecca ringrazia Ivanhoe e parte con suo padre per Granata.

Tema centrale:
Il romanzo è una fetta della storia d’Ivanhoe, forse la più travagliata, che s’intreccia con il ritorno di Riccardo I al trono d’Inghilterra, dopo i combattimenti in Terrasanta.
Il romanzo, oltre al suo scopo di narrare una vicenda, ha anche quello di fornire un’accurata descrizione della situazione di vita inglese in un determinato scenario storico.
In questa opera, però, viene toccato un tema molto importante, quello degli ebrei, che già a quei tempi erano considerati “intoccabili”, una razza inferiore, che nessuno poteva osar aiutare. Vi è un esempio molto esplicito nelle vicende di Rebecca e suo padre, e soprattutto quando Rebecca viene accusata di stregoneria, che nessuno la volle aiutare appunto perché era un’ebrea.
Un altro tema è quello dei combattimenti, che a quei tempi erano considerati una “ragione di vita”, ossia per un cavaliere era questione di gloria e di fama presentarsi ad un torneo, anche senza vincerlo, ma sicuramente il suo orgoglio e la sua fama aumentavano se esso conquistava anche la vittoria. Un cavaliere che non si presentava ad un combattimento era considerato un infame, un uomo senza onore e gloria e la sua fama era senz’altro rovinata. Un esempio è espresso verso la fine del romanzo quando Bois-Guilbert doveva combattere contro Rebecca per la condanna di quest’ultima, solo perché gli era stato imposto e non perché lui lo voleva. Ad un certo punto, durante un dialogo con Rebecca, spiega all’ebrea che lui non poteva rifiutarsi di scendere in campo perché ne andava del suo orgoglio e della sua fama. Se faceva quest’azione era considerato un infame.

ANALISI DEL NARRATORE:
Il narratore in questo romanzo è onnisciente, cioè sa tutto d’ogni personaggio e può prevedere ciò che loro faranno in seguito; ad esempio sapeva che il vero nome del Cavaliere Diseredato che vinse il torneo di Ashby era Ivanoe, figlio di Cedric il Sassone, oppure conosceva il nome del Chierico dell’eremo di S. Dunstano a Copmanhurst, (fra Tuck) che verrà svelato solo in seguito.

Comparazione tra fabula e intreccio:
In questo romanzo gli avvenimenti sono narrati attraverso un intreccio, ossia secondo un ordine prestabilito dall’autore, e non in ordine cronologico (fabula). Infatti, in vari punti dell’opera, l’autore si occupa prima di uno o di un gruppo di personaggi e poi torna indietro ad esaminarne un altro. Si può quindi affermare che la fabula (l’ordine cronologico dei fatti) e stata trasformata dall’autore in un intreccio (un ordine di fatti da lui deciso).

Esempio



  



Come usare