Il Visconte dimezzato

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

2.5 (2)
Download:547
Data:19.12.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
visconte-dimezzato_1.zip (Dimensione: 4.15 Kb)
trucheck.it_il-visconte-dimezzato.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Il visconte dimezzato


Riassunto del libro di I. Calvino
cap 1
Il visconte Medardo e il suo scudiero Curzio si stavano recando in Boemia presso l'accampamento dei cristiani. Durante il tragitto il visconte osservava la conseguenza della battaglia. Dappertutto c'erano cavalli morti e soldati sepolti. Arrivato all'accampamento l'imperatore lo nomina subito tenente.
cap 2
La battaglia cominciò alle ore 10. Il tenente Medardo era ansioso di vedere i turchi e subito si gettò nella mischia. Il suo cavallo venne ucciso e Curzio ferito. Medardo cercò di avvicinarsi ad un cannone ma fu colpito in pieno petto da una cannonata. Quando passarono i carri per i morti e i feriti Medardo fu portato all'ospedale. I medici lo salvarono e Merardo si svegliò, ma era dimezzato perché la parte sinistra era stata polverizzata.
cap 3
Il visconte ritornò a Terralba . La sera dell'arrivo tutti lo stavano aspettando. Quando arrivò era coperto da un mantello nero. Non parlò con nessuno e si rinchiuse nei suoi alloggi. Il giorno dopo il padre di Medardo morì.
cap 4
Dopo la morte del padre Medardo uscì dal castello. La balia Sebastiana lo fece seguire dai servi che lo raggiunsero seguendo tutto ciò che il visconte aveva tagliato a metà. Quando lo raggiunsero si accorsero che mancava la metà dei funghi velenosi e che le aveva date al nipote. Lo stesso giorno c'era un processo e Medardo doveva essere il giudice. Condannò tutti a morte: i toscani per bracconaggio, la banda del posto per rapina e gli sbirri perché erano intervenuti tardi.
cap 5
Il nipote del visconte era solito girovagare per il bosco giorno e notte con il dottor Trelawney. Nel frattempo lo la cattiveria del visconte aumentò, infatti incominciò a dar fuoco a case, persone e perfino al suo castello. Continuava a far costruire forche e oggetti per la tortura e costrinse la balia Sebastiana a ritirarsi nel paese dei lebbrosi. Tutti avevano paura di lui: gli ugonotti, i lebbrosi e gli abitanti del castello.
cap 6
Medardo si innamorò di Pamela, una ragazza semplice e povera. La ragazza rifiuto di andare al castello del visconte e per sfuggirgli scappò e si nascose in una grotta.
cap 7
Il nipote di Medardo si recò a Portofungo alla ricerca della Sebastiana. Il giorno dopo incontrò lo zio che aveva un comportamento diverso. Nel frattempo il comportamento del visconte era diventato contraddittorio: a volte era buono a volte cattivo. Un pomeriggio di maggio Pamela incontrò il visconte e si rese conto delle sue parole che era l'altra metà creduta dispersa in Boemia. Era la metà buona.
cap 8
La vita a Terralba era cambiata dal giorno in cui comparse la metà buona del visconte. Anche gli ugonotti erano in attesa di una sua visita che avvenne poco dopo.
cap 9
La parte cattiva del visconte aveva condannato a morte l'altra metà ma gli sbirri si rifiutarono di compiere una simile azione. La parte buona si recava anche a Portofungo per curare i lebbrosi, ora però la popolazione di Terralaba e anche di ugonotti cominciavano a odiare non solo il visconte cattivo ma anche quello buono
cap 10
Entrambe le parti volevano sposare Pamela e questo causò un duello fra le due. Durante il duello entrambe si ferirono e il dottor Trelawney le unì. Finalmente il visconte era uno solo, né buono, né cattivo.

Esempio



  



Come usare