I dolori del giovane Werther

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

1 (2)
Download:736
Data:13.04.2001
Numero di pagine:6
Formato di file:.txt (File di testo)
Download   Anteprima
dolori-giovane-werther_7.zip (Dimensione: 4.58 Kb)
mirslovare_2.txt     9.44 Kb
mirslovare_1.txt     59 Bytes


Testo

Annalisa Nardi RELAZIONE DI NARRATIVA 12/12/2000
TITOLO: I dolori del giovane Werther
TITOLO ORIGINALE: Die Leiden des jungen Werthers
AUTORE: Johann Wolfgang Goethe
PRIMA EDIZIONE: Leipzig 1774
EDIZIONE LETTA: Newton 1997
VITA E OPERE DELL'AUTORE:
Johann Wolfgang Goethe nacque a Francoforte sul Meno il 28 agosto del 1749.
Nel 1771 si laureт in giurisprudenza a Lipsia, dove aveva seguito corsi di disegno, medicina e scienze naturali. Tornato a Francoforte conobbe Herder, Jacobi e Klopstock, lesse autori mistici e neoplatonici e si avvicinт alla filosofia di Spinoza. Fu in questo periodo che compose I dolori del giovane Werther.
Nel 1775 si trasferм a Weimar come membro del Consiglio Segreto del Duca Carlo Augusto di Sachsen-Weimar, al servizio del quale si dedicт a studi di botanica, di mineralogia e si occupт di problemi politici.
Gli anni che seguirono furono molto felici per l'attivitа letteraria di Goethe, che compose le liriche Il Divino e Limiti dell'Umanitа ed iniziт le stesure dell'Urfaust, dell'Ifigenia in Tauride, del Wilhelm Meister, del Tasso e dell'Egmont.
Nel 1782 gli fu conferito il diploma di nobiltа dall'imperatore Giuseppe II, che gli consentм di porre la particella von davanti al suo cognome. Il 3 settembre 1786 partм per Roma.
Tornato in Germania, nel 1789, gli nacque il figlio Augusto da Christiane Vulpius e, negli anni seguenti, strinse una profonda amicizia con Schiller, che lo esortт a non abbandonare mai la redazione del Faust e con il quale collaborт alla stesura della raccolta di epigrammi Xenien. Nel 1808 fu insignito della Legion d'Onore da Napoleone.
Nel 1830, a Roma, gli morм il figlio Augusto. Goethe lo seguм il 22 marzo del '32, alcuni mesi dopo aver sigillato il manoscritto del Faust II.
NOTIZIE SULL'OPERA LETTA
"Come la sua immagine mi perseguita! Che io vegli o sogni, mi riempie tutta l'anima. Qui, se chiudo gli occhi, qui, sulla mia fronte, dove si racchiude tutta la potenza visiva, stanno i suoi occhi neri. Io chiudo gli occhi, ed eccoli come un oceano davanti a me, dentro di me, occupano tutti i miei pensieri..." Questo racconto di un amore infelice и stato un successo travolgente, forse il primo successo "mondiale" di un libro. Una passione tragica che si conclude con un suicidio viene raccontata tramite le lettere del protagonista. La forza coinvolgente del libro deriva dal fatto che Goethe racconta qui una storia vissuta in prima persona. Scrivendo si libera da una ossessione, descrivendo il suicidio del protagonista scongiura il proprio. All'epoca, il romanzo ha suscitato una vera moda: i giovani si vestivano come Werther, parlavano come Werther e si sa addirittura di alcuni suicidi ispirati da questo racconto. Il giovane Goethe che prima era conosciuto come scrittore solo a pochi, di colpo divenne famoso e per tutta la sua vita fu visto da molti come "l'autore del Werther", anche quando era giа lontanissimo dalla impetuosa passione della sua giovinezza.
Il romanzo piщ famoso di Goethe, scritto tra il febbraio e marzo del 1774, и diviso in due libri: una prima parte, epistolare, in cui Werther, tra il maggio 1771 e dicembre 1772, indirizza alcune lettere al suo caro amico immaginario Wilhelm; una seconda, narrata in terza persona, in cui vengono descritti i sentimenti dei personaggi dal punto di vista di un "editore", inventato dal Goethe.
L'opera comincia con la descrizione dell'innamoramento del protagonista trattando i temi di amore e amicizia; concludendosi con la tragedia del suicidio preceduto dalle vicende del Werther al servizio dell'ambasciatore.
RIASSUNTO:
-PRIMA PARTE
Il passionale ed irrazionale Werther si rifugia da un amore non gradito in campagna, dove comincia ad indirizzare lettere all' inventato Wilhelm.
In una lettera gli scrive:" spesso cullo il mio sangue agitato e lo calmo, poichй certamente tu non hai mai visto nulla di piщ ineguale e incostante di questo mio cuore.(...). E' vero, io tratto il mio cuoricino come un bambino malato; tutti i suoi capricci devono essere soddisfatti."
Da queste parole emerge la sua voglia sfrenata di abbandono alla natura seguendo i moti volubili e ambigui del cuore.
In questo ambiente di pace e tranquillitа ha alcuni incontri: conosce la semplicitа e serenitа di una madre dedita ai suoi figli, l'amore sensuale e candido di un contadino per la propria padrona ("Mai in vita mia ho veduto una passione violenta ed una brama ardente e desiderosa, unite a tanta purezza, anzi posso dirlo, in simile purezza non le avevo mai immaginate ne sognate").
Tra i vari incontri conosce la bella Charlotte. L'operosa e socievole и la figlia maggiore del vecchio podestа, rimasta da poco orfana di madre, accudisce i molti fratellini.
Nella lettera del 16 giugno lo stesso Werther scrive di lei: "Una ragazza dalla bella figura, di media statura, che portava un semplice vestito bianco con nastri rosa pallido al braccio e al petto.
Teneva in mano un pane nero e tagliava per i suoi piccoli che la circondavano una fetta a ciascuno, in proporzione dell'etа e dell'appetito; distribuiva il pane con grande amorevolezza ed ognuno rispondeva con altrettanta spontaneitа".
Dinanzi a tali qualitа il giovane si innamora di lei.
Durante l'assenza di Alberto, fidanzato di Lotte, Werther la frequenta liberamente, gioca con i suoi fratellini e condivide con lei le emozioni della natura e della poesia.
Dopo alcune settimane ritorna il giovane Alberto di cui Werther diventa molto amico.
I due discutono di vari argomenti tra cui il suicidio; secondo Alberto questo и un atto insensato mentre Werther si ostina ad affermare che и un impulso irresistibile, scrive infatti:" La natura umana ha i suoi confini: puт sopportare la gioia, il dolore, le sofferenze fino ad un certo grado e viene distrutta non appena questo и superato".
Werther contempla il paesaggio che scatena in lui sentimenti di energia e vitalitа.
Si sente sconvolto: scopre "la forza distruttiva che и insita nell'universo della natura, la quale non ha creato nessun essere che non sia causa di distruzione per il proprio vicino e per se stesso".
Turbato da questi pensieri decide di lasciare la cittadina tranquilla, anche perchй
non sopporta piщ di vedere la giovane, dolce e bella Lotte insieme ad Alberto.
-SECONDA PARTE
In cittа Werther presta servizio presso l'ambasciatore, ma avvertendo i limiti della sua origine borghese и costretto a dimettersi.
Svincolato da ogni impegno di lavoro, raggiunge Lotte e Alberto che nel frattempo si sono sposati.
Ma la dolce realtа conosciuta al suo arrivo a Wahleim muta drasticamente: la giovane madre affronta con dolore la morte del figlio piщ giovane, il contadino innamorato uccide per gelosia un rivale e il giovane Werther и assalito dal dolore e dalla disperazione che lo conducono ad identificarsi nella figura di un pazzo.
Lotte resasi conto dell'amore che prova per Werther lo abbraccia appassionatamente ma, consapevole dell'impossibilitа del loro rapporto gli vieta di reincontrarla.
Distrutto dall'ennesima delusione si uccide utilizzando una pistola presa in prestito da Alberto e consegnatagli dalla stessa Lotte consapevole ma silenziosa.
PERSONAGGI PRINCIPALI
-WERTHER
E' il protagonista che, per tutta la prima parte del libro, vaga per la campagna. I suoi contatti sono casuali e con persone isolate, o con la famiglia di Lotte. Werther viene spinto contro voglia a lavorare, a inserirsi nuovamente nella comunitа. Per un breve periodo si notano gli effetti benefici dell'uscita dall'isolamento, ma questo atteggiamento "positivo" и di breve durata. Werther vive la vita come una "commedia" a cui egli partecipa solo come spettatore, ha poca considerazione di sй e questo lo induce a subire delle umiliazioni sociali ma, ancor di piщ, lo induce ad accettare qualsiasi cosa dalla donna amata.
Il protagonista, caratterizzato da un'intelligenza e da una sensibilitа straordinarie, non puт far a meno di notare la contraddizione tra la consapevolezza della sua superioritа e la sua agibilitа, a meno di accettare una perdita: perdita di ruolo sociale, perdita della donna amata, perdita della vita.
-LOTTE
Nella seconda parte, di pagina in pagina, Lotte viene sempre piщ coinvolta in un rapporto fatto di silenzi e di complicitа inconfessate. Il candore e l'onestа di Lotte vengono lentamente minati dal pavido amore di Werher, che immagina che sia lei, invece a creare le condizioni del disastro finale: non solo Werther muore d'amore per Lotte, e quindi si puт considerare la donna causa del suicidio, ma sarа lei ad offrirgli "il calice della morte", cioи la pistola.
L'editore ricorda come Werther turbasse la pace di Lotte e come lei cercasse di difendersi tentando di ricondurre l'amore di lui a una dimensione piщ consueta, anche proponendogli di compiere un viaggio. Questa proposta, il viaggio, и l'ultimo tentativo per salvare il salvabile: Werther, il rapporto matrimoniale con Albert e soprattutto se stessa, il suo piccolo mondo di affetti e di leggi.
-WILHELM
Werther scrive le lettere all'amico Wilhelm, a cui racconta il proprio infelice amore per Lotte. Il romanzo, scritto in forma epistolare, assomiglia molto ad un diario e quindi il mondo и filtrato dagli occhi del protagonista, perchй anche Wilhelm, che in qualche modo rappresenta il principio di realtа, и raccontato e contestato da Werther. Le sue lettere non compaiono, e Wilhelm и come se non entrasse mai veramente in scena; egli, oltre ad essere una finzione letteraria и una sorta di coscienza del protagonista. Colui che sembrerebbe esprimere il sentimento di amicizia, и un'astrazione.

Esempio



  



Come usare