Diaro del ghetto.

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

1 (3)
Download:203
Data:29.05.2000
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
diaro-ghetto_1.zip (Dimensione: 8.21 Kb)
trucheck.it_diaro-del-ghetto.doc     29 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

DIARIO DEL GHETTO
Janusz korczak
JANUSZ KORCZAK :
Janusz Korczak и nato a Varsavia nel 1878 ed muore a Treblinka il 1942 durante quindi la Seconda Guerra Mondiale.
E’ un libero pensatore, poeta e medico, fu, secondo Bruno Bettelheim, . Consacrт ai bambini l’intera esistenza. Per loro, per i loro diritti, e per il rispetto della loro integritа e unicitа, si battи con tutte le forze e tutti i mezzi, fino all’ultimo. Credendo fermamente nelle potenzialitа della natura umana, lavorт senza risparmiarsi per realizzare il sogno che lo aveva sempre accompagnato :il sogno di un mondo piщ verт, piщ a misura d’uomo, piщ giusto. Ebreo, morм nel campo di sterminio nazista di Treblinka insieme a duecento bambini e agli educatori della , da lui fondata e diretta per trent’anni a Varsavia. Nella sua vita scrisse moltissimo :romanzi e testi teatrali, racconti per adulti e bambini, saggi sull’educazione e sugli educatori, inchieste sociologiche. Ignorate dal pubblico e dai pensatori italiani, le opere di Korczak iniziano ad avere successo grazie al costante lavoro di riscoperta che la Luni Editrice sta compiendo.
TRAMA :
Scritto con tenacia nonostante la stanchezza e l’indebolimento fisico, a matita, poi con una stilografica ricevuta in regalo, fatto successivamente ricopiare da un ragazzo dell’orfanotrofio, il diario di Janusz Korczak non riguarda molto la confessione ma piuttosto riaffermano la vita di un uomo e ne dichiarano la vittoria proprio nel momento della disfatta ;sostiene di essere nato nobile e che, nonostante la religione, morirа nobile.
ANALISI STRUTTURALE :
Janusz Korczak comincia il suo diario scrivendo, sul suo letto e con una matita, che questa autobiografia dev’essere del tutto diversa dalle altre scritte in precedenza.
E’ situato al celtro della sua stanza e vive assieme a nove coinquilini di cui quattro si chiamano Monius, uno Albert (che scrisse il diario dettatogli da Janusz), Jerzyk, Felunia, Genia e Haneczka ;si svegliava asieme altri verso le sei e mezzo, dopodicchи poteva a volte lavarsi, cambiarsi...
Conosceva varie persone, ebree e non, di cui ne ricorda tre, tipiche che, grazie a parolette untuose e, ebbene sм, anche al battesimo, si sono intrufolate con prepotenza e impudenza nell’ambiente polacco, in case e famiglie polacche, per rappresentarvi gli ebrei, sfuggendo dal rapporto tra l’Ebraismo e l’иlite spirituale ma soprattutto morale polacca. Giа da giovane, Janusz, amava i bambini, li difendeva e sosteneva di non rifiutare il bambino se ti domandava di ripetere la stessa frase perchй devono fin dalla piщ tenera etа soddisfare le proprie esigenze, pensava che loro avessero bisogno di sicurezza per questo fece costruire un orfanotrofio chiamato in cui successivamente introdusse una piccola Sinagoga. Arrivato il Natale, diresse una recita natalizia che, dopo varie prove e tentativi, finм molto bene. Tutti gli impegni e gli amici che aveva non riuscivano perт a frenare il suo istinto di suicidarsi ; teneva sempre nascosti delle pastiglie di morfina e del cloruro di murcurio per frenare l’eventuale dolore ;continuamente perт rimandava il suo progetto, che lo aveva perfezionato, perchи all’ultimo momento aveva sempre un nuovo sogno che doveva realizzare.
Janusz Korczak studiт medicina e divenne un modesto medico che, sebbene non volesse, faceva i turni in ospedale :per questo aiutava i suoi “simili” ( gli ebrei ) se stavano male e aiutava i piccoli ragazzi dell’ orfanotrofio.
Una notte, quando ancora non dormiva, sentм dei soldati gridare a degli ebrei, e successivamente sentм sette spari, il mattino seguente si accorse che furono uccisi sette ebrei appartenenti alla cosiddetta gestapo ebraica ;и per questo che cominciт a qualificare il bene e il male, invocт Dio di castigare gli uomini ;piatezza, grigiore, abitudine, mestiere, nebbia, sentimenti confusi e privi di spessore furono i suoi stati d’animo che lo affiancarono, li poteva cancellare se voleva ma preferм rimandare questa gran fatica. Ricorda molte volte un episodio di un ragazzo ancora vivo, disteso a terra che non viene considerato da dei ragazzini polacchi, lo calpestano e poi scappano. Fa delle considerazioni su ciт e nota che, giа da quella etа, hanno imparato cos’и l’odio.
Quando compм 63 anni, raggiunse il suo decimo settennio di vita (7 x 9)=63 e, si ricordт di tutti gli altri settenni passati ;dai quattordici ai ventuno, dai ventotto ai trentacinque e cosм via ;in questo periodo lavorava nell’ orfanotrofio e, per scherzare un po’ con piщ di duecento bambini, decise di imporre delle “tasse” ossia, chi voleva un servizio igienico che comprendeva anche il water allora doveva catturare quindici mosche, per i solidi bastavano solo dieci mosche mentre per i liquidi ne volevano cinque.Questo sistema fu perт abbandonato dopo un periodo di tempo. La и ora un ricovero per anziani, la stanza di isolamento ha solo sei inquilini con un’etа che va dai sette anni ai settanta. Un dм, mentre stava annaffiano i fiori sulla finestra vide un uomo con una carabina posta dinanzi a lui, pensт fosse un uomo del posto e si domandт se costui sapesse cosa volesse ;sostenne che fosse arrivato in zona solo ieri, pensava fosse arrivato da lontano . . .
PERSONAGGIO PRINCIPALE :
JANUSZ KORCZAK :Korczak и un polacco, un polacco nato e cresciuto in un ambienmte quasi completamente razzista, dove l’ebraismo non era professato ma bensм subмto. E lui, socialista e grande medico, si sentiva a disagio nel mondo ebraico che conosceva sufficientemente, ma che mai rinnegт. Al contrario, invece, odiava il popolo polacco e accettava l’antisemitismo ,egli non era religioso perт pensava che i bambini avessero bisogno della sicurezza e di un qualcosa che li faceva sentire a proprio agio. Morм a 64 anni, dopo aver raggiunto il decimo settennio di vita ;fino a quattordici anni, pensava solo alla scuola e all’ amore ;fino ai 21, dopo sette anni di scuola e quattordici di maturitа religiosa, fece il servizio militare dove maturт in lui, la rivolta non contro le condizioni sociali,ma contro la legge della natura. Nel quinto settennio aveva bisogno di essere efficiente in campo ben definito ;dai 28 ai 35 ricorda di aver vinto alla “lotteria della vita” ;fino ai 42 anni desidera morire mentre verso i 49 si domanda cos’ и la vitа !Poi, verso 56, 63 il suo sogno и di recarsi in Paradiso.
3-Il carattere di Janusz Korczak viene descritto parzialmente e poi dalla narrazione.
4-Di personaggi principali non ce ne sono piщ, perт, conoscendo la storia, oltre a tutti i suoi amici, ci sono i polacchi e i nazisti, che, secondo me, sono degli antagonisti perchй razzisti nei suoi confronti. Altri invece hanno un’ importanza relativa ossia vivono la propria vita senza “calpestare” la vita di Janusz sebbene lo conoscano.
5-Il personaggio Janusz appare a volte positivo a volte negativo ;positivo perchй cerca di vivere la propria vita affrontando eventuali scelte molto difficili, scappando dai nemici ma, nello stesso tempo appare negativo perchй vive in lui il desiderio del suicidio.
L’autore (lo stesso Janusz Korczak), non cerca di creare simpatia e consenso nei lettori perchй scrive la propria storia e cerca di descrivere i fatti cosм come stanno, (non avrebbe senso raccontare qualcosa di non vero) !
6-Il poeta e/o personaggio descrive la negativitа e la poca voglia di vivere che un uomo oramai anziano ha ;piatezza, grigiore, abitudine, mestiere, nebbia, sentimenti confusi e privi di spessore sono i suoi stati d’animo che lo affiancano, li puт cancellare se vuole ma preferisce rimandare questa gran fatica.
7-Essendo un diario и usata la prima persona

TEMPO :
a - La storia si svolge durante la seconda guerra mondiale, fino al 1942 quando l’autore muore ;i fatti si svolgono fino al mese di agosto.
b - Si, и un’epoca contemporanea all’autore appunto perchй questo libro и un diario personale.
c - L’epoca non и indeterminata.
AMBIENTE :
a - La storia и ambientata in Polonia
b - Le caratteristiche del luogo sono rare perт si parla di un campo di concentramento molto sporco e dell’orfanotrofio :.
C - In alcune ma poche parti della narrazione.
STRUTTURA :
a -Non esiste coincidenza tra fabula e intreccio, ci sono vari flesh - bach in cui ricorda i brutti momenti passati nel lager.
b - Il narratore и onniscente, и Janusz Korczak che racconta la storia e la sua vita a noi lettori ;la focalizzazione и quindi zero.

Esempio



  


  1. ffff

    fggff La riproduzione, parziale o totale, dei testi e dei contenuti di questo sito è consentita a condizione che venga citata la fonte e che la diffusione non avvenga a fini di lucro o congiuntamente a prodotti commerciali.


Come usare