Con quale autorità, R. H. Benson

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

1.5 (2)
Download:326
Data:18.09.2001
Numero di pagine:8
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
quale-autorita-benson_1.zip (Dimensione: 7.93 Kb)
trucheck.it_con-quale-autorit+     31 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

“CON QUALE AUTORITA’?”

Autore: Robert Hugh Benson

Trama:
Nell’Inghilterra di Elisabetta N, la guerra tra i protestanti e i cattolici “papisti” era molto accentuata. Non solo vi erano persecuzioni a chi predicava messe papiste, ma le anime di molti cittadini inglesi erano molto turbate nel capire quale fosse la religione “vera”.
Questo racconto, ne è la prova, di come viveva la società di quell’epoca.
Nel piccolo villeggio di Great Keynes, a circa venti miglia a sud di Londra, vivevano l’una accanto all’altra, due famiglie una protestante e l’altra cattolica. Tra le due famiglie vi erano ottimi rapporti.
La prima, la famiglia Maxwell, abitava nella Hall ed erano di lunga discendenza cattolica.
La famiglia era composta da Sir Nicholas e la moglie Lady Maxwell, i figli James e Hubert e la sorella di Lady Maxwell, Mrs. Margaret Torridon.
L’altra invece, la famiglia Norris di ramo protestante, viveva nella Dover House, che cinquant’anni addietro faceva parte della Hall.
Questa era invece formata dal signor Norris e i figli Isabel e Anthony.
La terza famiglia, ma che influisce meno sulla storia, è quella dei signori Dent, il quale capofamiglia era il rettore del villaggio, convinto anglicano.
La storia inizia con l’autunno dell’anno 1569.
Isabel era spesso frequentatrice della Hall, in quanto amica di Lady Maxwell. Tra il figlio minore di quest’ultima, Hubert, e Isabel, nasce un forte sentimento. Tanti spiacevoli avvenimenti faranno dividere la sfortunata coppia.
Nella primavera seguente, giunge nella Hall, ospite di Mrs. Margaret la giovane Mary Corbet, dama di corte della regina Elisabetta. Anche lei papista, non poteva dimostrare la sua religione, xchè nella corte della regina potevano essere ammessi solo protestanti.
Subito Mary suscita grande interesse, prima in Isabel e successivamente nel fratello Anthony, che in principio non aveva trovato molta simpatia in lei.
Dopo la signorina Corbet, fu ospite dei Maxwelll, il signor Stewart, un ricercato cattolico in cerca di rifugio. Fu il signor Dent, sotto pressioni della moglie a tradire la fiducia dell’amico e a far scoprire l’alloggio segreto del signor Stewart. Sia lui che Sir Nicholas, vengono arrestati, anche se non entrambi fanno la stessa fine. L’unica colpa di Sir Nicholas era quella di aver ospitato un cattolico, e non si poteva condannare solo per ragioni di pensiero. Così viene rilasciato. Nel periodo in cui era in carcere, fu suo figlio Hubert ad occuparsi dei possedimenti di famiglia, ma al suo ritorno incarica il figlio ad andare a lavorare presso un suo amico, e così fu costretto a lasciare Isabel.
Isabel viene mandata dal padre, su consiglio del rettore, a frequentare la comunità dei calvinisti a Northampton. Già prima di questo viaggio i dubbi di Isabel sul protestantesimo erano forti, ma aumentano venendo a conoscenza dei principi calvinisti, religione di ramo protestante, e la messa è stata la più insignificante che ella abbia mai visto.
Nel frattempo Anthony a Londra, trova lavoro presso l’arcivescovo Grindal. Hubert, dopo il lavoro trovatogli dal padre, decide di abbandonarlo e di partire al servizio della regina con l’amico Drake, in cerca di cattolici, affliggendo così un gran dolore al padre, sia per aver abbandonato il lavoro, sia per essere andato contro i cattolici.
In breve tempo diventa cattolico, in questo modo avrebbe potuto sposare la sua adorata Isabel senza alcun problema, visto che l’unico muro per il loro matrimonio era la diversa religione.
Ma dopo la morte del padre, e aver frequentato a lungo Mrs. Margaret, i dubbi sul protestantesimo per Isabel diventano sempre più forti. La ragazza è combattuta da una grande crisi spirituale, quale sarà la religione vera? Ma il suo dubbio più grande era quello che si sarebbe avvicinata alla religione cattolica, solo per amore di Hubert. Ma quando quest’ultimo le rivelerà la sua nuova religione, è sempre più convinta della sua scelta, ma sempre più confusa. Anthony, a Londra ricevendo un biglietto, con l’inganno tradisce James e lo fa catturare, mentre sta per celebrare la messa. Anthony fa di tutto per liberare l’amico, e invocando la pietà della regina insieme a Mary Corbet, riescono ad ottenere la scarcerazione, anche se le torture erano già state iniziate. James, tornato a Great Keynes, celebra la sua ultima messa in Inghilterra, prima di partire per la Francia. Viene invitata a partecipare anche Isabel, e qui si convince definitivamente che la “vera” religione è quella cattolica.
James parte per la Francia e Anthony fa ritorno a Great Keynes. Qui anche lui decide di cambiare religione, e insieme alla sorella Isabel si convertono nel giorno di Pasqua.
Partono anch’essi per la Francia a trovare James, dove Anthony decide di farsi prete.
Isabel scopre che Hubert si è sposato con una donna protestante.
Dopo vari avvenimenti Anthony ed Isabel si trasferiscono dal signor Buxton, altro amico di fede cattolica, a Stanfield Place, in compagnia di Mary Corbet. Ripartendo da Stanfield, i due ragazzi si accorgono di essere seguiti e spiati da protestanti. Essendo quasi certi di averli depistati, ritornano a Stanfield e raccontando al signor Buxton dell’accaduto, il quale chiede in sposa Isabel, formulano un piano nel caso in cui avessero dovuto avere spiacevoli sorprese. In tal caso il signor Buxton avrebbe suonato la campana e dato l’allarme. Così successe. Anthony, passando tra vari nascondigli, riesce a nascondersi nella casa nel giardino, restando al sicuro per un po’. La presenza di Mary Corbet, turbava le guardie, perché lei avrebbe potuto parlare male alla regina di loro. Chi cercavano era proprio Anthony, perché prete. Inoltre l’altro a rischiare era proprio il signor Buxton perché copriva un fuorilegge.
Sospettando il rifugio del prete le guardie restano molto vigili la notte, mentre il signor Buxton e le due donne escogitano un piano per permettere ad Anthony di scappare. Il piano fallisce, e mentre la guardia insegue Anthony e sta per sparare al suo cavallo per poterlo catturare, Mary si mette davanti al bersaglio e viene ferita. Anthony invece di scappare torna indietro a confessare Mary prima della morte.
Dopo essere stato arrestato, e aver rifiutato varie proposte dal giudice, è chiamato dalla regina che non solo lo perdona, ma gli offre prima un posto a corte che rifiuta, e dopo gli permette di professare la sua professione di prete all’estero. Rifiuta per non voler ammettere di aver prestato il giuramento. Scatenando l’ira della regina, viene condannato a morte. Isabel decide di farsi suora.

Presentazione dei personaggi:
Com’è stato già premesso, i personaggi fondamentali sono suddivisi in due famiglie, Maxwell e Norris.
La famiglia Maxwell, abitava nella Hall ed erano di lunga discendenza cattolica.
La famiglia era composta da Sir Nicholas e la moglie Lady Maxwell, i figli James e Hubert e la sorella di Lady Maxwell, Mrs. Margaret Torridon.
L’altra invece, la famiglia Norris di ramo protestante, viveva nella Dover House, che cinquant’anni addietro faceva parte della Hall.
Questa era invece formata dal signor Norris e i figli Isabel e Anthony.
Sir Nicholas, fervente cattolico, non riusciva a capire come si potesse rinunciare all’antica religione per una nuova.
Il maggiore dei suoi figli, James, era considerato dal resto del villaggio un personaggio misterioso: spesso faceva gite in città, era molto riservato anche nelle conversazioni, e non dimostrava interesse alcuno alla civiltà campestre. Suo fratello Hubert, era invece di carattere vivace, espansivo e amante di ogni genere di sport. Alla Hall abitava anche la sorella di Lady Maxwell, Mrs. Margaret Torridon, una vecchia signora dall’espressione dolce e serena, che usciva molto di rado e intorno alla quale aleggiava pure un ombra di mistero.
Il signor Norris, il quale in gioventù aveva subito l’influenza delle nuove dottrine, e che si era conformato ai cambiamenti religiosi avvenuti al tempo di Edoardo, era un pio e colto puritano.
Sua figlia Isabel, la quale all’inizio della storia aveva diciassette anni, cresceva con i suoi stessi principi, ma allo stesso tempo frequentava la casa dei Maxwell, che incisero molto sulla sua decisione di diventare cattolica. Era di carattere quieto e riflessivo; pallida in viso, con occhi grandi tendenti al grigio e una capigliatura nera lucente, non poteva dirsi veramente bella, ma attraente.
Suo fratello Anthony, più giovane di lei di tre anni, pareva interessarsi più ai suoi falchi e al suo cavallo che non ai parenti e agli amici. All’età di quattordici anni lascia la casa paterna per andare a studiare a Cambridge. Era partito contento visto che a lui non piaceva la vita che conduceva alla Dover House.
Un altro personaggio che incide molto sulla storia, è la signorina Mary Corbet. Era la dama di corte della regina Elisabetta sebbene fosse cattolica. Il suo viso era un po’ pallido, aveva un’espressione vivacissima; la fronte era alta, le sopracciglia nere e arcuate, gli occhi scintillanti, la bocca piccola ed espressiva con labbra vermiglie, che parevano atteggiarsi a un malizioso sorriso.

Presentazione delle tematiche fondamentali:
Le tematiche fondamentali affrontate da questo racconto, sono per lo più storico- religiose.
La lotta che persisteva in Inghilterra ai tempi di Elisabetta e la cugina Maria Stuarda, era motivo per molte persone di grande sgomento. In Inghilterra la religione ufficiale era ormai da tempo quella anglicana “Anglicana Ecclesia”. Erano liberi di credere alla propria religione i cattolici, o “papisti”, ma non potevano praticare alcuna messa. Venivano inviate dalla regina spie per scoprire qualche prete che predicava la messa. Per questo era in grande contrasto, non solo con il Papa dal quale ha ricevuto la bolla, ma con la regina Maria Stuarda, regina di Scozia e con la Spagna, entrambi popoli estremamente cattolici. La Spagna mandò varie Armade contro la regina, che però furono respinte. Ma l’argomento principale del racconto, riguarda per la maggior parte le angosce e le difficili decisioni per chi era cattolico e voleva praticare questa religione, e per chi avesse deciso di cambiare religione.
In questo racconto, i personaggi, sono in grande crisi spirituale, ma la religione che prevale, in contraddizione con la società inglese, era quella papista. I puritani erano molto più rigidi, la religione era per loro quasi un’istituzione dove vi erano molte regole da seguire. Mentre la religione cattolica era quella della dolcezza, della comprensione e del maggior perdono. Questo è quanto Mrs. Margaret fa capire a Isabel. I puritani, per screditare la religione papista, cercavano di dimostrare che per i cattolici l’Eucarestia era un atto di sacrificio a Dio, mentre per loro una manifestazione di fede in Cristo.

Commento personale:
Devo ammettere che questo libro non l’ho letto con molto piacere. La storia non scorre molto, e la trama è solamente una scusa per descrivere lo stato d’animo che ha portato l’autore alla conversione. E’ inverosimile che per la maggior parte di queste persone la vera religione sia quella cattolica visto che in quella società erano veramente pochi i cattolici. Non vorrei che fraintendesse questa mia opinione sul racconto con la mia visione per la vita rispetto alla religione. Credo solo che questo testo sia inadatto a ragazzi della nostra età, perché nessuno di noi potrà capire qual è veramente il messaggio che l’autore vuol trasmettere.
Consiglierei inoltre, che in futuro, si leggessero libri che possano permetterci un ampliamento della lingua, e quindi del modo di scrivere; libri che possano suscitare in noi maggiori interesse.
Non pensi che voglia farle un rimprovero, anzi è un modo per continuare il percorso di questi due anni insieme nel migliore dei modi. Lei ci ha sempre chiesto dei consigli e delle critiche, e prendo questa occasione per esporle non solo miei problemi, ma anche problemi di tutti i ragazzi della classe (anche se non hanno il coraggio di dirlo). c
L’autore immedesima il suo stato d’animo e quello che ha vissuto, in una società molto diversa dalla sua, e per questo il racconto mi sembra un po’ inverosimile.
Durante il racconto sono ripetuti più volte, anche sotto forme diverse, gli stessi concetti, le stesse tematiche. Era buona l’idea di affrontare un argomento storico e allo stesso tempo far capire come viveva la società..
Non so che quello che dico sia giusto, ma è solo la mia opinione.

Esempio



  


  1. Jakayla

    Fialnly! This is just what I was looking for.


Come usare