"La scomparsa di Ettore Majorana" di Leonardo Sciascia

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

2.5 (2)
Download:487
Data:12.09.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scomparsa-ettore-majorana-leonardo-sciascia_1.zip (Dimensione: 4.78 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-scomparsa-di-ettore-majorana-di-leonardo-sciascia.doc     23.5 Kb



Testo

LA SCOMPARSA DI ETTORE MAJORANA

AUTORE: Leonardo Sciascia

EDITORE: Adelphi

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 1993

RIASSUNTO:

All’età di ventott’anni Ettore Majorana, famoso fisico nucleare, scomparve, una data precisa della sua misteriosa scomparsa non c’è, perché la pratica non è stata ancora chiusa definitivamente.
Una lettera di Ettore Majorana, ad un suo amico, fa presupporre che si sia tuffato dal piroscafo e sia annegato nel tratto do mare Napoli -Palermo, perché Ettore lavorava in un’università a Napoli, per questo tornava a casa imbarcandosi sulla Trirrenia Napoli - Palermo.
La polizia iniziò le sue ricerche pensando di trovare il cadavere del professore in mare, ma non lo trovarono. La famiglia era certa che Ettore fosse ancora vivo, infatti, molte furono le testimonianze di persone che conoscevano il professore e che lo avevano visto girare per le vie di Napoli.
A Roma Ettore studiò per quattro anni ingegneria, poi decise di cambiare facoltà e passò alla fisica. Nel 1930 Majorana prese la laurea in fisica nucleare. Dopo aver conseguito la laurea stette ancora per un breve periodo a Roma, dove continuò a frequentare l’università di fisica, continuando a studiare e sperimentare nuove formule confrontandole con i suoi amici: Fermi, Carbino e Segrè.
Ettore era una persona molto riservata, di poche parole e molto pensieroso, infatti, passava la maggior parte del suo tempo a cercare di risolvere qualche formula e quando ci riusciva lo appuntava sul solito pacchetto di sigarette che teneva sempre in tasca. Ettore non amava la popolarità, infatti, quando qualcuno si complimentava con lui dei suoi lampi di genio, i quali stupivano tutti, Ettore imbarazzato prendeva il pacchetto di sigarette sul quale aveva scritto la formula e lo gettava in un cestino delle immondizie.
Nel 1931 fu proposto a Majorana di trasferirsi in Russia o a Yale, ma lui rifiutò, più tardi accettò la cattedra di fisica teorica all’università di Napoli.
Dopo circa sette anni Ettore si rinchiuse nella propria stanza dell’albergo Bologna, quest’isolamento dal mondo non si è mai capito. Si pensa che stesse lavorando ad una fusione d’atomi e che lo portò a scoprire la bomba atomica. Spaventato dalla conseguenza che avrebbe causato la sua scoperta, decise di eliminare tutti gli appunti e le formule relative alla bomba atomica, e decise di scomparire. Infatti, non si fece più vedere e rispedì indietro tutta la posta che gli arrivava scrivendoci sopra che il destinatario era morto.
Ettore era scomparso come un fantasma, senza lasciare alcuna traccia. Tutto lo Stato era mobilitato nella sua ricerca, ma nessuno lo trovò.
Qualche decennio più tardi un cugino di Ettore riprese la ricerca da solo. Le varie testimonianze lo condussero in un convento siciliano dove pare che molti scienziati vi trovassero rifugio, e uno di questi sembra che sia stato Ettore Majorana, il qual e decise di rifugiarsi in quel convento per trovare conforto, perché sembra che si sentisse solo ed incompreso.

Aspetto

Cap. 3: >

Cap 9:

Carattere & Comportamento

Cap. 2:

Cap. 3:

Cap. 7:
Bernardis Martina 4A liceo 26/04/01

Esempio



  



Come usare