Uomini e no - Vittorini

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

2 (2)
Download:730
Data:01.04.2000
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
uomini-no-vittorini_1.zip (Dimensione: 11.95 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_uomini-e-no--vittorini.doc     41.5 Kb


Testo

Bellini Elisabetta, Pasotto Elena, Roselli Ada, Stucchi Giulia
SCHEDA DI LETTURA

Elio Vittorini, UOMINI E NO, Oscar Mondadori 1998
Elio Vittorini nasce nel 1908 a Siracusa. Il padre, autore di poesia e di drammi, fa il capostazione ed egli trascorre la sua infanzia “in piccole stazioni ferroviarie con reti metalliche alle finestre e il deserto intorno”. Elio ,ragazzo irrequieto e ribelle, a tredici anni fugge da casa “per vedere il mondo”. La sua giovinezza и segnata dalla smania di evasione: la scuola tecnica per ragionieri lo ha espulso per scarso rendimento ed и stato chiamato in questura per via della sua amicizia con Alfonso Failla, il quale fa parte di un gruppo di anarchici siracusani in lotta contro il dilagare dello squadrismo fascista. Si sposa con Rosa, sorella di Salvatore Quasimodo, e inizia a scrivere i primi articoli su . Le sue principali letture sono Gide, Joyce e Kafka. Nel 1929 realizza il sogno di vivere a Firenze dove, la sera, si incontra con gli amici alle “Giubbe rosse”, punto di incontro di tutti i letterati e artisti non solo fiorentini. In questi anni nasce l’interesse di Vittorini per la narrativa americana e inizia a studiare l’inglese. Nel 1934 le sue critiche al Regime, apparse sul giornale fascista il “Bargello”, gli procurano una denuncia. Con Bilenchi e Pratolini, gli amici piщ cari di questi anni fiorentini, si accosta ai primi testi marxisti. Il 26 luglio 1943, durante una riunione clandestina per mettere a punto un’edizione speciale dell’ “Unitа”, lo scrittore viene arrestato e rimarrа nel carcere di San Vittore fino a settembre. Tornato libero partecipa alla Resistenza, restando comunque nascosto nel Varesotto per via dell’ordine di Mussolini di sparargli a vista. Nel 1944 si reca a Firenze per organizzare uno sciopero generale. Identificato dalla polizia tedesca fugge precipitosamente e si ritira per un certo periodo in montagna. Qui, tra la primavera e l’autunno, scrive Uomini e no che pubblica nel 1945. Finita la guerra torna a Milano dove dirige e collabora al “Politecnico”, un giornale vissuto tra il ‘45 e il ’47, in cui si imbastisce un dibattito sui problemi dei rapporti tra politica e letteratura e sulla necessitа per l’intellettuale di equilibrare il proprio impegno sociale senza intaccare la libertа creativa. Gli ultimi anni dell’attivitа culturale dello scrittore si svolgono intorno alla rivista “Il menabт”, sulla quale egli affronta i problemi dei rapporti tra letteratura e industria e polemizza con la mentalitа cosiddetta “umanistica”. Nel 1963 si ammala gravemente; muore il 12 febbraio 1966.
QUALE FUNZIONE HANNO I CAPITOLI O GLI INSERTI IN CORSIVO ?
“Io a volte non so, quando quest’ uomo и solo - chiuso al buio in una stanza, steso su un letto, uomo al mondo lui solo - io quasi non so s’io non sono, invece del suo scrittore, lui stesso.” (cap 54)
I capitoli scritti in corsivo sono, in realtа, interventi dell’autore che riportano un immaginario dialogo tra l’autore stesso e il personaggio di Enne 2. La loro funzione и quella di contrapporre le due realtа in cui si viene a trovare l’uomo: l’etа adulta e l’infanzia.
La prima, segnata dall’atrocitа della guerra e dalla conseguente lotta partigiana, и l’etа della consapevolezza mentre con la seconda, al contrario di quello che ci aspettavamo, ovvero un’idealizzazione dell’etа infantile, lo scrittore vuole rappresentare i pensieri e i desideri di Enne 2 adulto riportati nella sua condizione di bambino. Vediamo infatti come alla fine del cap. 58 l’autore inserisca l’immagine dei “ragazzi biondi” uccisi da Enne 2 bambino e i suoi fratelli. Il tema della morte и presente anche attraverso la figura di Berta che deve vegliare la sua compagna morta. Da questo intervento, come da tutti gli altri, emerge il desiderio di Enne 2 di cambiare la vita di Berta e quindi di proteggerla:.
LA TECNICA DEL RALLENTAMENTO
Durante tutto il corso del racconto и usatissima la tecnica del rallentamento, ottenuta mediante frequenti ripetizioni. Con essa l’autore vuole rendere assoluti i personaggi, i dialoghi e le azioni collocandoli in un’atmosfera soprareale nella quale il tempo sembra fermarsi . Il capitolo 101 и un chiaro esempio dell’utilizzo di questa tecnica, infatti il dialogo tra Giulaj e il capitano procede tramite domande e risposte pressochй identiche tra loro. Anche le parti narrative risentono della tecnica del rallentamento come si vede fin dal primo capitolo nel quale viene ripetuto piщ volte lo stesso concetto: “и l’inverno piщ mite che abbiamo avuto da un quarto di secolo. . .dal 1908”, e ancora nel capitolo 43 dove si nota l’insistente presenza del pronome indefinito “niente”. Questa tecnica rende, a volte, la narrazione monotona rendendo la lettura noiosa.

NUMEROSE DOMANDE NON SONO SEGUITE DA RISPOSTA. AD ESSE DI FATTO C’E’ O NON C’E’ RISPOSTA?
Nel corso della narrazione i personaggi spesso rivolgono a se stessi o agli altri numerose domande che rimangono, perт, senza risposta. Gracco, alle domande che rivolge a se stesso , e in seguito, in modo diverso a Orazio, non sa trovare e non riceve una risposta. Di fatto non esiste una risposta generale, valida per tutti, in quanto questi interrogativi sono posti unicamente per far pensare i lettori, ognuno dei quali potrа rispondere in base alle proprie riflessioni.

QUALE SPAZIO E QUALI RELAZIONI FRA ESSI HANNO I GRANDI TEMI DELLA LETTERATURA AMORE, MORTE E GUERRA?
I tre temi amore, morte e guerra hanno uno spazio rilevante all’interno del romanzo ed essi sono strettamente legati tra loro da rapporti di causa - effetto. La guerra fa da sfondo all’intera vicenda: essa inquadra il periodo storico, la seconda guerra mondiale e, in particolare, la lotta di Resistenza in Italia.
Ad essa si legano gli altri due temi che fungono da conseguenza o da principio. L’amore, visto come fede nei principi ai quali i partigiani aderiscono e credono con tutti loro stessi, porta gli uomini ad accettare e intraprendere la lotta per la Liberazione, ma proprio la battaglia porterа alcuni valorosi combattenti, come il Foppa o Coriolano, a perdere la vita per il bene di tutta la popolazione. Ecco allora che la morte diventa la conseguenza, quasi inevitabile, della guerra. La morte и, perт, conseguenza anche dell’amore impossibile di Enne 2 per Berta. L’uomo, turbato per la perdita dei compagni e per l’impossibilitа di vedere realizzato il desiderio di vivere con la donna amata, decide di compiere un’ultima suicida missione.
L’UMANITA’ IN UOMINI E NO E’ DIVISA IN DUE CATEGORIE COME AFFERMA IL TITOLO?
L’autore, con il suo romanzo, divide l’umanitа in due categorie: la societа dominata dal fascismo, che и il mondo negativo, il male e la resistenza a questo stato di cose fino al rischio della vita, che и il bene. Quelli che Vittorini nel titolo chiama “uomini” sono Enne 2 e i suoi compagni impegnati nella lotta partigiana al fine di liberare gli italiani dalla piaga del fascismo. Al contrario, i personaggi che nel libro rappresentano il mondo fascista, dominato dalla violenza, vengono definiti, giа nel titolo, “non uomini”.
PERCHE’ ENNE 2, QUANDO DIVIENE DISPERATO, NON E’ GIUDICATO ADATTO ALLA LOTTA PARTIGIANA?
“Disse che bisognava toglierlo da una forma di lotta in cui poteva permettersi di essere disperato. Nessuno dei nostri doveva lottare con disperazione.” Secondo il nostro parere questa frase, pronunciata dal Gracco, mette in evidenza come il protagonista Enne 2, turbato dalla recente morte di alcuni compagni e dall’ennesimo rifiuto di Berta, venga giudicato inadatto alla lotta partigiana. Questo perchй un uomo preso dalla disperazione и portato a compiere azioni che mettono in pericolo oltre che la sua stessa vita, anche quella di altri valorosi combattenti. Un buon partigiano per poter adempiere nel migliore dei modi al suo lavoro deve, in primo luogo, conoscere la felicitа, infatti, come afferma la saggia Selva, “Che cosa puт sapere di quello che occorre agli uomini se uno non и felice? Noi per questo lottiamo. Perchй gli uomini siano felici.”.

IL PERSONAGGIO DI BERTA

Esempio



  



Come usare