Tesina interdisciplinare per esami di maturità di ragioneria

Materie:Tesina
Categoria:Generale
Download:14808
Data:26.11.2001
Numero di pagine:31
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
tesina-interdisciplinare-esami-maturita-ragioneria_1.zip (Dimensione: 523.39 Kb)
trucheck.it_tesina-interdisciplinare-per-esami-di-maturit+     586 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

PROFILO BIO-BIBLIOGRAFICO
DELL’AUTORE
GIOVANNI VERGA nasce a Catania il 2 settembre 1840. Il nonno paterno era stato carbonaro, anzi capo della carboneria Vizzinese. Il padre, di Vizzini, discendeva dal ramo cadetto di una famiglia alla quale appartenevano i baroni di Fontabianca. La madre, apparteneva ad una famiglia della borghesia Catanese.
Compiuti gli studi primari e medi, frequenta la scuola del fantasioso Antonio Abate, mediocre letterato, ma di ingegno vulcanico. In questi dieci anni alla scuola dell’Abate, Verga legge Dante, Petrarca, Ariosto, Tasso, Manzoni.
Per un epidemia di colera, i Verga si trasferirono a Tebidi e in questa circostanza il Verga incontra una fanciulla, “ una bellezza pallida e bruna” che trasfigurata nel ricordo, suggerirà tratti e vicende della protagonista del romanzo “ storia di una capinera”. Nel 1857 porta a compimendo il suo primo romanzo “amore e patria” ambientato all’epoca della rivoluzione americana. Il romanzo rimase ed è tuttora inedito.
Il Verga adolescente non è ancora sicuro della grammatica e dell’ortografia, eppure riesce già ad immaginare e a tessere una vastissima tela sul tema della guerra rivoluzionaria degli Americani del nord contro la Gran Bretagna. Nel 1858 si iscrive alla facoltà di legge all’università di Catania, senza dimostrare tuttavia propensione alcuna per gli studi giuridici, abbandonati nel 1861. Nel 1860 si arruola nella guardia nazionale istituita dopo lo sbarco di Garibaldi. Ottiene poi l’esonero militare.
Nel 1861 inizia la pubblicazione in quattro tomi del romanzo “ i carbonari della montagna”, portata a termine l’anno seguente, nella quale descrive la lotta del popolo calabrese, sotto la guida carbonara, contro gli invasori francesi di Murat.
Nel 1863 pubblica “ sulle lagune” ambientato nella Venezia risorgimentale sottoposta al gioco Austriaco. In questi suoi primi tre romanzi non importa tanto sottolineare l’impaccio e l’immaturità espressiva, quanto la prima apparizione di un problema di tecnica narrativa che interesserà lo scrittore per tutta la vita: quello dal punto di vista in cui porsi per narrare la vicenda.
Nel 1865 si reca a Firenze e da questo momento la città diverrà meta frequente dei suoi viaggi.
Nel 1866 compare il romanzo “una peccatrice” in cui è adombrata un’avventura catanese.
Nel 1869 lascia Catania per trasferirsi a Firenze dove frequenta i migliori salotti della città. Inizia la fraterna amicizia con Luigi Capuana e scrive “ storia si una capinera” ed “ Eva”.
Nel 1872 si trasferisce a Milano, dove si stabilirà per circa un ventennio, interrompendo il soggiorno solo con periodici viaggi in Sicilia.
Nel 1873 compare a Milano “Eva” romanzo che suscita scandalo nei critici di parte moderata avversi al naturalismo.
Nel 1875 compare “Eros” e “Tigre”. Solo con Eros Verga giungerà ad una narrazione oggettiva e distaccata, tutta in terza persona, mentre successivamente con l’adesione al verismo, farà ricorso all’impersonalità. Dopo un silenzio di tre anni nel 1878 esce un racconto che si discosta fortemente dalla materia e dal linguaggio della sua precedente narrativa, le passioni raffinate e artificiose, il soggettivismo esasperato, la lirica melodrammatica, si tratta di “ rosso malpelo” la storia di un garzone di miniera che vive in un ambiente duro, disumano, narrata con un linguaggio nudo e scabro, che riproduce il modo di raccontare di una narrazione popolare. È la prima opera della nuova maniera verista, ispirata ad una rigorosa impersonalità. Il Verga, in effetti si proponeva fermamente di dirigere il “vero”, rifiutando ogni etichetta di scuola. Diceva in una lettera di se stesso: “ ho cercato sempre di essere vero, senza essere né realista né idealista, né romantico, né altro”.
In verga dovette suscitare molta impressione “l’assomoir” (bettola) 1877 di Zola, per la sua ricostruzione di ambienti e psicologie popolari, che davano l’impressione diretta della realtà vissuta, e soprattutto, per il suo linguaggio, che riproduceva il gergo dei sobborghi operai parigini. Nel 1866 con dedica a Zola esce “Giacinta” , ma fallisce la sua ambizione di proporsi come modello di una nuova narrativa di impianto naturalista, restando tutto sommato, prigioniero della tradizione del romanzo psicologico romantico. Verga aveva in animo, con le sue opere e con il suo disegno di un ciclo di romanzi, di tracciare un quadro sociale, di delineare la fisionomia della vita italiana moderna, passando in rassegna tutte le classi, da ceti popolari alla borghesia di provincia, all’aristocrazia. Criterio unificante è il principio della per la sopravvivenza, anche se Verga non intende soffermarsi sui vincitori di questa guerra universale, ma sceglie come oggetto della sua narrazione i “Vinti”, che piegano il capo sotto il piede dei potenti. Il primo romanzo del ciclo è “ I Malavoglia” (1881), narrano la storia di una famiglia di pescatori che dopo una lotta contro le difficoltà della vita si disgrega tristemente. Pieno di significato è il contrasto tra il vecchio capofamiglia “padron Ntoni”, che lotta strenuamente e con tutte le sue forze per contrastare le avversità della vita che vogliono la disgregazione della famiglia, ed il giovane nipote Ntoni, che ignora i nobili principi del vecchio e preso dal desiderio dei facili guadagni, conosce il disonore del carcere dopo essersi allontanato dagli affetti familiari ed alla fine deve abbandonare il paese. È la storia di una famiglia ,vissuta fino ad allora relativamente felice, che le difficoltà economiche generate dalla situazione dell’Italia post-unitaria spingono a compiere una speculazione commerciale disastrosa, che segna l’inizio di una serie interminabile di sventure. La casa e la barca devono essere cedute, alcuni componenti della famiglia si disperdono; però al termine della vicenda i più giovani riescono a ricostruire il nucleo famigliare nella casa dei padri. Nel romanzo Verga analizza i contraccolpi prodotti dal progresso moderno nei primi anni post-unitari in un arcaica comunità di pescatori, sino allora vissuta ai margini della storia. A distanza di un anno da “ i malavoglia”, Verga pubblica un altro romanzo, “il marito di Elena” (1882), di ambiente cittadino e piccolo borghese. Nel 1889 esce il secondo romanzo del ciclo dei vinti: “mastro don Gesualdo” storia della ascesa sociale di un muratore che, con la sua intelligenza e la sua energia instancabile accumula enormi ricchezze, ma va incontro ad un tragico fallimento nella sfera degli affetti familiari. Il terzo del ciclo “la duchessa de Leyra” non sarà mai portato a compimento. Così gli ultimi due romanzi del progetto iniziale non saranno neppure affrontati “l’onorevole Scipioni” e “ l’uomo di lusso”. Le ragioni di questi interruzioni non sono facili da definire, dovettero combinarsi sia l’inaridimento dell’ispirazione e la stanchezza e il logoramento dei moduli veristi.
Il 30 ottobre del 1920 lo scrittore è nominato da Giolitti :Senatore del Regno.
Muore il 27 Gennaio del 1922 colpito da una trombosi celebrale.
TECNICA NARRATIVA E IDEOLOGIA VERGHIANA
Il Verga applica coerentemente i principi della sua poetica nelle opere veriste composte dal 1878 in poi; e ciò da origine ad una tecnica narrativa profondamente originale e innovatrice, che si distacca sia dalla tradizione, sia dalle contemporanee esperienze italiane straniere. Nelle sue opere effettivamente l’autore si eclissa, si cala nella pelle dei personaggi, vede le cose con i loro occhi e le esprime con le loro parole. Il punto di vista dello scrittore non si avverte mai, nelle opere del Verga: la voce che racconta si colloca all’interno del mondo rappresentato , è allo stesso livello dei personaggi. Non è propriamente qualche specifico personaggio a raccontare; ma il narratore si mimetizza nei personaggi stessi, adotta il oro modo di pensare e di sentire, si riferisce agli stessi criteri interpretativi, agli stessi principi morali, usa il loro stesso modo di esprimersi. È come se a raccontare fosse uno di loro, che però non compare direttamente nella vicenda e resta anonimo; quindi i fatti non passano attraverso la lente dello scrittore: siccome chi narra è interno al piano della rappresentazione, il lettore ha l’impressione di trovarsi faccia a faccia con il fatto nudo e crudo. Tutto ciò si impone con grande evidenza agli occhi del lettore perché il Verga , nei Malavoglia e nelle novelle, rappresenta ambienti popolari e rurali e mette in scena personaggi incolti e primitivi, contadini, pescatori, minatori, la cui visione e il cui linguaggio sono ben diversi da quelli dello scrittore borghese. Anche il linguaggio non è quello che potrebbe essere dello scrittore, ma un linguaggio spoglio e povero, punteggiato di modi di dire, paragoni, proverbi, imprecazioni, popolari, dalla sintassi elementare e talora scorretta, in cui traspare chiaramente la struttura dialettale (anche se Verga non usa mai direttamente il dialetto, ma sempre e solo il lessico italiano; tanto che se deve citare un termine dialettale lo isola mediante il corsivo).
Al fondo della visione del Verga sta un giudizio radicalmente negativo sulla società umana. Lo scrittore ha sotto gli occhi la realtà italiana degli anni 1870 1880, che vede gli inizi di uno sviluppo dell’economia in senso capitalistico e il primo avvio, in alcune zone d’Italia, ad un processo di industrializzazione che preannuncia la trasformazione di un paese agricolo e arretrato in un paese moderno. Verga, dal suo punto di vista di proletario agrario del sud, legato ad una realtà arcaica ed immobile, che conosce bene le condizioni delle masse contadine, respinge polemicamente questa realtà. Il progresso gli appare si grandioso ed epico, ma egli vede anche chiaramente i suoi inevitabili risvolti negativi, lo sfrenarsi delle ambizioni e degli interessi, la negazione di tutti i valori, il trionfo dell’utile e della forze, lo scatenarsi degli antagonismi tra classi sociali e individui la durezza dello sfruttamento e dell’oppressione sui più indifesi. Questo quadro desolato del vivere sociale per Verga, però, non è limitato al mondo presente, nella sua visione il meccanismo delle sopraffazioni e delle sofferenze è una legge di natura, che governa qualsiasi società, in ogni tempo e in ogni luogo. Nel Verga vi è la consapevolezza di un destino doloroso e della sua invincibilità, vi è la coscienza assoluta dell’impossibilità di migliorare l’avvenire dell’uomo. Contrariamente a quella fede nel progresso dell’uomo che vediamo illuminare gli scritti degli autori di questi periodi, nel Verga vi è la radicate convinzione che il dolore è la dura legge della vita al cui rigore nessuno può sfuggire. Il verga sente una pena infinita per la sofferenza materiale e morale dei suoi personaggi, per i quali non riesce nemmeno a suggerire un rimedio. Il suo dolore non giunge alla disperazione perché il male non può distruggere la dignità dell’uomo, anzi la fortifica e la ingigantisce, impegnando l’uomo stesso in una lotta da cui egli ritrae fierezza e nobiltà. Contrariamente al naturalismo francese che considerando l’uomo un prodotto dell’ereditarietà e dll’ambiente, nega il libero arbitrio, il verismo non arriva a tanto e riconosce all’uomo, la sua libertà di pensare e di agire, anche se essa è schiacciata dalle forze avverse della natura e dell’egoismo brutale dell’uomo stesso.
NATURALISMO FRANCESE E POETICA
DEL VERISMO ITALIANO
Gli scrittori veristi italiani, nell’elaborare le loro teorie letterarie e nello scrivere le loro opere, prendono le mosse , dal naturalismo che si afferma in Francia nel 1870. Per capire il fenomeno italiano occorre dunque esaminare quello francese. Il retroterra culturale e filosofico del Naturalismo è il Positivismo, un movimento di pensiero che si diffonde a partire dalla metà dell’800 ed è espressione ideologico della nuova organizzazione industriale della società borghese e del conseguente sviluppo della ricerca scientifica e delle applicazioni tecnologiche. Il positivismo è caratterizzato dal rifiuto di ogni visione di tipo religioso e idealistico e dalla convinzione che tutto il reale sia un gioco di forze materiali, fisiche, chimiche, biologiche, regolato dalle ferree leggi meccaniche; il positivista crede solo nei fatti positivi dimostrabili scientificamente e sperimentalmente, e vede nella scienza moderna l’unico strumento capace di spiegare la realtà e di dominarla, asservendola ai bisogni dell’uomo. Di qui la fede nel progresso. Il modello di scrittore – scienziato di cui aveva preso le mosse Verga, era Balzac, la cui concezione del mondo era ispirata a un rigoroso determinismo materialistico, affermando che i fenomeni spirituali sono determinati dall’ambiente fisico in cui l’uomo vive “ il vizio e la virtù sono dei prodotti come il vetriolo e lo zucchero” scriveva Balzac nel 1864. Altro modello della letterario della scuola naturalistica fu Gustave Flaubert, l’ autore di “madame bovary”. Il quale diceva: “L’artista deve essere nella sua opera come DIO nella creazione, invisibile e onnipotente, si che lo si senta ovunque, ma non lo si veda mai”. Un altro scrittore che diede la sistemazione più compiuta delle opere naturalistiche e riassunse nella sua opera il movimento (naturalista), ponendosi come un vero e proprio capo scuola come fu Emile Zola (1840 – 1903). Zola sostiene che il metodo sperimentale delle scienze applicato in un primo tempo ai corpi inanimati (chimica, fisica), poi ai corpi viventi (fisiologia), deve essere ora applicato anche alla sfera spirituale, agli atti intellettuali e passionali dell’uomo. L’immagine di Zola che si diffuse in Italia fu quella del romanziere scienziato e impavidamente realista, nonché dello scrittore sociale, in lotta contro le piaghe della società in nome del progresso e dell’umanità. Una teoria coerente ed un nuovo linguaggio furono elaborati da due intellettuali conservatori, due galantuomini meridionali, che operavano nell’ambiente milanese, assorbivano le stesse sollecitazioni del naturalismo francese e condividevano l’ammirazione per Zola, sia pure da diverse prospettive: Verga e Capuana. Il positivismo ed il naturalismo esercitano una vera e radicale influenza nel romanzo contemporaneo, ma soltando nella forma e tale influenza si traduce nella perfetta impersonalità di questa opera d’arte. L’impersonalità, come fatto formale, è il motivo centrale della poetica del verismo italiano, in luogo dello sperimentalismo scientifico del naturalismo francese, secondo Verga la rappresentazione artistica deve conferire al racconto l’impronta di cosa realmente avvenuta e per far questo deve riportare documenti umani, ma non basta che ciò che viene raccontato sia reale e documentato, deve essere anche raccontato in modo da porre il lettore faccia a faccia col fatto nudo e schietto, in modo che non abbia l'impressione di vederlo attraverso la lente dello scrittore. Lo scrittore per questo deve eclissarsi, cioè non deve comparire nel narrare con le sue reazioni soggettive. L’autore deve mettersi nella pelle dei suoi personaggi, vedere le cose coi loro occhi ed esprimerle colle loro parole. Il lettore avrà l’impressione non di sentire un racconto di fatti, ma di assistere a fatti che si svolgono sotto i suoi occhi. La teoria dell’impersonalità è solo la definizione di un procedimento tecnico, di un modo di dar forma all’opera, di conseguire determinati effetti artistici, cioè di far si che non si avverta nel narrato la presenza dello scrittore.
ECONOMIA E PROBLEMI DELL’ITALIA UNITA E INIZIO DELLO SVILUPPO CAPITALISTISCO
Si è accennato alla sostanziale arretratezza dell’economia italiana all’indomani dell’unificazione. L’Italia era fondamentalmente un paese agricolo: sono nelle regioni padane , tuttavia si era avuto in questo settore un processo di modernizzazione, avviato dai proprietari delle terre, con un sviluppo ed una produzione più consistenti. Nel resto d’Italia la situazione si presentava molto meno progredita; nel meridione, in particolare , continuava a dominare il sistema dei latifondi, vastissime estensioni di terre sulle quali lavoravano, per compensi estremamente bassi, molte migliaia di contadini, il rendimento di queste terre era minimo, soprattutto per lo scarso interesse da parte dei proprietari ad introdurre nuove tecniche o ad investire nuovi capitali per migliorare la produzione. L’alimentazione e le condizioni igieniche dei contadini erano dovunque molto precarie ed ampia era la diffusione di malattie come la pellagra e la malaria. Lo squilibrio esistente fra Nord e Sud era confermato anche dalla situazione delle industrie. In Piemonte, Lombardia, veneto erano da tempo avviate manifatture tessili di una certa importanza e l’industria pesante era quasi inesistente. Se nel centro si era sviluppata attorno a Prato una discreta attività tessile, accompagnata, nell’isola d’Elba, dell’estrazione del ferro, nel sud il settore industriale era pressoché assente. I primi governi, guidati dalla destra, dovettero cimentarsi con il problema dell’organizzazione amministrativa dell’Italia. Fu deciso di trasferire al nuovo stato unitario gli ordinamenti e la struttura amministrativa del regno di Sardegna. Lo statuto Albertino era diventato la costituzione dell’Italia e la legge elettorale piemontese era stata estesa a tutto il paese. Venne unificato il codice civile e venne inoltre istituito il servizio militare obbligatorio e che suscitò un forte malcontento perché sottraeva alle famiglie contadine forze più giovani indispensabili al lavoro, la durata era di 5 anni. Nel tentativo di sanare il bilancio dello stato fu inoltre deciso un aumento delle tasse, la più celebre di questa imposta e la più odiata, fu la tassa sul macinato che venne introdotta da Quintinio Sella nel 1868. Si verificarono disordini e insurrezioni, repressi con le armi delle forze dell’ordine. Nel 1876 venne raggiunto il pareggio del bilancio. I problemi del sottosviluppo nelle regioni del mezzogiorno , definito nel suo complesso “questione Meridionale” suscitò un crescente interessamento fra i politici e gli studiosi che cercarono di analizzare le cause di questo fenomeno e di proporre rimedi.
Fra i primi e più prestigiosi meridionalisti va citato Pasquale Villari, che riteneva un dovere, per la nuova classe dirigente, il tentativo di sottrarre alla miseria e all’arretratezza le regioni del sud, anche per evitare il rischio di rivolte a sfondo sociale. La questione della terra costituiva un aspetto fondamentale del complesso problema dell’arretratezza del mezzogiorno, un problema che aveva ragioni storiche precise, precedenti all’unificazione del paese: la struttura sociale ancora tipo feudale, il predominio della grande libertà latifondista, il dominio plurisecolare del baronaggio, geloso detentore di tutti i privilegi e le miseria estrema dei contadini. D’altro canto, con la nascita del nuovo regno d’Italia, la situazione non conobbe sostanziali miglioramenti. Le terre rimasero nelle mani dei signori e i braccianti non migliorarono le loro povere condizioni. La gente del sud deve ancora sopportare le ingiustizie e lo strapotere dei più forti, ma comincia a prendere coscienza della propria funzione sociale dando vita alle prime forme di contestazione sociali. Il brigantaggio non è altro che protesta selvaggia e brutale contro antiche e secolari ingiustizie, delusioni che seguirono alle speranze accese dalla rivoluzione Garibaldina in conseguenza dei pesanti carichi fiscali imposti dal nuovo governo. Il brigantaggio non è soltanto una reazione alla repressione statale contro i gravami imposti dallo stato unitario, ma anche violenza armata per vendicare le sopraffazioni e i tradimenti dei galantuomini. Indubbiamente, tra i briganti non pochi furono quelli che la miseria, l’ignoranza, la mancanza di lavoro certo e anche gli istinti perversi li spinsero a malfare e a porsi fuori dalla legge comunemente accettata per soddisfare ciechi impulsi di vendetti e di rapina. Molti altri furono posti dalle circostanze e dalla società in cui vissero, dinanzi all’alternativa di vivere in ginocchio o di morire in piedi. Il fenomeno del brigantaggio diviene il problema principale del meridione e del regno, i diversi governi che si susseguono fanno di tutto per abbatterlo, vennero perfino redatte delle leggi speciali. Il fatto più significativo è che nel 1865 vennero impiegati 1200.000 uomini contro il brigantaggio. L’operazione militare cancellò ogni residua traccia dei briganti, ma non risolse il problema agrario e sociale del mezzogiorno, al contrario servì a confermare e consolidare l’egemonia economica e politica della borghesia agraria e la soggezione dei contadini. L’annessione del sud al regno d’Italia non è da considerarsi perciò una grande impresa se inquadrata sotto certi aspetti, infatti lo storiografo meridionalista NITTI dimostrò con i fatti che l’annessione al regno d’Italia non risolvette i problemi del meridione, anzi li aggravò, poiché i soldi del sud erano sempre stati usati a favore del nord. Anche Antonio Gramsci mette in primo piano il ruolo dei contadini meridionali osservando come le scelte operate dalla classe dirigente siano state le componenti essenziali che hanno dato spinta di sviluppo economico al Nord, fossilizzando sempre di più il sud. Anche dopo la caduta del fascismo, la giovane repubblica italiana si trova di fronte ad un importantissimo problema ancora irrisolto: lo sviluppo del mezzogiorno e la questione contadina. Gli interessi per i problemi e la gente del mezzogiorno sono sempre vivi, lo stanno a dimostrare le inchieste parlamentari o i saggi di importanti personaggi del mondo culturale e politico e non solo anche opere di carattere letterario che volsero il loro interesse al mondo dei poveri e dei diseredati del sud. Nel primo periodo del nuovo regno unitario era stata impostata l’unificazione politica e amministrativa del paese, raggiungendo il alcuni importanti risultati fra i quali il pareggio del bilancio dello stato. Le elezioni del1876 videro la vittoria della sinistra che si presentava con un programma basato su un piano di riforme sociali. Con DEPRETIS venne abolita l’impopolare tassa sul macinato; fu istituita una riforma scolastica che prendeva 2 anni di scuola elementare gratuiti e obbligatori e fu approvata la riforma elettorale che portò ad un sensibile aumento del numero dei votanti. Nel primo periodo dei governi della sinistra si avviò anche in Italia un processo di industrializzazione che partì in evidente ritardo dal resto d’Europa. Lo sviluppo industriale fu agevolato anche dall’atteggiamento protezionista assunto dal governo; l’industria locale veniva protetta dall’applicazione dei dazi sulle merci provenienti dall’estero, rendendo più conveniente l’acquisto dei prodotti nazionali- nel settore dell’industria siderurgica, l’intervento dello stato fu massiccio: esemplare fu il caso delle grandi acciaierie di Terni fondate nel 1884. Sempre lo stato venne in aiuto ai cantieri navali. Negli anni 80 assistiamo alla crisi agraria con l’arrivo del grano americano sui mercati europei con un basso costo determinando la scomparsa rapida della piccola proprietà contadina. Il rapporto tra il nord ed il sud si precisa sempre più come un rapporto di tipo coloniale fondato sullo scambio ineguale. L’Italia insomma era effettivamente agli inizi del suo sviluppo capitalistico moderno, sia pure con ritardi e contraddizioni.
IL BILANCIO DELLO STATO
Nel primo periodo del nuovo regno unitario e più precisamente con l’avvento della sinistra nel 1876, come abbiamo già accennato venne raggiunto il pareggio del bilancio. Il bilancio è un documento contabile che rappresenta, sotto forma di previsione, i risultati di una serie di operazioni che vanno effettuate in un determinato periodo di tempo; e quando si parla di pareggio, si intende che dopo una corretta gestione si deve verificare almeno in prospettiva, un livellamento tra entrate ed uscite. Il bilancio è un documento fondamentale nella vita dello stato moderno perché è la sintesi pubblica della vita economica della nazione. Oltre alla evidente ed indiscutibile funzione economica il bilancio ha anche una funzione - Politica : concerne il rapporto fiduciario tra il parlamento ed il governo; - Giuridica: perché rappresenta una specie di autorizzazione preventiva delle spese che il parlamento concede all’organo che deve dare esecuzione al bilancio. L’attività finanziaria dello stato si svolge lungo tutto l’arco temporale della sua esistenza, ma esigenze di natura contabile e giuridica fanno si che si renda necessario dividere l’intera gestione finanziaria in più periodi limitati nel tempo e uguali tra di loro, in modo da rendere più semplice la previsione, l’autorizzazione e il riscontro nell’attività finanziaria pubblica. Il periodo di tempo preso come misura è di un anno e precisamente l’anno solare che decorre dal 1° gennaio al 31 dicembre. Detto periodo prende il nome di anno finanziario , quindi: - anno finanziario: è il periodo di tempo dell’attività finanziaria a cui si riferisce il bilancio;- l’esercizio finanziario è l’insieme delle operazioni eseguite per la gestione economica. Questo può essere più lungo dell’anno finanziario. In Italia dal 1879 entrambi si chiudono il 31 dicembre. Il bilancio si suddivide in – bilancio preventivo: è predisposto all’inizio dell’anno e contiene le entrate che si prevedono nell’anno e le spese che si prevedono nell’anno. – bilancio consuntivo: è redatto dopo che l’anno è finito, contiene l’indicazione delle entrate effettivamente realizzate e delle spese effettivamente sostenute. Il bilancio preventivo può essere di cassa o di competenza. Nel bilancio di cassa sono indicate le entrate effettivamente riscosse e le spese effettivamente pagate. Le entrate scritte nel bilancio di competenza, non riscosse, costituiscono residui attivi mentre le spese non pagate costituiscono i residui passivi. Il bilancio viene redatto secondo dei principi: universalità: il bilancio deve contenere tutte le entrate e le uscite dello stato in modo che non sfuggano al parlamento. Integrità: le entrate e le spese devono essere iscritte per intero senza operare nessuna detrazione. Unità: è unitario quando le entrate e le uscite devono affluire ad un unico fondo, e da questo fondo devono uscire tutte le spese. Specializzazione: le voci devono essere specificate e tenute distinte con la massima precisione per renderlo più chiaro al governo. Pubblicità: il bilancio viene pubblicato nella gazzetta ufficiale.
Le entrate dello stato si distinguono in ordinarie e straordinarie. Le ordinarie sono quelle che lo stato ha regolarmente ogni anno. Quelle straordinarie servono solo in casi di guerre o catastrofi naturali. Le più importanti entrate ordinarie sono le imposte e le tasse che lo stato preleva dai cittadini. Straordinarie sono del resto anche i BOT. Se i cittadini non acquistano questi titoli può procurarsi denaro stampando carta moneta. Anche questa è un entrata straordinaria, ma che può provocare conseguenze negative sul sistema economico, come l’inflazione, quindi possiamo dedurre che le entrate ordinarie sono per la maggior parte le imposte, mentre quelle straordinarie essenzialmente il debito pubblico ed l’emissione di carta moneta. Il bilancio può essere in pareggio, in avanzo (surplus), o in disavanzo (deficit). Il bilancio in pareggio si ha, come abbiamo già accennato, quando le entrate sono uguali alle uscite, in avanzo quando le entrate superano le uscite, in disavanzo quando le uscite superano le entrate. La teoria classica della finanza pubblica sosteneva che lo stato deve mirare al pareggio del bilancio, adottando il sistema che alle uscite ordinarie, come stipendi, pensioni; lo stato deve far fronte con l’entrate ordinarie, come le tasse, mentre alle uscite straordinarie, some le guerre si deve far frante con le entrate straordinarie, cioè con titoli di stato. Altra teoria che lo stato potrebbe adottare è quella della teoria del doppio bilancio. Lo stato effettua sia spese correnti che in conto capitale. Le spese correnti sono quelle necessarie per il funzionamento dello stato, le spese in conto capitale sono quelle di investimento( come ad esempio gli ospedali). In conclusione il bilancio corrente deve essere in pareggio, mentre il bilancio in conto capitale può essere in disavanzo. La teoria del bilancio ciclico prevede invece, un’alternanza, cioè il bilancio potrebbe essere qualche anno in avanzo e qualche anno in disavanzo, in maniera tale che ci potrebbe essere una compensazione. Altra teoria è quella della finanza funzionale che abbandona definitivamente il principio del pareggio del bilancio perché considera il bilancio stesso solo uno strumento per regolare l’attività economica basata sul disavanzo. Tutto questo perché quando l’economia non avanza, le imprese producono e vendono poco, non ci sono investimenti ed ecco che lo stato per far fronte alla crescente disoccupazione deve effettuare investimenti in opere pubbliche per dare lavoro. Lo stato, potrebbe procurarsi denaro con l’aumento delle tasse ciò facendo procura una diminuzione da parte dei consumi da parte dei cittadini, quindi le imprese andrebbero a vendere minore quantità di beni riducendo così, la produzione e per evitare questi effetti deve far fronte con le imposte ma mediante l’emissione di titoli. L’aumento del disavanzo quindi sarebbe un mezzo per aumentare l’attività economica e l’occupazione. Per misurare la crescita del disavanzo si usa rapportarlo alla ricchezza del paese, cioè al reddito nazionale. Una delle cause della crescita del disavanzo in Italia è stato il notevole aumento delle spese dello stato. Il bilancio dello stato, si divide da un punto di vista strutturale in due grandi parti: entrate ed uscite. Queste voci sono ripartite in : titoli – categorie – capitoli. Nel nostro paese, alla gestione del bilancio ,sono preposti 2 Ministeri: il ministero delle finanze, del tesoro e per il bilancio. Il ministero delle finanze predispone i mezzi necessari per procurare allo stato le entrate di cui a bisogno; il ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica: provvede alla riscossione delle entrate, alla erogazione spese, alle emissioni di prestiti; esercita un controllo preventivo sulle entrate e sulle spese e provvede a disciplinare lo sviluppo economico con piani programmati. Questi ministeri presentano al parlamento: entro il 31 marzo: una relazione generale sulla situazione economica del paese relativa all’anno precedente. Entro il 15 maggio: un documento di programmazione economica e finanziaria . Entro il 30 giugno: un bilancio di assestamento dell’esercizio in corso, un rendiconto generale dell’esercizio finanziario precedente. Entro il 31 luglio: il disegno di legge del bilancio annuale, più un bilancio triennale di previsione a legislazione vigente. Entro il 30 settembre: un disegno di legge finanziaria per l’anno successivo, una relazione previsionale e programmatica per l’anno successivo. Il bilancio viene presentato alle 2 camere e viene discusso prima in commissione, cioè un gruppo ristretto di deputati, dopo in assemblea in aula. In ogni camera al termine della discussione si vota il bilancio. Dopo essere stato approvato viene pubblicato sulla gazzetta ufficiale. Se non viene approvato entro il termine dell’anno in attesa si ha l’esercizio provvisorio. L’organo preposto al controllo dell’esecuzione del bilancio nel corso dell’anno è la corte dei conti. Dopo la fine dell’anno viene elaborato il rendiconto generale dell’esercizio trascorso, e prede il nome di: bilancio consuntivo e rendiconto del patrimonio dello stato. Come abbiamo già detto le banche hanno molta importanza per lo stato, infatti è la banca centrale che emette soldi sul mercato per cercare di coprire i debiti. Le banche……
MONEY AND BANKING
The bank is an isnstitute of credit and it offer services.
General Banking services are the services what bank use to attract customers .
• Bank accounts: there are two types of account.
1. A current account for funds which need to be immediately available (cheque book, cash dispenser card- Bancomat
2. A deposit account for funds which are not required for immediate use for longer periods and the bank pays higher rate of interest.
• Standing orders: are when the banks makes regular payments every months o years of a fixed sum to a creditor in a current accounts.
• Direct debits: the bank makes credit for varying amounts immediately.
• Loans: if the borrower (who receive the loan) knows how much money he needs and for how long he can ask the bank to lend the sum. But he has to pay the interests. Before to agreeing the loan the bank investigate to the patrimonial situation of the borrower.
• Overdraft: we have the overdrafts when the borrower go out of his account. And in this case we have an overdrawn (uscita di conto) and he pays the interests on the amounts of the overdrafts ( il D+ da pagare).
• Cheques: is a written order of payments to the bank (drawer) to pay money at another person (payee) from the drawer account. The cheque contain: date from which is payable- the name of the payee- the amount written in letter and number- and the drawer signature. The cheques can be endorsed to another person with a sign in the back of the cheque. Parallels lines. Eurocheques are special cheque who use the businessman in the others nations.
THE BANKING SYSTEMS
Is a vital structure of the nation’s economy.
• The central bank: every nation has a central bank which control the monetary system and it has 4 important functions:
1. The bankers’ bank: it regulates the interests rates in the country, and is the supervisor of others banks.
2. The government’s bank: it advise and assists the government in the monetary policy. It organise borrowing and selling stocks and bonds.
3. Responsible for the national currency: it issues banknotes and influence the international value of the currency by buying and selling in the foreign exchange.
4. International responsibilities: it operates with other central bank
• Commercial banks: their have many branches in the country and they offer deposit account, overdraft and loans.
• Merchant banks: their are a local banks and are specialised in the financing international trade and foreign exchange market.
I FIDI BANCARI
Il fido costituisce l’ammontare massimo di credito che una banca si impegna ad erogare al soggetto che ne ha fatto richiesta. Esso rappresenta quindi la misura massima del rischio che la banca è disposta ad assumere nei confronti del suo cliente.
Le fasi essenziali della procedura sono: la richiesta da parte del cliente; l’istruttoria della pratica attraverso la quale la banca controlla il grado di fiducia di cui è meritevole per poi esprimerlo in valore monetario; la delibera di affidamento.
La richiesta di affidamento deve specificare: l’ammontare del prestito, la sua durata, le eventuali garanzie prestate. Le persone fisiche devono elencare eventuali passività a loro carico; i soggetti con autonomia patrimoniale devono allegare l’ultimo bilancio annuale; le persone giuridiche anche. E soprattutto importante specificare le motivazioni per le quali il fido è richiesto.
L’istruttoria consiste nel complesso delle operazioni e indagini che la banca fa per accertare la veridicità delle sue informazioni in suo possesso, pervenendo al giudizio sulla solvibilità della del richiedente, intesa come attitudine a far fronte agli impegni futuri inerenti la restituzione del prestito. La banca deve valutare: la capacità reddituale del richiedente; la consistenza patrimoniale; le caratteristiche personali che sono rappresentate dalla qualità morale del richiedente.
Le indagini sono affidate a dei funzionari dalla sezione fidi chiamati settoristi; possono essere interne ed esterne. Esterne sono condotte fuori dalla banca e comprendono: le informazioni attinte dai clienti, fornitori ,uffici, e dal bollettino dei protesti pubblicato dalla camera di commercio; gli accertamenti verso l’ufficio delle imprese; le segnalazioni ricevuti dalla centrale dei rischi; eventuali sopralluoghi.
Interne consistono nell’esame della documentazione raccolta, e del bilancio nel caso sia un impresa; vengono controllati macchinari e impianti; le merci e le materie prime.
La delibera di affidamento viene emessa dall’organo deliberante, che assume la decisione di concedere il fido e sulla base degli elementi raccolti determina la capacità di credito. Le modalità di utilizzo del fido: in relazione alla forma tecnica di utilizzo di possono distinguere in: fidi generali viene consentito al cliente la forma di utilizzo più adatta a lui. Fidi particolari la banca indica con recisione come devono essere utilizzati questi fidi.
I finanziamenti alla clientela possono essere: prestiti monetari i quali possono essere finanziamenti in c/c o finanziamenti a scadenza fissa.. Crediti di firma quando la banca mette la sua firma ,senza erogare denaro , a garanzia di obbligazioni assunte dal cliente. Operazioni di smobilizzo con le quali vengono trasferite alle banche i crediti commerciali che le imprese vantano verso terzi. La banca naturalmente comporta un costo di interessi ed oneri per le imprese, che vengono determinati dai tassi effettivi che si determinano considerando il complesso degli oneri finanziari sostenuti dalle aziende.
IL SETTORE TERZIARIO
Come ben sappiamo le banche offrono servizi alla popolazione, quindi si trovano nel settore terziario, infatti, il terziario è il settore che racchiude tutte le attività economiche che producono servizi in parte destinati ai consumi finali ed in parte rivolti alle imprese. In passato il terziario era considerato il settore residuale cioè tutte quelle attività che non facevano parte dell’agricoltura o dell’industria. Ora invece viene considerato il settore più dinamico. Negli ultimi decenni il terziario è cresciuto notevolmente, il suo peso economico si sta facendo sempre più importante perché contribuisce molto al PIL, ed ha affiancato le industrie, dove per altro ora sono destinati gran parte dei servizi. Inoltre ha assunto una notevole importanza nell’occupazione, quindi possiamo concludere che questi processi porteranno alla terziarizzazione dell’economia. Questo processo non si verifica nei paesi sottosviluppati. La crescita degli addetti in questo settore, lo hanno fatto diventare il settore post-industriale. La terziarizzazione ha investito tutti i settori economici, soprattutto l’industria con le varie innovazioni portate nel campo della robotica, dell’automazione, oltre all’informatizzazione, che hanno richiesto un rinnovo totale della mano d’opera in fatti si cerca meno manualità e più specializzazione intellettuale. Inoltre ha fatto aumentare il peso delle società finanziarie, banche, assicurazioni. I servizi sono classificati in due tipi: funzionali e merceologico. Merceologici si distinguono per genere di servizio fornito. Funzionale si divide in servizi alle persone che a sua volta si dividono in individuali(bar, ristoranti) e collettivi(ospedali, scuole). Alle imprese rivolte alla produzione (consulenza, assicurazioni). Al quaternario politico (funzioni di comando).
La localizzazione delle attività terziarie sono concentrati in zone molto popolate, come nelle metropoli, che ormai possiamo sire che sono il centro incontrastato di questi servizi anche se la deurbanizzazione, cioè l’urbanizzazione delle campagne, sta facendo aumentare anche in campagna i servizi. I servizi si dividono in quelli di base (bar, trasporti, banche); medio livello (agenzie, scuole superiori); rari (università, alta moda). Molto importante è il ruolo del governo che deve garantire una migliore scorrevolezza di queste imprese, creando infrastrutture, condizioni, trasporti che ne facilitano il normale svolgimento. Il Governo….
IL GOVERNO
Il governo è costituito dalla maggioranza esposta in Parlamento, ed è un organo complesso in quanto gli è attribuito il potere esecutivo dello Stato, secondo la tripartizione dei poteri. I vari organi di cui dispone il Governo sono:
• Il Presidente del Consiglio dei Ministri
• I ministri
• Il Consiglio dei Ministri
Il presidente del Consiglio dei Ministri:
La sua posizione non è di preminenza gerarchica rispetto ai ministri, poiché la sua volontà concorre, alla pari con quella dei ministri, a formare l’indirizzo politico del Governo, e i ministri sono responsabili del loro operato politico esclusivamente di fronte al Parlamento. È colui che dirige la politica generale del Governo, di cui è responsabile, e mantiene l’unitarietà del Governo, in quanto, le sue dimissioni provocherebbero la caduta dell’intero Governo. Innanzitutto ha il compito di formare il Governo, una volta ricevuto il suo incarico dal PDR, e a sua volta ha il potere di scegliere lui stesso i singoli ministri. Inoltre le sue funzioni sono quelle di:
• Comunicare alle Camere la composizione del Governo e ogni mutamento in esso intervenuto;
• Controfirma gli atti più importanti del PDR(tra cui la promulgazione delle leggi e il decreto di scioglimento anticipato delle Camere);
• Controfirma tutti gli atti aventi forza di legge e gli atti in cui è intervenuta la deliberazione del Consiglio dei Ministri;
• Chiede alle Camere la fiducia e pone la questione di fiducia sugli atti del Governo;
• Sottopone al PDR i disegni di legge(di iniziativa governativa) da presentare alle Camere, le leggi per la promulgazione, gli atti aventi forza di legge e i regolamenti per l’emanazione.
La presidenza del consiglio ha sede a Roma, a Palazzo Chigi, nella stessa sede si svolgono le riunioni del consiglio dei ministri.
I ministri:
I ministri sono organi posti alla direzione di una delle varie branche in cui si suddivide l’attività amministrativa dello Stato, vale a dire di un ministero. Essi sono autonomi e indipendenti. I numero e la composizione dei ministri e dei ministeri , non è stabilito per legge può variare a seconda delle situazioni che si vengono a creare in un governo. Hanno una duplica funzione:
• Come organi del Governo concorrono a definire l’indirizzo politico;
• Come organi amministrativi sono al vertice di uno specifico ramo della Pubblica Amministrazione, e da essi dipendono gerarchicamente i vari uffici pubblici che si occupano dell’amministrazione dello stato.
Quindi i ministri con portafoglio vengono stabiliti per legge e vengono detti tali, in quanto sono a capo di un ministero. Accanto a questa figura, può esisterne un’altra che è quella del ministro senza portafoglio, il quale non ha alla sua dipendenza un ministero e hanno da svolgere particolari funzioni dette dipartimenti. Il loro numero e la natura dei loro incarichi variano da un Governo all’altro: esempio protezione civile, politiche comunitarie, affari sociali,…
Il Consiglio dei Ministri:
il Consiglio dei ministri è un organo collegiale composto dal Presidente del Consiglio (che lo convoca e lo presiede) e dai ministri. Le sue riunioni non sono pubbliche, non sono ammessi i giornalisti, non ne vengono pubblicati i resoconti. Il Consiglio dei ministri è la sede in cui viene definita la politica generale del Governo. Tutte le decisioni più importanti del Governo devono essere discusse e approvate nel Consiglio dei ministri. Tra di esse:
• Il programma da presentare al Parlamento al momento della formazione del Governo;
• I disegni di legge da sottoporre all’approvazione del Parlamento
• I decreti-legge
• I decreti legislativi
• I regolamenti governativi
• Le nomine dei + alti funzionari dello stato.
La formazione del Governo:
Si procede alla formazione di un nuovo Governo quando il precedente ha rassegnato le dimissioni, quando cioè si è aperta una crisi di governo si ha cmq la formazione di un nuovo Governo all’inizio di ogni nuova legislatura: da ciò consegue che un Governo può restare in carica al max per la durata di una legislatura. La Costituzione affida la nomina del nuovo Governo al PDR per garantire la presenza di una figura istituzionalmente al di sopra delle parti in un momento così delicato della vita politica del paese e ha previsto l’intervento del Parlamento in un momento successivo, mediante il voto di fiducia.
Appena il Presidente del Consiglio uscente comunica le sue dimissioni al PDR( aprendo formalmente la crisi di governo), quest’ultimo dà inizio alle consultazioni. Riceve cioè quelle personalità politiche (in pratica i leaders di tutti i partiti presenti in Parlamento) che possono offrirgli indicazioni sulla soluzione della crisi.
Terminate le consultazione egli sceglie un esponente politico a cui affida l’incarico di formare il governo.
Le nomine:
Se il presidente incaricato ritiene di essere in grado di formare un governo che possa godere della fiducia del Parlamento egli dichiara di accettare l’incarico che gli è stato conferito e viene nominato “ presidente del consiglio” con decreto del PDR.
Subito il presidente del consiglio sceglie i ministri che vengono a loro volta nominati dal PDR con proprio decreto. Una volta nominati, tutti i membri del Governo prestano giuramento nelle mani del PDR da questo momento il nuovo Governo entra in carica e sostituisce il Governo precedente che, x tutto il periodo della crisi aveva continuato a esercitare le sue funzioni.
Per quanto riguarda la votazione delle Camere sulla fiducia al Governo, deve essere fatta entro 10 gg dalla sua formazione e il Governo deve sottoporre il proprio programma all’esame delle Camere, che lo discutono. Si procede, quindi alla fiducia al Governo. Ottenuta la fiducia il Governo entra nella pienezza dei suoi poteri. Se, viceversa, il programma non viene approvato da entrambi i rami del Parlamento e, quindi, il Governo non ottiene il voto di fiducia, esso ha l’obbligo di rassegnare le dimissioni al PDR. Si apre così una crisi di Governo parlamentare.
Crisi di Governo:
La crisi di Governo sopraggiunge quando viene a mancare la fiducia del Parlamento nel Governo in carica. Poiché il Governo deve mantenere il gradimento delle due Camere, se alcuno dei componenti di queste due ultime o qualche gruppo parlamentare ritiene che il Governo non sia più degno della fiducia, una delle due Camere può approvare una mozione di sfiducia, obbligando con ciò il Governo a dimettersi. Questa dimissione, deve essere, come dice l’art.94 della Costituzione:
• Firmata da almeno 1/10 dei componenti delle Camere
• Motivata
• Messa in discussione non prima di 3 gg dalla sua presentazione
• Votata per appello nominale.
È inoltre ammesso dalla prassi, che il Governo rassegni spontaneamente le dimissioni. Le dimissioni spontanee del Governo traggono origine, per lo +, da gravi contrasti sorti o fra partiti che vi partecipano o in seno allo stesso partito di maggioranza.
Responsabilità dei membri del Governo:
Responsabilità politica:
La responsabilità politica nasce dall’aver tenuto una condotta o aver compiuto atti ritenuti politicamente inopportuni, cioè non conformi all’intero paese. La Costituzione dice che il presidente del Consiglio è responsabile della politica generale del Governo e che i ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri e inoltre questo articolo aggiunge che i ministri sono responsabili individualmente degli atti dei loro ministeri.
Può accadere infatti che la maggioranza parlamentare si trovi in disaccordo con la linea politica o con specifici atti di un singolo ministro; può dare quindi la sfiducia a lui solo, costringendolo a dimettersi senza che le sue dimissioni trascinino la caduta dell’intero Governo. Il ministro dimissionario può dunque essere sostituito.
La funzione di indirizzo politico:
Spetta al Governo stabilire i fini, gli obiettivi e gli strumenti della politica dello Stato. Esso li definisce una prima volta in via generale, presentando il proprio programma al Parlamento e poi concretamente, di volta in volta, nell’azione del Governo. L’orientamento politico del Governo riguarda sia la politica interna che quella estera. Il limite fondamentale che il governo incontra nella formulazione e nell’attuazione del proprio programma politico è costituito dalla responsabilità politica che ha di fronte al Parlamento.
La funzione amministrativa:
Il Governo sia nel suo insieme sia nelle persone dei singoli ministri per i ministeri di loro competenza, è posto al vertice della pubblica amministrazione. Poiché l’amministrazione pubblica è organizzata in modo gerarchico, il governo può impartire ordini ai suoi sottoposti. Nell’ambito di tale funzione il governo può emanare norme giuridiche secondarie sotto forma di regolamenti.
Il limite generale che il governo incontra nell’ambito di questa funzione è costituito dalla necessità di rispettare la legge.
La funzione legislativa:
Nonostante la funzione legislativa spetti al parlamento, il governo, nei casi dettati dalla Costituzione, può emanare norme aventi forza di legge, capaci quindi di abrogare le leggi preesistenti. I provvedimenti in questione prendono il nome di decreti legge e di decreti legislativi.
I decreti legge:
Sono atti aventi forza di legge ed emanati in caso di straordinaria necessità e di urgenza, poiché il normale procedimento legislativo richiede troppo tempo. Questi provvedimenti entrano immediatamente in vigore però devono essere approvati dal parlamento e quindi convertiti in legge entro 60 gg, altrimenti decadono.
Il decreto legge viene deliberato dal consiglio dei ministri e viene emanato dal PDR, e successivamente viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, entrando in vigore il giorno stesso della pubblicazione.
I decreti legislativi:
Anche essi sono provvedimenti del governo aventi forza di legge. Il Parlamento delega il governo affinché emani una legge che contenga una disciplina particolarmente complessa sul piano tecnico o molto dettagliata, dal momento che il governo è l’organo tecniche che ha competenze specifiche.
Il parlamento conferisce la delega al governo mediante una legge chiamata legge di delegazione o legge delega.
La Costituzione ha voluto evitare il pericolo che il parlamento, conferendo al governo una delega troppo ampia o senza precisi limiti, possa finire per spogliarsi del poter legislativo. Ha perciò stabilito che la delega deve indicare obbligatoriamente:
• L’oggetto della delega in modo preciso e delimitato
• I principi e i criteri direttivi a cui il governo deve attenersi
• Il termine entro cui il governo deve emanare il decreto legislativo.
Una volta approvata la legge delega, il governo predispone il testo del decreto legislativo. La preparazione di tale testo è di regola affidata al singolo ministro che è competente nella materia in questione, ma poi esso deve essere sottoposto alla discussione dell’intero consiglio dei ministri che ha il compito di approvarlo. Il decreto legislativo viene quindi emanato dal PDR e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale; entra in vigore, come le leggi, il 15° giorno successivamente alla pubblicazione.
Essi possono quindi abrogare leggi preesistenti e sono vincolati per tutti i cittadini
GOVERNO
Presidente: Silvio Berlusconi
Vicepresidente: Gianfranco Fini (Alleanza nazionale)
Sottosegretario alla presidenza: Gianni Letta (Forza Italia) Riforme: Umberto Bossi (Lega Nord)
Funzione pubblica: Franco Frattini (Forza Italia)
Politiche comunitarie: Rocco Buttiglione (Biancofiore)
Rapporti con il parlamento: Carlo Giovanardi (Biancofiore)
Affari esteri: Renato Ruggiero (Tecnico)
Pari opportunità: Stefania Prestigiacomo (Forza Italia)
Giustizia: Roberto Castelli (Lega Nord)
Economia: Giulio Tremonti (Forza Italia)
Interno: Claudio Scajola (Forza Italia)
Politiche agricole: Gianni Alemanno (Alleanza nazionale)
Difesa: Antonio Martino (Forza Italia)
Infrastrutturee trasporti: Pietro Lunardi (Tecnico)
Welfaree lavoro: Roberto Maroni (Lega Nord)
Pubblica istruzione: Letizia Moratti (Tecnico)
Beni culturali: Giuliano Urbani (Forza Italia)
Comunicazione: Maurizio Gasparri (Alleanza nazionale)
Sanità: Gerolamo Sirchia (Tecnico)
Attività produttive: Antonio Marzano (Forza Italia)
Attuazione programma Governo: Giuseppe Pisanu (Forza Italia)
Italiani nel mondo: Mirko Tremaglia (Alleanza nazionale)
Ambiente: Altero Matteoli (Alleanza nazionale)
Innovazione tecnologica: Lucio Stanca (Tecnico)
Affari regionali: Enrico la Loggia (Forza Italia)
SOMMARIO pag.
1. Verga 1
2. Tecnica narrativa e ideologia Verghiana 3
3. Naturalismo francese e poetica del verismo italiano 4
4. Economia e problemi dell’Italia unita e inizio dello sviluppo capitalistico. 6
5. Il bilancio dello stato 8
6. Money and Banking 11
7. I fidi bancari 12
8. Il terziario 13
9. Il governo 14
________________________________________________________________
1
1

Esempio



  


  1. Ross

    la crisi del 29' la teoria kenesiana ONU

  2. veronica

    tesina sulla rivoluzione

  3. veronica

    sto cercando una tesina sul tema della rivoluzione

  4. sandra

    sto cercando una tesina su tema l'economia italia

  5. Lucia

    Cerco tesina itc 5 mercurio


Come usare