Paxos e il suo turismo

Materie:Tesina
Categoria:Generale
Download:310
Data:09.11.2005
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
paxos-suo-turismo_1.zip (Dimensione: 233.26 Kb)
trucheck.it_paxos-e-il-suo-turismo.doc     259 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Paxos si trova a 8 miglia marine a sud di Corfù (27 dalla città) e occupa un territorio di 20 km quadrati. L’isola è un grande oliveto che arriva fino al mare conferendole un carattere tutto particolare. Oggi, in quattro comunità e 30 centri abitati vivono, 2.400 persone, che si occupano della produzione di olio, di turismo e di pesca. Le 64 chiese testimoniano lo stretto legame con la fede cristiana e i mulini, ormai abbandonati, il tipo di vita agricolo. Antipaxos dista 2 miglia marine dalla punta meridionale di Paxos e si estende per non più di 3 km. quadrati. Principalmente si occupano di viticoltura. La naturale bellezza di Paxos - specialmente quella delle sue spiagge - ha suscitato un grande flusso turistico; oggi dispone di circa 2.000 stanze in affitto, due scuole di pesca subacquea e durante il periodo estivo vi si tengono molte manifestazioni, tra cui la presentazione di danze greche a cura del Liceo delle Greche nel giorno dedicato al turismo, organizzata dall’E.O.T. (Organismo Greco per il Turismo) e il Festival di musica classica, i primi quindici giorni di settembre.
Paxos, dice la tradizione, era un tempo unita a Corfù. Le numerose tempeste provocate da Poseidone ed Eolo causarono il ritiro della terra e da allora Paxos si allontana continuamente verso sud.
Secondo un’altra tradizione più romantica, Poseidone, gettando il suo tridente, divise Paxos da Corfù, per creare un angolo tranquillo in cui poter godere il suo amore per Amfitriti. Da allora emblema di Paxos fu il tridente.
Primi riferimenti all’isola risalgono a Erodoto, a Polivio e a Plutarco. Nel 229 a.C., nelle acque antistanti, si tenne una battaglia navale tra i Corfioti e gli Illiri, che portò alla dominazione romana. Nel 960 a.C. il vescovo Liutprandos visitò l’isola e qui scrisse il suo terzo libro di storia.
Fino al 1380 d.C. (periodo angioino) Paxos seguì il destino di Corfù. Fu ceduto al barone Adam San Ippolito e quando, sei anni dopo, i Veneziani occuparono Corfù, il barone mantenne la proprietà sotto forma di feudo. Nel 1423 venne eretta la fortezza sull’isoletta di Aghio Nikolao a Gaio per difendere la zona dai Turchi e dai pirati. Dopo la morte di San Ippolito, la sorella Lucentia, sua erede, sposò il siciliano Riccardo Altavilla, cedendogli la proprietà dell’isola. Dal 1484 e per un periodo di 30 anni, Paxos passό sotto la giurisdizione della Repubblica di Venezia e della famiglia Avrami. Le pesanti tasse imposte dai signori e le aggressioni dei pirati, che saccheggiavano l’isola e ne assoggettavano gli abitanti, portarono la popolazione ai limiti della miseria. Il periodo veneziano fu caratterizzato anche dalla coltivazione obbligatoria dell’olivo e dall’organizzazione del commercio di transito grazie allo sviluppo del traffico marittimo. Fecero seguito i Francesi Repubblicani, con l’Alleanza Russo-turca, con la nazione delle Isole Ionie e ancora con i Francesi, questa volta Imperiali. Nel 1810 la flotta inglese si affacciò sullo Ionio, occupando la Leucade e minacciando le altre isole dominate dai Francesi. Paxos ne fu scossa. La carenza di cereali che portò alla fame e pesantemente oppressi dai governanti dispotici, gli abitanti di Paxos, comandati dal pirata capitan Kefalas, si ribellarono. Issarono la bandiera inglese, scannarono gli aristocratici francofili, saccheggiando e incendiandone le case. I Francesi cercarono di sopprimere la rivolta e giudicarono in corte marziale tutti i rivoltosi. Sette di essi vennero giustiziati a Corfù nel 1811 e le loro proprietà furono confiscate.
Tre anni più tardi gli Inglesi, sotto il comando del maggiore Theodoro Kolokotroni, sbarcarono sull’isola e la occuparono. Negli anni del loro governo furono costruiti acquedotti, strade, porti e scuole. Dal 1864, quando le Isole Ionie vennero unite al resto della Grecia, Paxos seguì il comune cammino verso la ricostruzione
Paxos è una destinazione veramente speciale , una piccola isola inesplorata del Mar Ionio amata dai propri visitatori.Questa piccola gemma solo 7 miglia di lunghezza e 3 di larghezza cattura chiunque la visiti per il suo mare cristallino e per la sua splendida vegetazione
Ci sono 3 villaggi sull’isola. Gaios, il più grande, è la capitale dell’isola. Qui piccole case adornate con cascate di fiori creano un atmosfera di pace e tranuillità con locali ristoranti e negozi. La piazza del villaggio è situata sul mare ed è qui dove i visitatori si intrattengono bevendo un drink e ascoltando musica.

Lakka, il paese più a nord dell’isola , caratterizzato da strette stradine pittoreschi giardini e da tipici bar, taverne e ristoranti. Possibilità di effettuare immersioni e noleggiare barche motorini etc.

Loggos, il più piccolo dei tre villaggi di pescatori dell’isola è al centro tra Gaios e Lakka. Trenta tradizionali case in pietra circondano il paese.Piccole taverne e ristoranti servono ottimi cibi locali.

Paxos è il paradiso degli escursionisti, l’intera isola è coperta da alberi di olivo e da fiori coloratissimi. Moltissimi sono i paesini non visitati dai turisti come le antiche splendide chiese del 12th secolo.
La costa ovest di Paxos è caratterizzato da innumerevoli grotte e durante i mesi estivi barche di locali vi condurranno in un indimenticabile tour attraverso alcune di queste grotte.
La piccola, virtualmente inabitata isola di Anti Paxos è a sud di Mogonissi. Qui troverete piacevoli bianche spiagge sabbiose e traslucenti acque turchesi paragonabili ai Caraibi. Anti Paxos ha due taverne (chiusi in inverno) ed è raggiunta da frequenti acquataxi da Gaios o attraverso la nostra piccola barca a noleggio. Una visita qui è un dovere e piacerà anche al più esigente estimatore di spiagge. Noi abbiamo sull'isola un semplice, tradizionale cottage di pietra con due posti letto.
Questo posto ci riporterà indietro nel tempo e a causa del suo isolamento è raccomandata solo a quelli che realmente vogliono "fermare il mondo" e meditare un istante. Noleggiare barche è indispensabile se vorrai spostarti verso e da Gaios.

Paxos si trova a 8 miglia marine a sud di Corfù (27 dalla città) e occupa un territorio di 20 km quadrati. L’isola è un grande oliveto che arriva fino al mare conferendole un carattere tutto particolare. Oggi, in quattro comunità e 30 centri abitati vivono, 2.400 persone, che si occupano della produzione di olio, di turismo e di pesca. Le 64 chiese testimoniano lo stretto legame con la fede cristiana e i mulini, ormai abbandonati, il tipo di vita agricolo. Antipaxos dista 2 miglia marine dalla punta meridionale di Paxos e si estende per non più di 3 km. quadrati. Principalmente si occupano di viticoltura. La naturale bellezza di Paxos - specialmente quella delle sue spiagge - ha suscitato un grande flusso turistico; oggi dispone di circa 2.000 stanze in affitto, due scuole di pesca subacquea e durante il periodo estivo vi si tengono molte manifestazioni, tra cui la presentazione di danze greche a cura del Liceo delle Greche nel giorno dedicato al turismo, organizzata dall’E.O.T. (Organismo Greco per il Turismo) e il Festival di musica classica, i primi quindici giorni di settembre.
Paxos, dice la tradizione, era un tempo unita a Corfù. Le numerose tempeste provocate da Poseidone ed Eolo causarono il ritiro della terra e da allora Paxos si allontana continuamente verso sud.
Secondo un’altra tradizione più romantica, Poseidone, gettando il suo tridente, divise Paxos da Corfù, per creare un angolo tranquillo in cui poter godere il suo amore per Amfitriti. Da allora emblema di Paxos fu il tridente.
Primi riferimenti all’isola risalgono a Erodoto, a Polivio e a Plutarco. Nel 229 a.C., nelle acque antistanti, si tenne una battaglia navale tra i Corfioti e gli Illiri, che portò alla dominazione romana. Nel 960 a.C. il vescovo Liutprandos visitò l’isola e qui scrisse il suo terzo libro di storia.
Fino al 1380 d.C. (periodo angioino) Paxos seguì il destino di Corfù. Fu ceduto al barone Adam San Ippolito e quando, sei anni dopo, i Veneziani occuparono Corfù, il barone mantenne la proprietà sotto forma di feudo. Nel 1423 venne eretta la fortezza sull’isoletta di Aghio Nikolao a Gaio per difendere la zona dai Turchi e dai pirati. Dopo la morte di San Ippolito, la sorella Lucentia, sua erede, sposò il siciliano Riccardo Altavilla, cedendogli la proprietà dell’isola. Dal 1484 e per un periodo di 30 anni, Paxos passό sotto la giurisdizione della Repubblica di Venezia e della famiglia Avrami. Le pesanti tasse imposte dai signori e le aggressioni dei pirati, che saccheggiavano l’isola e ne assoggettavano gli abitanti, portarono la popolazione ai limiti della miseria. Il periodo veneziano fu caratterizzato anche dalla coltivazione obbligatoria dell’olivo e dall’organizzazione del commercio di transito grazie allo sviluppo del traffico marittimo. Fecero seguito i Francesi Repubblicani, con l’Alleanza Russo-turca, con la nazione delle Isole Ionie e ancora con i Francesi, questa volta Imperiali. Nel 1810 la flotta inglese si affacciò sullo Ionio, occupando la Leucade e minacciando le altre isole dominate dai Francesi. Paxos ne fu scossa. La carenza di cereali che portò alla fame e pesantemente oppressi dai governanti dispotici, gli abitanti di Paxos, comandati dal pirata capitan Kefalas, si ribellarono. Issarono la bandiera inglese, scannarono gli aristocratici francofili, saccheggiando e incendiandone le case. I Francesi cercarono di sopprimere la rivolta e giudicarono in corte marziale tutti i rivoltosi. Sette di essi vennero giustiziati a Corfù nel 1811 e le loro proprietà furono confiscate.
Tre anni più tardi gli Inglesi, sotto il comando del maggiore Theodoro Kolokotroni, sbarcarono sull’isola e la occuparono. Negli anni del loro governo furono costruiti acquedotti, strade, porti e scuole. Dal 1864, quando le Isole Ionie vennero unite al resto della Grecia, Paxos seguì il comune cammino verso la ricostruzione
Paxos è una destinazione veramente speciale , una piccola isola inesplorata del Mar Ionio amata dai propri visitatori.Questa piccola gemma solo 7 miglia di lunghezza e 3 di larghezza cattura chiunque la visiti per il suo mare cristallino e per la sua splendida vegetazione
Ci sono 3 villaggi sull’isola. Gaios, il più grande, è la capitale dell’isola. Qui piccole case adornate con cascate di fiori creano un atmosfera di pace e tranuillità con locali ristoranti e negozi. La piazza del villaggio è situata sul mare ed è qui dove i visitatori si intrattengono bevendo un drink e ascoltando musica.

Lakka, il paese più a nord dell’isola , caratterizzato da strette stradine pittoreschi giardini e da tipici bar, taverne e ristoranti. Possibilità di effettuare immersioni e noleggiare barche motorini etc.

Loggos, il più piccolo dei tre villaggi di pescatori dell’isola è al centro tra Gaios e Lakka. Trenta tradizionali case in pietra circondano il paese.Piccole taverne e ristoranti servono ottimi cibi locali.

Paxos è il paradiso degli escursionisti, l’intera isola è coperta da alberi di olivo e da fiori coloratissimi. Moltissimi sono i paesini non visitati dai turisti come le antiche splendide chiese del 12th secolo.
La costa ovest di Paxos è caratterizzato da innumerevoli grotte e durante i mesi estivi barche di locali vi condurranno in un indimenticabile tour attraverso alcune di queste grotte.
La piccola, virtualmente inabitata isola di Anti Paxos è a sud di Mogonissi. Qui troverete piacevoli bianche spiagge sabbiose e traslucenti acque turchesi paragonabili ai Caraibi. Anti Paxos ha due taverne (chiusi in inverno) ed è raggiunta da frequenti acquataxi da Gaios o attraverso la nostra piccola barca a noleggio. Una visita qui è un dovere e piacerà anche al più esigente estimatore di spiagge. Noi abbiamo sull'isola un semplice, tradizionale cottage di pietra con due posti letto.
Questo posto ci riporterà indietro nel tempo e a causa del suo isolamento è raccomandata solo a quelli che realmente vogliono "fermare il mondo" e meditare un istante. Noleggiare barche è indispensabile se vorrai spostarti verso e da Gaios.

Esempio



  



Come usare