Madame Bovary

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale
Download:1111
Data:16.10.2000
Numero di pagine:8
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
madame-bovary_2.zip (Dimensione: 5.53 Kb)
trucheck.it_madame-bovary.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

SCHEDA BIBLIOGRAFICA: MADAME BOVARY
Autore:Gustave Flaubert
Anno, città e casa ed.prima ed.:apparve per la prima volta a puntate sul Revue de Paris tra il 1 ottobre e il 15 dicembre del 1850
Ed. e data ed. considerata: superbur classici 1999
Genere dell’opera: romanzo rielaborato dall’autore a partire da un fatto realmente accaduto in modo da creare una sorta di indagine psicologica della protagonista.
Riassunto: la vicenda intreccia i destini di Carlo e Emma.
Carlo Bovary,, dopo aver conseguito il diploma di maturità in medicina ed essere così diventato ufficiale sanitario, sposa Eloisa Dubuc una ricca vedova quarantacinquenne e con lei si trasferisce a Tostes un piccolo paese normanno.
Durante la sua permanenza a Tostes curando la frattura ad una gamba del coltivatore Rouault e visitandola fattoria fin troppo assiduamente, conosce e si invaghisce di Emma , figlia del contadino. Dopo la morte dell’anziana moglie Carlo, chiede la mano ottenendola di Emma. Ella è una ragazza raffinata, elegante e romantica che ben presto si annoia della vita insulta e tutt’altro che emozionante condotta dal marito; Emma infatti avrebbe piuttosto desiderato un’ esistenza nella quale “il cuore potesse dilatarsi e i sensi espandersi” , sogna continuamente forti emozioni come quelle provate durante il ballo organizzato dal marchese di Andervilliers a Vaubyessard . Carlo allora decide di trasferirsi a Jnvillel’Abbaye per cercare di sottrarre la moglie dalla noia che sembra pervaderla ma inutilmente, infatti solo per poco la nascita della figlia Berta e il flirt con Leone un, apprendista notaio appena ventenne, riescono a toglierla dalla noia di vivere che sembra invece pervaderla. Ma la situazione si aggrava allorché Leone parte per Parigi, a questo punto ha gioco facile un seduttore locale, il signor Rodolfo Boulanger focoso e nobile proprietario terriero trentaquattrenne. La relazione ha però un triste epilogo:
Emma è possessiva e romantica, gelosa e sensibile , mentre Rodolfo ama troppo la sua libertà e le donne. L’amante quindi scappa a Parigi, Emma sconvolta profondamente si ammala in modo molto grave. Solo dopo parecchi mesi ella sembra riprendersi un poco grazie alle incessanti premure del marito; tutto ciò però non serve per risollevare l’umore di Emma fino a quando all’Opera di Rouen dove Emma si era recata col marito, incontra nuovamente Leone : tra loro sfocia un amore molto più forte e passionale rispetto a quello più platonico di parecchi anni prima. Ma tutto il sentimento e la devozione con cui Leone ama Emma all’inizio della loro relazione clandestina muore stroncato dalla possessività con cui Emma esaspera l’amante, egli allora la lascia ed ella cade in una profonda disperazione. Comincia a contrarre una serie di debiti sempre più ingenti e sempre più numerosi con alcuni usurai che la minacciano continuamente, gli uomini e la vita la disgustano finchè al limite si avvelena con dell’arsenico sottratto al farmacista.
Ella pone fine così alla sua vita e alle sue sofferenza amorose.
Carlo immerso dai debiti e abbandonato da tutti, scopre i tradimenti della moglie ma non si sente di colpevolizzarla, si abbandona allora al dolore lasciandosi morire.
Tematiche:
1-BOVARISMO: atteggiamento dello spirito, uno stato d’animo che consiste nella tendenza, generalmente femminile, a giudicare mediocre la realtà nella quale si vive, per immaginarne (sognarne ?) una diversa più ricca di emozioni e passioni.
2-MEDIOCRITA’ DELL’ESISTENZA BORGHESE
Personaggi principali:
EMMA protagonista-antieroina, incapace di rivestire il ruolo di moglie , madre e amante; è colei che pur non avendone i mezzi fisici e psicologici, ritiene di meritare di più dalla vita di quanto abbia, è il desiderio degli spiriti mediocri verso l’alto con aspirazioni che esulano dalle realtà effettiva nella quale si vive e lontano dalle persone con le quali si viene a contatto , ella rappresenta la noia della quotidianità e la nostalgia dell’impossibile.E’ vittima delle sue ambizioni ma anche dalle persone grette e indifferenti che la circondano.
E’ un personaggio quasi comico mentre si trova a rappresentare il ruolo inadeguato in una tragedia , vorrebbe una vita diversa: più nobile, elitaria, ella desidera un qualcosa di diverso, unico e di migliore senza essere neppure in grado di concepire questo altro, ella ripiega solo sull’adulterio come mezzo per coronare il suo sogno e migliorare la sua vita concependolo come unico mezzo per realizzare il miglioramento, vede amore dove c’è solo un gioco squallido e momentaneo, vive nel lusso indebitandosi, si sente una vittima della vita e della sorte senza far niente di attivo e fruttuoso per migliorarne ciò che non le piace.
CARLO: antieroe, uomo mediocre e meschino per natura , ottuso e appagato della sua vita senza pretese , marito di Emma e ufficiale sanitario, inchiodato in ruolo immutabile, anche dopo aver scoperto il suo ruolo di merito gabbato accetterà passivamente perdonando completamente la moglie e scusando la tragedia come una fatalità.
FARMACISTA HOMAIS: antieroe, antagonista, tronfio tanto da supporre sempre l’interiorità di una persona o l’accadere dei fatti
RODOLFO:antagonista, amante di Emma , fatuo , incostante e spesso narcisista.
LEONE:antagonista, amante di Emma, giovane , inesperto, apprendista notaio
CURATO BOURNISIEN: uomo gretto e dozzinale.
Tempo: La vicenda è ambientata nel 1800, la durata reale dei fatti narrati occupa circa 15-20 anni.
Spazio: i fatti e le vicende sono collocati in Francia, nella Normandia,a Tostes , Rouen, a Jonville l’Abbazia. la funzione dello spazio è neutra.
Struttura narrativa:
1-ORGANIZZAZIONE DELLA TRAMA:
ESORDIO: presentazione di Carlo e Emma con flashback delle rispettive vite precedenti al matrimonio ; matrimonio .
SPANNUNG: la tensione aumenta durante i tradimenti di Emma per culminare con il suicidio.
SCIGLIMENTO:morte di Emma e poi di Carlo.
NARRATORE: esterno
PUNTO DI VISTA: zero
SCARTO FABULA-INTRECCIO: durata narrativa resa minore rispetto a quella reale grazie all’uso di espedienti come sommari, riassunti, ellissi, omissione di fatti.
Stilemi: il lessico è semplice, famigliare con inflessioni prese dal un sottocodice medico e giuridico, il registro usato è spesso informale e quotidiano ; il ritmo narrativo è abbastanza veloce.

SCHEDA BIBLIOGRAFICA: MADAME BOVARY
Autore:Gustave Flaubert
Anno, città e casa ed.prima ed.:apparve per la prima volta a puntate sul Revue de Paris tra il 1 ottobre e il 15 dicembre del 1850
Ed. e data ed. considerata: superbur classici 1999
Genere dell’opera: romanzo rielaborato dall’autore a partire da un fatto realmente accaduto in modo da creare una sorta di indagine psicologica della protagonista.
Riassunto: la vicenda intreccia i destini di Carlo e Emma.
Carlo Bovary,, dopo aver conseguito il diploma di maturità in medicina ed essere così diventato ufficiale sanitario, sposa Eloisa Dubuc una ricca vedova quarantacinquenne e con lei si trasferisce a Tostes un piccolo paese normanno.
Durante la sua permanenza a Tostes curando la frattura ad una gamba del coltivatore Rouault e visitandola fattoria fin troppo assiduamente, conosce e si invaghisce di Emma , figlia del contadino. Dopo la morte dell’anziana moglie Carlo, chiede la mano ottenendola di Emma. Ella è una ragazza raffinata, elegante e romantica che ben presto si annoia della vita insulta e tutt’altro che emozionante condotta dal marito; Emma infatti avrebbe piuttosto desiderato un’ esistenza nella quale “il cuore potesse dilatarsi e i sensi espandersi” , sogna continuamente forti emozioni come quelle provate durante il ballo organizzato dal marchese di Andervilliers a Vaubyessard . Carlo allora decide di trasferirsi a Jnvillel’Abbaye per cercare di sottrarre la moglie dalla noia che sembra pervaderla ma inutilmente, infatti solo per poco la nascita della figlia Berta e il flirt con Leone un, apprendista notaio appena ventenne, riescono a toglierla dalla noia di vivere che sembra invece pervaderla. Ma la situazione si aggrava allorché Leone parte per Parigi, a questo punto ha gioco facile un seduttore locale, il signor Rodolfo Boulanger focoso e nobile proprietario terriero trentaquattrenne. La relazione ha però un triste epilogo:
Emma è possessiva e romantica, gelosa e sensibile , mentre Rodolfo ama troppo la sua libertà e le donne. L’amante quindi scappa a Parigi, Emma sconvolta profondamente si ammala in modo molto grave. Solo dopo parecchi mesi ella sembra riprendersi un poco grazie alle incessanti premure del marito; tutto ciò però non serve per risollevare l’umore di Emma fino a quando all’Opera di Rouen dove Emma si era recata col marito, incontra nuovamente Leone : tra loro sfocia un amore molto più forte e passionale rispetto a quello più platonico di parecchi anni prima. Ma tutto il sentimento e la devozione con cui Leone ama Emma all’inizio della loro relazione clandestina muore stroncato dalla possessività con cui Emma esaspera l’amante, egli allora la lascia ed ella cade in una profonda disperazione. Comincia a contrarre una serie di debiti sempre più ingenti e sempre più numerosi con alcuni usurai che la minacciano continuamente, gli uomini e la vita la disgustano finchè al limite si avvelena con dell’arsenico sottratto al farmacista.
Ella pone fine così alla sua vita e alle sue sofferenza amorose.
Carlo immerso dai debiti e abbandonato da tutti, scopre i tradimenti della moglie ma non si sente di colpevolizzarla, si abbandona allora al dolore lasciandosi morire.
Tematiche:
1-BOVARISMO: atteggiamento dello spirito, uno stato d’animo che consiste nella tendenza, generalmente femminile, a giudicare mediocre la realtà nella quale si vive, per immaginarne (sognarne ?) una diversa più ricca di emozioni e passioni.
2-MEDIOCRITA’ DELL’ESISTENZA BORGHESE
Personaggi principali:
EMMA protagonista-antieroina, incapace di rivestire il ruolo di moglie , madre e amante; è colei che pur non avendone i mezzi fisici e psicologici, ritiene di meritare di più dalla vita di quanto abbia, è il desiderio degli spiriti mediocri verso l’alto con aspirazioni che esulano dalle realtà effettiva nella quale si vive e lontano dalle persone con le quali si viene a contatto , ella rappresenta la noia della quotidianità e la nostalgia dell’impossibile.E’ vittima delle sue ambizioni ma anche dalle persone grette e indifferenti che la circondano.
E’ un personaggio quasi comico mentre si trova a rappresentare il ruolo inadeguato in una tragedia , vorrebbe una vita diversa: più nobile, elitaria, ella desidera un qualcosa di diverso, unico e di migliore senza essere neppure in grado di concepire questo altro, ella ripiega solo sull’adulterio come mezzo per coronare il suo sogno e migliorare la sua vita concependolo come unico mezzo per realizzare il miglioramento, vede amore dove c’è solo un gioco squallido e momentaneo, vive nel lusso indebitandosi, si sente una vittima della vita e della sorte senza far niente di attivo e fruttuoso per migliorarne ciò che non le piace.
CARLO: antieroe, uomo mediocre e meschino per natura , ottuso e appagato della sua vita senza pretese , marito di Emma e ufficiale sanitario, inchiodato in ruolo immutabile, anche dopo aver scoperto il suo ruolo di merito gabbato accetterà passivamente perdonando completamente la moglie e scusando la tragedia come una fatalità.
FARMACISTA HOMAIS: antieroe, antagonista, tronfio tanto da supporre sempre l’interiorità di una persona o l’accadere dei fatti
RODOLFO:antagonista, amante di Emma , fatuo , incostante e spesso narcisista.
LEONE:antagonista, amante di Emma, giovane , inesperto, apprendista notaio
CURATO BOURNISIEN: uomo gretto e dozzinale.
Tempo: La vicenda è ambientata nel 1800, la durata reale dei fatti narrati occupa circa 15-20 anni.
Spazio: i fatti e le vicende sono collocati in Francia, nella Normandia,a Tostes , Rouen, a Jonville l’Abbazia. la funzione dello spazio è neutra.
Struttura narrativa:
1-ORGANIZZAZIONE DELLA TRAMA:
ESORDIO: presentazione di Carlo e Emma con flashback delle rispettive vite precedenti al matrimonio ; matrimonio .
SPANNUNG: la tensione aumenta durante i tradimenti di Emma per culminare con il suicidio.
SCIGLIMENTO:morte di Emma e poi di Carlo.
NARRATORE: esterno
PUNTO DI VISTA: zero
SCARTO FABULA-INTRECCIO: durata narrativa resa minore rispetto a quella reale grazie all’uso di espedienti come sommari, riassunti, ellissi, omissione di fatti.
Stilemi: il lessico è semplice, famigliare con inflessioni prese dal un sottocodice medico e giuridico, il registro usato è spesso informale e quotidiano ; il ritmo narrativo è abbastanza veloce.

Esempio



  



Come usare