Apollinaire

Materie:Appunti
Categoria:Francese
Download:1546
Data:08.06.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apollinaire_4.zip (Dimensione: 3.2 Kb)
trucheck.it_apollinaire.doc     20.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Apollinaire:
l’influenza dell’arte sulla letteratura del 20° secolo (‘900) è grande, si parla soprattutto dell’influenza d surrealismo, futurismo e cubismo, che Apollinaire dimostra di appezzare grandemente. Grande amico di Matisse, difende i cubisti nello studio “les peintres cubistes, meditations esthétiques” e più tardi farà lo stesso con Martinetti ed i futuristi in “antitradition futuriste”. Amante dell’arte, cerca di trasferire nelle sue poesie questo spirito artistico attraverso una serie di innovazioni tecniche e stilistiche, quali l’eliminazione della punteggiatura e la caratteristica di “immagine” delle sue poesie. Le opere più famose di Apollinaire sono “Alcools” e “Calligrammes”
“Alcools” : prima raccolta in versi (1913) in cui troviamo poesie scritte da Apollinaire fra il 1898 ed il 1913 (delle quali la maggior parte erano già state pubblicate nelle varie riviste. Le poesie presenti in questa raccolta sono di epoche differenti e diverse fra loro per l’ispirazione elegiaca o modernista, per l’espressione poetica ricca tanto di commovente e dolorosa sensibilità, quanto di audacità e di innovazioni. Nel “Le pont mirabeau” il poeta decanta la fugacità del tempo attraverso l’immagine dell’acqua della Senna che fluisce via e paragonandola all’amore che prova per MARIE LAURENCINE che abita sull’altro lato della Senna. Nella “chanson du Mal-Aimé il tema è quello dell’amore non corrisposto per Annie Playden, che lui cerca inutilmente a Londra come un re umiliato. “Zone” apre la raccolta di poesie illustrando le innovazioni poetiche proposte da Apollinaire ed il suo rifiuto del mondo antico in luogo di un rivolgersi all’agitazione del mondo moderno.
“Calligrammes”: questa raccolta, pubblicata nel 1918, è ancora più audace della precedente ed è sottotitolata “Poèmes de la paix et de la guerre”. Apollinaire, volendo rifarsi alla pittura, fa delle sue poesie degli ideogrammi, e grazie alla presentazione tipografica del testo disegna l’oggetto della poesia. Dice: “Gli artifici tipografici hanno il vantaggio di donare un lirismo visuale finora sconosciuto, sintesi di arte musica pittura e letteratura”. All’interno di quest’opera troviamo anche dei “poémes-conversations”, di fattura più classica, ispirati dall’orrore per la guerra.
Apollinaire:
l’influenza dell’arte sulla letteratura del 20° secolo (‘900) è grande, si parla soprattutto dell’influenza d surrealismo, futurismo e cubismo, che Apollinaire dimostra di appezzare grandemente. Grande amico di Matisse, difende i cubisti nello studio “les peintres cubistes, meditations esthétiques” e più tardi farà lo stesso con Martinetti ed i futuristi in “antitradition futuriste”. Amante dell’arte, cerca di trasferire nelle sue poesie questo spirito artistico attraverso una serie di innovazioni tecniche e stilistiche, quali l’eliminazione della punteggiatura e la caratteristica di “immagine” delle sue poesie. Le opere più famose di Apollinaire sono “Alcools” e “Calligrammes”
“Alcools” : prima raccolta in versi (1913) in cui troviamo poesie scritte da Apollinaire fra il 1898 ed il 1913 (delle quali la maggior parte erano già state pubblicate nelle varie riviste. Le poesie presenti in questa raccolta sono di epoche differenti e diverse fra loro per l’ispirazione elegiaca o modernista, per l’espressione poetica ricca tanto di commovente e dolorosa sensibilità, quanto di audacità e di innovazioni. Nel “Le pont mirabeau” il poeta decanta la fugacità del tempo attraverso l’immagine dell’acqua della Senna che fluisce via e paragonandola all’amore che prova per MARIE LAURENCINE che abita sull’altro lato della Senna. Nella “chanson du Mal-Aimé il tema è quello dell’amore non corrisposto per Annie Playden, che lui cerca inutilmente a Londra come un re umiliato. “Zone” apre la raccolta di poesie illustrando le innovazioni poetiche proposte da Apollinaire ed il suo rifiuto del mondo antico in luogo di un rivolgersi all’agitazione del mondo moderno.
“Calligrammes”: questa raccolta, pubblicata nel 1918, è ancora più audace della precedente ed è sottotitolata “Poèmes de la paix et de la guerre”. Apollinaire, volendo rifarsi alla pittura, fa delle sue poesie degli ideogrammi, e grazie alla presentazione tipografica del testo disegna l’oggetto della poesia. Dice: “Gli artifici tipografici hanno il vantaggio di donare un lirismo visuale finora sconosciuto, sintesi di arte musica pittura e letteratura”. All’interno di quest’opera troviamo anche dei “poémes-conversations”, di fattura più classica, ispirati dall’orrore per la guerra.

Esempio



  


  1. sara

    sto cercando un collegamente di francese con la mia tesina di maturità che si basa sull'illusione. devo sostenere l'esame di maturità in un liceo scientifico