Onde

Materie:Appunti
Categoria:Fisica
Download:84
Data:19.04.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
onde_5.zip (Dimensione: 65.28 Kb)
trucheck.it_onde.doc     101 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Altro comportamento interessante delle onde prende il nome di diffrazione: quando un’onda incontra nel suo cammino un ostacolo che ne assorbe una porzione, essa viene deformata e le traiettorie seguite non sono rettilinee.
Anche in questo fenomeno, è possibile evidenziare due comportamenti distinti:

il primo riguarda il caso in cui una porzione di un’onda parallela riesca a passare per una fenditura nell’ostacolo, la cui grandezza deve esser maggiore della lunghezza d’onda (), che si trova di fronte; l’onda che riesce a passare mantiene comunque il suo andamento parallelo, ma da come si può notare dal disegno avviene una deformazione verso gli estremi dell’onda.

Il secondo, invece, riguarda il caso in cui una porzione di un’onda parallela riesca a passare per una fenditura nell’ostacolo, la cui grandezza deve esser minore della lunghezza d’onda (), che si trova di fronte; l’onda che riesce a passare non manterrà il suo andamento parallelo come nel primo caso, bensì si presenta un’onda completamente diversa: l’onda da parallela diventa circolare.

Da quest’ultimo fenomeno è interessante affrontare il caso dell’interferenza:
prendendo in considerazione un punto () che si trova sullo stesso mezzo attraverso il quale si sta propagando l’onda, dopo la diffrazione rappresentata di fianco si creano delle onde circolari che prima o poi “investiranno” il punto in questione.
Si potrà parlare di interferenza costruttiva quando nel punto ci saranno contemporaneamente le creste delle due onde.

Si potrà parlare di interferenza massimamente distruttiva quando nel punto ci saranno contemporaneamente la cresta di un’onda e la gola dell’altra.

Questa interferenza comporterebbe ipoteticamente che il punto i questione rimanga fermo come durate il suo stato di quiete, ma ciò non è possibile perché, essendo , l’onda che arriva da è maggiormente dissipata e quindi più debole dell’altra.

In ambedue i casi, il luogo geometrico descritto dagli infiniti punti descrive delle iperboli aventi le due fessure come fuochi.

Altro comportamento interessante delle onde prende il nome di diffrazione: quando un’onda incontra nel suo cammino un ostacolo che ne assorbe una porzione, essa viene deformata e le traiettorie seguite non sono rettilinee.
Anche in questo fenomeno, è possibile evidenziare due comportamenti distinti:

il primo riguarda il caso in cui una porzione di un’onda parallela riesca a passare per una fenditura nell’ostacolo, la cui grandezza deve esser maggiore della lunghezza d’onda (), che si trova di fronte; l’onda che riesce a passare mantiene comunque il suo andamento parallelo, ma da come si può notare dal disegno avviene una deformazione verso gli estremi dell’onda.

Il secondo, invece, riguarda il caso in cui una porzione di un’onda parallela riesca a passare per una fenditura nell’ostacolo, la cui grandezza deve esser minore della lunghezza d’onda (), che si trova di fronte; l’onda che riesce a passare non manterrà il suo andamento parallelo come nel primo caso, bensì si presenta un’onda completamente diversa: l’onda da parallela diventa circolare.

Da quest’ultimo fenomeno è interessante affrontare il caso dell’interferenza:
prendendo in considerazione un punto () che si trova sullo stesso mezzo attraverso il quale si sta propagando l’onda, dopo la diffrazione rappresentata di fianco si creano delle onde circolari che prima o poi “investiranno” il punto in questione.
Si potrà parlare di interferenza costruttiva quando nel punto ci saranno contemporaneamente le creste delle due onde.

Si potrà parlare di interferenza massimamente distruttiva quando nel punto ci saranno contemporaneamente la cresta di un’onda e la gola dell’altra.

Questa interferenza comporterebbe ipoteticamente che il punto i questione rimanga fermo come durate il suo stato di quiete, ma ciò non è possibile perché, essendo , l’onda che arriva da è maggiormente dissipata e quindi più debole dell’altra.

In ambedue i casi, il luogo geometrico descritto dagli infiniti punti descrive delle iperboli aventi le due fessure come fuochi.

Esempio