La filosofia antica

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:146
Data:02.02.2001
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
filosofia-antica_1.zip (Dimensione: 7.41 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-filosofia-antica.doc     22.5 Kb



Testo

AGOSTINO
Inviato in Gran Bretagna da Papa Gregorio nel 596 con 40 monaci. nel 601 vescovo di Canterbury. Da Roma gli inviano i Codices plurimos.
BENEDETTO DA NORCIA
Detta la regola: principio fondamentale di vita и la stabilitas (comunitа attorno abate..). Glorificazione di Dio con: -osservanza della norma; -lettura testi sacri; -assimilazione con riflessione; -lavoro nei campi, scuola, scriptorium.
ADELMO DI MALMESBURY
Elenca le materie del suo corso di studio a Canterbury: diritto romano, metrica, prosodia, figure retoriche, aritmetica, astronomia.
DIONIGI AREOPAGITA
noto tra i patres scrive Gli atti degli apostoli e Corpus areopagiticum che и attribuito a lui ma scritto 6 sec. dopo. Primo fondatore della mistica occidentale. Da lui 2 lezioni: l'universo и una scala gerarchicamente organizzata. Dio vive oltre la gerarchia celeste e non vi и a capo ed и unitа, divinitа, bontа. Teologia negativa: dico tutto ciт che dio non и.
BOEZIO
Testimone piщ riconosciuto tra gli scriptores, consigliere di Re Teodorico. Scrive La consolazione della filosofia dove la filosofia и il riposo in Dio che sta alla fine del cammino comprendente trivium (grammatica, retorica, logica) e quadrivium (aritmetica, geometria, astronomia, musica). Traduce l'Oregon di Aristotele. Problema degli universali: nasce nell'Isagoge di Porfirio (ma fin da Socrate). Non vuole trattare di alta matafisica: a)se i generi e le specie esistano davvero o siano costruzioni intellettuali. b)posto che esistano se siano corporei o incorporei. c)posto che siano incorporei se siano nelle cose sensibili o separati. Sviluppa il tema dell'intelletto attivo: gli universali sussistono mescolati alle cose ma si conoscono con l'intelletto prescindendo dai corpi. Esiste l'occhio dell'intelligenza che vede direttamente le forme pure, idee nella divina semplicitа, negli individui.
ROSCELLINO
Nominalista. Universali sono flatus vocis. Non essendoci a disposizione concetti generali si conoscono solo gli individui concreti.
ABELARDO
Concettualista (discepolo di Roscellino). Universali esistenti nella mente o post rem significanti una molteplicitа di cose particolari.
GUGLIELMO DI CHAMPEAUX
Realista esagerato. Gli universali esistono sia come concetti in mente, sia come realtа a sи in re.
ISIDORO DI SIVIGLIA
Vuole mettere a disposizione di tutti la biblioteca episcopale. Crea un'enciclopedia di 20 libri le Origines I nomi derivano dalla natura stessa delle cose. Filosofia и analisi del linguaggio (etimologia).
ALCUINO DI YORK
Insegna alla scuola palatina, fondata nel 781 da Carlo Magno (789 scuole aperte a tutti).
SCOLASTICA vincolata all'autoritа e alla tradizione. 3 conseguenze: 1) risposta uomo: piano pratico=>obbedienza; piano teoretico=>fede. Filosofia=>ancilla theologiae. 2)la schola forma maestri che insegnino un sapere costituito una volta x tutte. 3)mantiene centralitа il tema del rapporto tra regione e fede.
SCOTO ERIUGENA
scrive La divisione della natura. MONDO:natura che и creata e non crea; DIO-causa prima:natura che non и creata e crea; LOGOS-sede degli archetipi delle cose:natura che и creata e crea; DIO-termine finale di tutto:natura che non и creata e non crea. Theophania=>creature alla fine si riconvertono in Dio. Filosofia=religione, strumento di diffusione e comprensione della veritа cristiana. Vita attiva: tradurre art. del credo in comportamenti.
S. PIER DAMIANI
Antidialettico. si serve della retorica x convincere. Contro la scienza scrive La santa semplicitа ispiratagli da Aripando che si lamentava x poca cultura. La vera sapienza si rivela a coloro che la cercano. Opera non basata su argomentazioni ma su autoritа, immagini disposte convenientemente.
ANSELMO D'AOSTA
Speculativo. L'intelligenza deve supporre la fede. Bisogna cercare di comprendere quanto si crede. Monologion raccolte prove esistenza Dio partendo da esperienze=>a posteriori: esistono diversi gradi bontа, grandezza, il + o - si basain rapporto con l'assoluto, deve quindi esistere un essere assoluto. Nel prologo del Proslogion scrive un opuscolo cercando una linea recta brevissima che dimostri con un unico argomento esistenza Dio. Risposta a Gaunilone: Dio и un caso unico x cui и lecito il passaggio dall'esistenza mentale a reale.
GAUNILONE
Pone 2 obiezioni ad Anselmo a favore dell'insapiente: 1)idea di Dio come ciт di cui nulla si puт pensare maggiore=>l'ins. puт dire Dio non esiste ma non puт pensarlo. Prima di sapere si puт dire ma non pensare xи siamo legati conoscenza sensibile. 2)paragone isola fortunata.
PIETRO ABELARDO
(amore allieva Eloisa..) Passione x Logica sembra provocazione..Dialettica. Ogni scienza и di per sи buona e all'uomo giusto non puт mancarne alcuna. Peccato non и nel sapere ma nel fare, dipende dall'intenzione; se fosse nel sapere Dio immune? Non c'и bene e male se non c'и libera volontа e consapevolezza. Intelligo un credam=>intelligenza formaz. consenso nella fede. Sic et non 1120 elenca passi Bibbia e Padri contrari o contraddittori=>bisogno di interpretare e giudicare. Sbagliato costringere uomo superficialitа, bisogno impegno attivo.
Bernardo di Chiaravalle critica Abelardo , 1121 viene chiamato al concilio di Soissons e 20 anni dopo Sens; Ab. si sottomette ma via al tomismo.
BONAVENTURA DA BAGNOREGIO
pensiero in 2 parti: agostinismo=> (cogitatio) riflesssione razionale primo passo attraverso meditazione per arrivare all'unione mistica con Dio (contemplatio).cristianesimo=>unica veritа e accolto tutto ciт incluso; Sapere completo e autonomo.
OCKHAM (francescano)
via dei moderni. ragione-fede incompatibili. scrive Commenti alle Sentenze e alla Fisica. Accusato eresia vа Avignone e conosce Michele da Cesena. Diventa Michelita=>richiamare chiesa povertа. Eretico, fugge a Monaco. Collega esplicitamente nominalismo ed empirismo. 3 tesi: 1)p. ontologico: autentica res solo ciт che и individuale. 2)p.gnoseol.:unica conoscenza x uomo sensi, esistenza universale impossibile, bersagli: u. ante rem(mente dio prima creazione), in re(forma+materia=sinolo), post rem(forma dal concreto-mente umana). Universali puri nomi =>termini. 3)p.logico:analizza linguaggio, filo deve studiare termini:sono di vari tipi ma accomunati dalla suppositio (sta al posto di qc), 3 tipi: Materiale=>materia fisica, segno grafico o fonico. Personale=>cosa concreta. Semplice=>nozione comune per categoria. Solo termini riferibili e individui hanno corrisp realtа extramat.
AVERROE'
Commentatore di Aristotele arabo spagnolo. scrive Distruzione della distruzione e Trattato decisivo sull'accordo tra religione e filosofia. Approfondisce relazione ragione-rivelazione. 2 livelli interpretaz. Corano: testi lecita interpretaz. allegorica se no miscredenza(es. Dio abita in cielo), testi non lecita.Gente comune obbligatorio aderire senso lett., x sapienti contrario. Doppia veritа per filosofo credente: x ragione intelletto uno, x fede opposto (intell.agente). Dottrina Arist.=somma veritа, Arist. limite umano x intelletto datoci da Dio.
AL-GAZALI
scrive Distruzione dei filosofi : filosofi presunzione della rgione, nega veritа relig. (resurrez,paradiso,inferno)
TOMMASO D'AQUINO (realista moderato, domenicano)
Domenicano. Fine ultimo uomo=Dio; uomo istruito su rivelazione divina. Ragione naturale subordinata fede. R. serve x 3 cose: 1)dimostra preamboli della fede 2)chiarisce similitudini veritа fede 3)controbatte obiezioni. R. ha veritа propria principi intrinseci infusi da Dio. veritа ragione mai contraddiz. fede.
L'ente e l'essenza ente: -logico(ciт che viene espresso tramite copula) -reale(presente realtа si divide 10 categ. Arist.)=>essenza: ciт che una cosa и, forma + materia. Esseri finiti: essenza-esistenza rapporto potenza-atto. ogni realtа che ha essere ma non и essere ricevuto essere da essere stesso, intervento creativo.(essere creato e contingente).
esseri finiti creati da Dio=> esistenza per partecipazione(infocato non и fuoco)=>ente x partecipazione. Essere riferiti creature simile ess. rif. Dio. Nи univoci nи equivoci ma analoghi=simili con proporzioni diverse: creat simili Dio, Dio non simile loro.
Essere perfezione massima, niente ha l'attualita se non in quanto и. Trascendentali qualificano essere in quanto tale: (res aliquid) unum: indiviso in sи e distinto da qualsiasi altro (mucchio sassi). verum: corrisponde all'intelletto divino che lo ha creato. bonum: corrisponde a volontа divina perfezione appetibile o desiderabile uomo. Primato metafisico dell'essere: veritа e bontа di un essere proporzionali al grado di essere.
5 vie: 1) parto conoscenza sensibile. Se qc si muove mosso da qc altro. senza risalire infinito. vi и Motore primo = Dio. 2)Cause efficienti. non infinito. causa prima = Dio. 3)cose possibili esistono in virtщ necessario, in sи o in altro=>qc necessario di x sи e causa necessitа=Dio 4) + o - bene, vero.. in proporzione con grado massimo = Dio. 5)Tutto funzionale ad un fine. Fine ultimo = Dio. Tappe cammino ragione umana-Dio: 1)considerazione di un aspetto dell'essere finito. 2)ricorso principio di casualitа, emerge insuffic. ontologica, non poter essere l'assoluto, necessitа causa eff. x spiegare esistenza. 3)esclusione possibilitа serie infinita cause inadeguate colmi insufficienza di partenza. 4)necessitа esista un totalmente altro x esseri.
Astrazione: processo attraverso cui sogg. conoscente riceve forme o specie delle cose, astraendole dai corpi alle quali sono unite.Astratte intelligibile da immagini singole(fantasma). Materia: comune(carne e ossa), signata(questa carne e queste ossa). Principium individuationis materia signata determina carattere proprio da ciascun individuo. Universale in re (forma delle cose), post rem (nell'intelletto), ante rem (nella mente divina come principio o modello). Intelletto agente: facoltа che estrae forme intelleggibili da materia individuale, coincide con anima stessa, ce ne sono tanti quante anime. Veritа: adeguazione della cosa e dell'intelletto. corrispondenza tra intelletto umano e cose, ogni ente si adegua a intelletto divino. Differenza intelletto divino e umano: I Divino un solo atto afferra essenza tot e compl cosa, I umano prima qualche elemento poi proprietа=>ragionamento. Legge eterna: ragione che governa tutto universo e esiste in mente divina. Legge di natura: negli uomini, riflesso o partecipazione l.divina. L. umana: inventata dagli uomini si dispone in modo + particolare della l. natura. Monarchia: garantisce meglio ordine e unitа stato, simile governo divino mondo. Governo spirituale dato al papa da Cristo, tutti re sottomessi papa.
Francescani: non si puт parlare di Dio, teologia volontaristica.
Domenicani: teologia razionale, parlano quindi di Dio.

Esempio