La concezione dello stato per Hobbes e Spinoza

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:261
Data:24.05.2005
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
concezione-stato-hobbes-spinoza_1.zip (Dimensione: 5 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-concezione-dello-stato-per-hobbes-e-spinoza.doc     30.5 Kb



Testo

Compresenza: Spinoza
TRACTATUS TEOLOGICUS - POLITICUS (1600)
• Stato ideale = stato di natura. Neppure Spinosa però garantisce la veridicità dello stato di natura.
• Molti termini Hobbesiani ricorrono in spinosa, ma arrivano a posizioni antitetiche.
• Egli arriva alla domanda “a che cosa serve lo stato?”
• La libertà di Hobbes riposa sul disimpegno dello stato, quella di spinosa invece riposa sulla piena realizzazione del cittadino
• CONTRATTO = concepito distinto in due veri e propri momenti separati:
• SOCIETATIS/UNIONIS = una moltitudo che accetta di formare una società
• SUBORDINATIONIS = dal patto sociale a società politica
Né in Hobbes né in Spinoza il 2° patto c’è ma per motivi diversi. In Spinosa infatti l’isitituzione del potere politico non porta a subordinazione, bensì ad uno stato democratico. Qualora si configurasse una società non democratica, tuttavia l’impianto sarebbe di tipo DEMOCRATICO NEI VALORI.
• Passaggio che NON comporta subordinazione.
• Esaltazione della potenza umana tutta positiva (homo homini deus)
• Molte opere sono state scrite da Spinosa in latino
• Il metodo geometrico e la lingua latina sono il debito di Spinoza verso la moda seicentesca. Questo è un segno di assoluta modernità e scientificità
• Spinoza tratta ogni tema che ha come finalità considerazioni di tipo filosofico

Spinoza & Hobbes
• PATTO SOCIALE =
• Hobbes: visione negativa. I patti non sono due perché questo limiterebbe il potere sovrano.
• Spinoza: visione positiva. Il pactum societatis è uno solo, ma democratico.
• AUTORITA’ =
• Spinoza: addizione dei diritti di tutti i cittadini. Ogni cittadino esrcità la suà autorità fin dove arriva la sua potenza.Concepisce il termine POTENZA in modo totalmente positivo. Lo stato deve riuscire a costruirsi dalla potenza di ogni singolo senza però alienare la potenza del singolo.
• Hobbes: autorità intesa come DIRITTO. Vi è anche nel Leviathan la somma del diritto di tutti i cittadini, ma insieme a questo vi è anche l’alienazione del potere del singolo, per un unico potere affidato al sovrano.
NB: l’impianto giusnaturalistico è lo stesso per entrambi, ma Spinoza valorizza positivamente il concetto di potenza.
• LIBERTA’:
• Spinoza: considerazione in termini positivi. La libertà è insita nell’uomo e pertanto deve essere valorizzata, sempre entro certi limiti.
• Hobbes: considerazione in termini negativi. La libertà del singolo può avvenire solo in foro interiore e risulta perciò concessa dal sovrano.
• PULSIONI:
• Spinoza: le pulsione devono essere tutelate dallo stato, ma lasciate libere.
• Hobbes: Le pulsioni devono essere soffocate dallo stato.

NB I termini LIBERTA’ & POTENZA sono quelli con lo scarto maggiore tra i due autori.

Esempio



  



Come usare