Francesco Bacone

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

1.5 (2)
Download:241
Data:25.07.2000
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
francesco-bacone_1.zip (Dimensione: 5.42 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_francesco-bacone.doc     32.5 Kb



Testo

FRANCIS BACON

I risultati che Bacone consegue con le sue opere sono : la critica della cultura tradizionale, e in particolare dell'aristotelismo fondata sulla convinzione che la verità non sia figlia dell'autorità degli antichi ma Filia temporis, cio’ conseguibile con la cooperazione degli studiosi di ciascuna generazione, l'affermazione che l'esperienza sia la fonte privilegiata di conoscenza e il riconoscimento della finalità pratica del sapere e l'individuazione nel successo operativo di un criterio di veridicità delle teorie.

Una nuova immagine della scienza
Nella Nuova Atlantide Bacone espone la sua idea della finalità pratica del sapere , volto a piegare la natura al servizio degli uomini, utilizzando i mezzi della letteratura utopistica. L'opera descrive infatti la vita degli abitanti di un isola, Bensalem dove è realizzato l'ideale della scienza al servizio dell'uomo . Le conoscenze acquisite grazie alla cooperazione all'interno della comunità scientifica nell'isola servono a soddisfare i bisogni pratici di Bensalem.

Conoscenza e operazione
Da tutta l'opera di Bacone si evince l'idea che la scienza sia strumento per piegare i fenomeni naturali al servizio dell'uomo. Quest'idea si pone in continuità con i motivi dell'ermetismo e della magia rinascimentale, Che per Bacone è una particolare attività tecnica . Conoscenza e operazione inoltre per Bacone sono coincidenti, infatti se non si conosce la forma di qualcosa, cio’ la legge secondo la quale essa si trova in natura non sarà possibile riprodurla artificialmente se non in modo casuale. E inoltre perchè le operazioni, cio’ le applicazioni pratiche e il successo operativo di una teoria ne determina la veridicità.

Una nuova concezione dell'enciclopedia dei saperi
Nella concezione Baconiana della conoscenza assume particolare rilievo l'idea della verità come filia temporis, ossia la verità come costruzione progressiva edificata attraverso l'esperienza di generazioni successive di studiosi. Egli pi fa una classificazione enciclopedica del sapere in base alle facoltà umane coinvolte in ogni tipo dio conoscenza : il sapere storico a cui fa capo la memoria, il saper poetico a cui fa capo la fantasia e il sapere filosofico e scientifico a cui fa capo la ragione . La metafora dell' arbor scientiae per Bacone assume un significato epistemologico, cio’ utile a spiegare la struttura della scienza stessa, per Bacone alla radice sta la filosofia naturale, comune a tutti i rami del sapere, la conoscenza si costruisce così in modo sperimentale e progressivo, al centro sta l'uomo e il suo rapporto pratico con la natura.

La dottrina degli idoli
L'affermarsi del nuovo sapere comporta però la rimozione delle idee e dei convincimenti erronei che traggono gli uomini in inganno. Per Bacone infatti la mente umana ci trasmette un immagine deformata della natura, di cui sono responsabili condizionamenti e pregiudizi radicati nella cultura e nelle abitudini degli uomini, nel “novum organum”, Bacone definisce questi pregiudizi come idola e li distingue in quattro classi: idola tribus, idola specus, idola fori e idola theatri.

Gli idola tribus: gli errori che si radicano nelle facoltà dell'uomo
Gli idola tribus si radicano nei sensi, nell'intelletto, nella volontà e nelle passioni. Fare troppo affidamento sui sensi comporta gravi errori in quanto spesso le cose che colpiscono i nostri sensi sono inutili per la conoscenza . L'intelletto subisce l'interferenza della volontà e delle passioni ed è condizionato dalle opinioni correnti. Inoltre la mente umana si accontenta di generalizzazioni arbitrarie e prova d ipotizzare più ordine di quanto in realtà ve ne sia, qui è da leggere una critica ai filosofi come Copernico che muovono da un'esigenza di ordine.

Gli idola specus: il condizionamento dell'educazione e dei costumi
Gli idola specus sono quelli che derivano ad ogni individuo dalla propria costituzione individuale, dall'educazione, dalle abitudini e dalle circostanze in cui gli è accaduto di nascere e vivere.


Gli idola fori e gli idola theatri: gli inganni del linguaggio e della filosofia
Gli idola fori sono quelli legati al linguaggio in quanto le parole danno spesso luogo a malintesi dovuti all'uso no rigoroso della lingua. Gli idola theatri sono quelli che derivano dagli scritti dei filosofi che spesso elaborano teorie immaginarie sulla natura non basandosi sull'osservazione e sugli esperimenti. Così gli aristotelici traggono dati dall'ordinaria esperienza sensibile mentre gli alchimisti derivano alcune teorie oscure da alcuni esperimenti mal costruiti.

La nozione di forma e il metodo induttivo
Per Bacone l'errore di Aristotele sta nell'affermare proposizioni generalissime dalla raccolta di pochi esempi particolari, trascurando di saggiare le conclusioni raggiunte con l'esame di eventuali casi negativi che ne rivelerebbero la fragilità. Per Bacone infatti una conclusione a cui si è pervenuti sulla base dell'enumerazione di casi affermativi senza la ricerca di eventuali contro evidenze non è una conclusione certa ma una semplice congettura. L'osservazione di alcuni casi affermativi no ci permette di negare l'esistenza di eventuali casi negativi.

L'ordine dei dati osservativi: le tavole baconiane
Per conoscere la forma di qualcosa è necessario che i dati osservati siano sottoposti all'intelletto . A questo scopo essi devono essere raggruppati in tre diverse “tavole” : la tabula presentiae dove verranno classificati tutti i casi in cui la cosa di cui si ricerca la forma è presente. Nella tabula absentiae si troveranno i casi in cui si osserva la mancanza della cosa di cui si ricerca la forma benché ci si aspetti che ci sia (al fine di evitare un elenco infinito). E infine la tabula graduum dove si registreranno i casi in cui la natura in questione è presente in gradi diversi.

Esempio



  



Come usare