EPICUREISMO

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia
Download:117
Data:19.01.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
epicureismo_9.zip (Dimensione: 3.66 Kb)
trucheck.it_epicureismo.doc     22.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

EPICUREISMO
Il nome di questa filosofia è dato dal suo fondatore: Epicuro(341-270 a.C.) Egli nasce a Samo, e perciò la sua conformazione filosofica è naturalista; successivamente va ad Atene dove fonda una scuola denominata il Giardino che si pone a livello dottrinale ed organizzativo contro l'Accademia ed il Liceo: era aperta a tutti ma era molto selettiva poiché metteva al primo posto il culto dell'amicizia disinteressata. Per quanto riguarda la filosofia, Epicuro s'ispira molto all'atomismo di Democrito; tra i due però c'è un'importante differenza: mentre per Democrito il movimento degli atomi è un movimento vorticoso, per Epicuro gli atomi cadono nel vuoto ma, poiché ci sia interazione tra loro, è necessaria le presenza del Clinamen, costituito dall'aggregazione casuale degli atomi che serve a fondare la libertà dell'uomo; a differenza di Democrito dove tutto era determinato, Epicureo mette in gioco un principio di indeterminazione dove trova spazio la casualità; questo concetto non è reperibile nelle lettere di Epicuro ma è stato trovato nel "De rerum Natura" di Lucrezio, un' opera filosofica in forma poetica di enorme livello letterario. Per Epicuro il dolore, la sofferenza, il turbamento dell’anima, sono elementi che impediscono il sereno svolgimento della vita; perciò concepisce la filosofia come una terapia a questi mali, liberandosi dai quali si arriva ad uno stato di piacere che indica la guarigione dell’uomo. Quindi il piacere nasce dalla cessazione del dolore. Il dolore si presenta sotto forma psichica con le paure, e sotto forma fisica con i bisogni naturali. Secondo epicuro l'etica consiste in un tetrafarmaco, cioè quattro medicine che servono a combattere i quattro mali principali:
1. Paura della morte: è indolore in quanto segna la fine delle esperienze e sensazioni che costituiscono la vita e quindi non la viviamo
2. Paura degli Dei: esistono ma sono incapaci di interagire nelle vicende umane e quindi non bisogna temerli
3. Sofferenze: possono essere psichiche e fisiche; le prime sono causate dai dolori dell'animo provocati dal rimpianto del passato o dalla paura del futuro: Epicuro sostiene che bisogna vivere il presente; le seconde sono causate dal dolore che deve essere isolato, e dai bisogni naturali che devono essere ridotti al minimo: serenità, cibo, riparo, amici
4. Desideri insoddisfatti: i desideri che oltrepassano i bisogni primari sono fonti di dolore poiché non possono essere appagati.
Inoltre Epicuro sostiene che il modo migliore per vivere bene è quello di stare nascosti, rinunciando a ogni relazione non strettamente necessaria; per acquisire un sapere sulla natura è necessario basarsi sulle prime impressioni, quelle spontanee che stanno al di fuori di credenze o fanatismi.

Esempio