Letteratura Assiro-Babilonese-Ebraica e poema di Gilgamesh

Materie:Appunti
Categoria:Epica
Download:581
Data:08.10.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
letteratura-assiro-babilonese-ebraica-poema-gilgamesh_1.zip (Dimensione: 7.44 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_letteratura-assiro-babilonese-ebraica-e-poema-di-gilgamesh.doc     25.5 Kb



Testo

Letteratura antica Assiro-babilonese-ebraica.
Le popolazioni che diedero inizio alla letteratura furono i Sumeri e in seguito gli Egizi. Ci troviamo quindi nel vicino Oriente. Uno dei testi più importanti è il “Gilgamesh”, la redazione scritta di questo poema sumero si deve al re Assurbanipal (669 a.C.-628 a.C.) il quale, a Ninive (Città in cui governava), raccolse tutti i racconti che parlavano di Gilgamesh e li fece riunire in un unico volume dai suoi scribi.
Gilgamesh.
All’inizio del racconto Gilgamesh viene descritto come un tiranno prepotente che governava sulla gente di Uruk. La gente, stanca del comportamento del tiranno, chiese aiuto agli dei che, per sconfiggerlo, crearono Enkiduo, un eroe che sarebbe stato in grado di batterlo. Naturalmente Enkiduo sconfigge Gilgamesh però capisce che il brutale comportamento del tiranno è dovuto ad alcuni episodi accaduti nel passato. I due eroi diventarono quindi amici ed insieme compirono numerose imprese. Enkiduo venne colpito dagli dei i quali gli vollero dare una lezione per essersi avvicinato troppo a Gilgamesh che era un comune mortale. L’eroe però vuole sapere perché la morte debba privarlo della vita eterna e si reca da Utnapishtim, l’uomo scampato dal diluvio universale. Utnapishtim viveva su un isola ed era immortale. L’eroe vuole scoprire il segreto dell’immortalità di Utnapishtim il quale gli disse che l’immortalità è un dono che possono dare solo gli dei e quindi Gilgamesh capisce che non si può scappare alla morte.
L’epica egizia.
La letteratura egizia si sviluppò per oltre 2500 anni. Nella letteratura degli Egizi si inizia per la prima volta a dividere i testi per genere; possiamo quindi dividere i testi in:
- Testi religiosi: erano tutti quei testi che riguardavano soprattutto la morte, questi tipi di testo vengono definiti sapiens ali ovvero testi educativi;
- Poesia lirica e gli inni: questi due tipi di testo potevano trattare argomenti religiosi oppure amorosi;
- Il teatro: di questo genere sono stati rinvenuti solo frammenti;
- La narrativa: la narrativa trattava soprattutto le storie di Sinuhe, un egiziano, e delle sue storie;
- Epica: si occupava di leggende, specialmente di quelle dei faraoni;
- Il poema Qadesc, era un poema completamente incentrato sulla vittoria di Ramesse II sugli Ittiti.
L’epica ebraica.
La letteratura ebraica antica consiste principalmente nel testo sacro. Della letteratura ebraica fa però parte solo l’antico testamento,infatti il nuovo testamento è stato scritto successivamente. Oltre ai testi religiosi al suo interno si possono trovare anche testi storici, narrativi, poetici, sapiens ali, morali, legislativi etc. La parola Bibbia deriva infatti dal greco (Biblia) che significa insieme di libri. Per gli Ebrei i libri contenuti nella Bibbia sono 38 mentre per i Cristiani Protestanti sono 65 e quelli per i Cristiani Cattolici sono 72.( I Cristiani oltre ai libri dell’Antico Testamento e del Nuovo Testamento considerano anche 7 libri scritti in greco) La parte della Bibbia che fa parte della letteratura ebraica parla della storia del popolo ebreo, cioè dal V secolo a.C. al 135 a.C. Alcuni episodi sono scritti con un linguaggio fantastico o con un linguaggio poetico,con la presenza di immagini inverosimili.

Esempio