Il letto d'ulivo

Materie:Altro
Categoria:Epica
Download:159
Data:19.10.2005
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
letto-ulivo_1.zip (Dimensione: 4.59 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-letto-d-ulivo.doc     24.5 Kb



Testo

IL LETTO D’ULIVO

Quando Odisseo, uomo di immensa bontà, era nel suo palazzo
Eurinome lavò i suoi indumenti, li profumò con l’olio,
e gli diede un bel mantello e una tunica;
allora Atena gli curò i segni causati dal travestimento da mendico,
lo fece ingrandire e irrobustire; ora dalla testa
scendevano dei bei folti capelli, che parevano i fiori di giacinto.
Come quando un orefice lavora l’oro e l’argento,
che imparò il suo mestiere da Efesto e Pallade Atena
in ogni professione, compie i suoi lavori con armonia;
così gli versò sulle spalle e sul capo la massima grazia.
Quando uscì dal bagno parve un immortale;
e risedette sul trono che gli spettava,
di fronte a sua moglie, e le disse:
“Donna malvagia, a te più che a tutte le altre donne,
gli Dei che abitano sull’Olimpo,
hanno dato un animo molto tenace
perché nessun’altra donna avrebbe un animo tanto coraggioso,
e oserebbe restare lì, invece di correre tra le braccia del
suo uomo, che dopo vent’anni ritorna in patria.
Ma su, nutrice, prepara il mio letto, poiché potrò dormire anche da solo:
elle in petto ha un cuore di ferro”.
Donna accorta gli rispose Penelope allora:
“Tu sei un demone, non è che io voglia parere
superba, né che ti disprezzi,
e nemmeno che io voglia far troppo l’ostile: mi ricordo
bene come eri quando sei partito.
Ebbene, Euriclea, fai pure,
ma fuori dalla camera da letto, quello che lui stesso costruì;
qui prepara il letto, con le coperte,
le pelli di pecora e le stoffe da avvolgersi”.
Così disse, perché a tal segno avrebbe compreso
Se costui era veramente suo marito. Sgomento, allora, Odisseo
Si rivolse alla moglie:
“Donna , queste tue parole mi rattristano.
Chi può spostare il mio letto? Risulterebbe difficile
Anche ad un abile tecnico, a meno che lo volesse un dio,
e, allora riuscirebbe facilmente a spostarlo.
Tra gli uomini, neanche il più forte,
lo potrebbe spostare senza fatica, perché il letto nasconde
un segreto, io stesso lo fabbricai e nessun altro.
Nel cortile c’era un ulivo con la sua cima frondosa,
florido e rigoglioso; era grosso come una colonna:
attorno ad esso costruii la stanza, finche la finii,
con numerose pietre, e ne costruii il tetto,
vi posi delle porte robuste, saldamente messe.
E poi tagliai la chioma dell’ulivo,
e pulii il tronco alla base, lo riquadrai con il bronzo
bene e con cura, lo feci dritto con la livella,
ne costruii un sostegni e lo perforai con il trapano.
Così facendo arrivai a terminare il letto,
ornandolo d’oro, d’argento e d’avorio.
Per ultimo sistemai le strisce di cuoio, splendenti di porpora.
Ecco, adesso ti ho svelato il segreto, e non so
Se è ancora intero o se qualcuno
Lo ha staccato dal suolo”.
Così parlò, e lei fu subito mossa dalla commozione,
perché capì che costui era certamente Odisseo;
e piangendo, corse verso lui a braccia aperte,
lo baciò e gli disse:
“Non t’ agitare, con me Odisseo, che tra tutti
sei il più saggio, gli dei ci davano il pianto,
invidiosi della nostra felicità
in giovinezza e in vecchiaia.
Così adesso non ti adirare con me, non offenderti per questo,
poiché non ti ho abbracciato subito, appena ti ho visto.
Il mio animo tremava sempre
Che qualcuno mi volesse ingannare:
poiché molti ambiscono a loschi guadagni.
Ah, no! Elena Argiva, la figlia di Zeus,
non si sarebbe unita con uno straniero,
se avesse saputo che i figli degli achei,
dovevano sottometterla nella patria.
Ma un dio la spinse a compiere quell’azione sfrontata;
non capì in cuore la sua colpa,
la colpa, che ha causato la nostra sventura.
Ma ora sono certa poiché sai
Del nostro letto, che nessuno ha mai visto,
solo noi due, ed un’ancella,
Attoride, che mi fu data dal padre, quando sono venuta qui,
colei che chiudeva le porte della camera;
adesso sì hai convinto il mio cuore
tanto ostinato”.
Così disse, destando in lui una gran voglia di pianto;
piangeva, abbracciando la sposa fedele.
Come i naufraghi desiderano la terra,
a cui Poseidone ha sconquassato la perfetta nave
travolta dal vento e dalle onde;
in pochi si salvarono dal mare
nuotando, la salsedine si incrostava sulla pelle;
desiderosi arrivano a terra, scampando alla morte;
così tanto era desiderato per lei lo sposo mentre lo guardava,
e dal collo non gli staccava le braccia candide.

Esempio