Ponte di Wheastone

Materie:Altro
Categoria:Elettrotecnica

Voto:

1.5 (2)
Download:151
Data:17.05.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
ponte-wheastone_1.zip (Dimensione: 351.55 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_ponte-di-wheastone.doc     435.5 Kb



Testo

I.T.I. “A.MALIGNANI” COGNOME: DE MATTEO
UDINE NOME: DAVIDE
CLASSE: 3ELI^C
LABORATORIO DI MISURE COMPAGNO: SGUALDINO MICHELE
ELETTRICHE DATA DI ESECUZIONE: 27-02-2005
PROVA: N° 4 DATA DI CONSEGNA: 08-05-2006
MISURA DI UNA RESISTENZA CON IL METODO DEL PONTE DI WHEASTONE
SCHEMA DI PRINCIPIO:
SCHEMA DI MONTAGGIO:

RICHIESTA STRUMENTI:
Per realizzare tale prova tecnica si sono utilizzati vari strumenti, tra cui il galvanometro, ovvero, un amperometro molto sensibile (può misurare anche i µA) che lavora solo in corrente continua e può anche rilevare il verso della corrente.
Tale strumento, avendo una sensibilità elevata è sottoposto a rischi di elevato passaggio di corrente, quindi, al suo interno è equipaggiato da una resistenza variabile chiamata resistenza di Shunt (RS).
Le seguenti richieste sono state: i lati di rapporto (R1 e R 2), un deviatore utilizzato per interrompere il flusso di corrente nel galvanometro (T), una resistenza a decadi (R3) ed un reostato (R0).
CARATTERISTICHE DEGLI STUMENTI ED APPARECCHIATURE UTILIZZATE:

STRUMENTO
PORTATE
DIVISIONI FONDOSCALA
CLASSE
RESISTENZA
INTERNA
DITTA COSTRUTTRICE
TIPO
GALVANOMETRO (G)
0,64 µA / div
15 [A]
0,5
27 Ω
OFFICINE GALLILEO
NOME
CARATTERISTICHE ELETTRICHE
DITTA COSTRUTTRICE
REOSTATO – R0
I max = 3,57 A
Valore indicativo = 47 Ω
Potenza max = 600 W
OFEL
Tipo: RC165
Numero: 98274
REOSTATO - R3
RESISTENZA A DECADI
ImaX :
X1 = 0,75 A
X10 = 0,25 A
X100 = 0,075 A
X1000 = 0,025 A
AOIP paris
LATI DI RAPPORTO – R1,R2
10 Ω , 100 Ω , 1000 Ω , 10000 Ω
SAMAR
Tipo: LDR/4
Numero: 210418
REOSTATO – Rx
Valore indicativo = 1235 Ω
Imax = 0,5A – 1A
Potenza max = 1235 W
ING.S.BELOTTI & CSA-MILANO
Tipo: 103
Numero: 57082
SCOPO DELLA PROVA:
Utilizzare il metodo del ponte d Wheastone avente molta precisione per quanto riguarda la misurazione dei resistori che variano dai 50 Ω fino ad 1 MΩ.
Tale metodo viene effettuato creando un circuito dove variando i resistori all’interno di esso si azzera la corrente circolante nel ramo dove è installato il galvanometro. Quando questa corrente è nulla si può ricavare il valore ohmico della resistenza Rx.
RIEPILOGO LETTURE, CALCOLI ESEGUITI e GRAFICI:
N° TENTATIVI
R1 [Ω]
R2 [Ω]
R3 [Ω]
Ig [µA]
1
1000 Ω
1000 Ω
1228
4 div SX
1
1000 Ω
1000 Ω
1229
2 div DX
( il grafico della resistenza Rx è riportato sul foglio di carta millimetrata esterno alla relazione )
Il grafico presenta una linea che specifica il valore della resistenza dettagliatamente al centesimo di ohm.
Si può chiaramente distinguere che il valore identificato per Rx è 1228,7 Ω.
VB = VD → VBD = 0 ; Ig = 0
I1 = I2 → IX = I3
VAB = VAD → R1 * I = RX * I
VBC = VDC → R2 * I = R3 * I
RX = (R1 / R2) * R3

VALORE NOMINALE
RX
VALORE MISURATO
RX
DIFFERENZA IN OHM
ERRORE %
1235 Ω
1228,7 Ω
6,3 Ω
0,5%
PROCEDIMENTO e ANALISI DELLA PROVA:
Dopo aver letto, trascritto e analizzato i dati forniti dai componenti necessari per cerare la prova si è cablato tale circuito utilizzando i cavetti per la connessione. In seguito a queste operazioni si sono impostati i lati di rapporto creando un valore del tipo 1000÷1000;
Man mano che la resistenza a decadi variava manualmente, la corrente nel galvanometro diminuiva e si avvicinava allo 0. Ogni cambiamento significativo è stato annotato in una tabella.
Dato che la corrente che presumibilmente doveva annullarsi all’interno del ramo dove è installato il galvanometro non si è annullata ma lo strumento era scostato dallo 0 di 4 divisioni a sinistra impostando la resistenza a decadi al valore di 1228Ω e di 2 divisioni a destra impostando il reostato a 1229Ω
Tenendo conto di questi scostamenti si è trovato il preciso valore di Rx graficamente.
CONCLUSIONI:
Questa prova capacita di come si misura un reostato in modo preciso senza usare il metodo volt-amperometrico che magari può andare bene per altri tipi di valori di resistenza. Il valore di Rx non è del tutto uguale al valore nominale descritto dal costruttore ma differisce in meno di 6,3 Ω che comunque risulta un errore pari al solo 0,5%.

DE MATTEO DAVIDE – Prova n°3 Pagina 1 di 3

Esempio



  



Come usare