Elettrotecnica:principio di sovrapposizione degli effetti

Materie:Appunti
Categoria:Elettronica

Voto:

1.3 (3)
Download:444
Data:09.04.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
elettrotecnica-principio-sovrapposizione-effetti_1.zip (Dimensione: 12.58 Kb)
trucheck.it_elettrotecnica:principio-di-sovrapposizione-degli-effetti.doc     49 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Morisetti Marco
Esp_n° 14
Verifica del principio di sovrapposizione degli effetti
Obiettivo: fare un confronto matematico tra le correnti che troveremo e applicando il principio di sovrapposizione: due generatori hanno un effetto uguale alla somma algebrica degli effetti che ognuno dei generatori produce sul circuito.
Disegno:
A1 I1 A2 I3 A3
I2
G1
G2
R1 R2 R3
Procedimento: montiamo un circuito nodale con tre rami in parallelo tra di loro ciascuno composto da una resistenza e un amperometro. Per montare questo tipo di circuito colleghiamo in un punto comune tutte le uscite o le entrate delle resistenze, mentre gli amperometri li colleghiamo in serie alle resistenze e il polo negativo di ciascun strumento lo colleghiamo in comune a tutti in un punto unico. Su due di questi rami colleghiamo tra la resistenza e l’amperometro un generatore di tensione variabile. Dal polo negativo del generatore andiamo al capo libero della resistenza, e il polo positivo lo colleghiamo al polo positivo dell’amperometro. Ora che il circuito è montato rileviamo come primo punto i valori delle tre correnti e risulterà che I3 (come nel principio di Kirchoff) è uguale alla somma di I1 + I2. Come secondo punto cortocircuitare G1 di modo che sia escluso e leggere il valore di A3I. Come terzo ed ultimo punto ricollegare G1 e cortocircuitare G2 e leggere il valore di A3II. Effettuare questo procedimento per sei volte variando il valore della tensione di tutti e due i generatori. Riportare i valori in tabella ed effettuare i calcoli e confrontare che la somma delle due correnti trovate nei cortocircuiti viene la stessa corrente iniziale di quando avevo tutti e due i generatori inseriti. Dobbiamo indicare quindi il confronto matematico delle correnti.
Precauzioni:
• usare delle resistenze basse;
• tenere i valori delle tensioni basse per evitare che la corrente si troppo elevata;
• quando si cortocircuita un generatore controllare che gli indici degli amperometri non vadano al contrario, in caso contrario cambiare la polarità dell’amperometro in questione.
Formule utilizzate:
Caratteristiche degli strumenti:
Strumento
Marca
Classe
N° Di Serie
Portata
Divisioni
Resistenza
A1
SAMAR
0,5
893732
2,5
2,5
/
A2
Siemens
1
6595
0,3
30
/
A3
YEV
0,5
M0g293
0,3
300
/
R1
/
/
/
/
/
19,3
R2
/
/
/
/
/
6,8
R3
/
/
/
/
/
8,7
Tabella:
Conclusioni: i risultati ottenuti via analitica si possono ritenere soddisfacenti poiché differiscono di poco da quelli ottenuti in pratica, ciò significa che abbiamo condotto l’esperienza con molta precisione come c’era chiesto di fare perché era un’esperienza molto delicata, con abbastanza misurazioni.

Esempio



  



Come usare