Apparato esecretore

Materie:Appunti
Categoria:Elettronica

Voto:

1 (3)
Download:144
Data:13.09.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apparato-esecretore_1.zip (Dimensione: 4.46 Kb)
trucheck.it_apparato-esecretore.doc     22.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

L’APPARATO ESCRETORE

Le cellule producono delle sostanze di rifiuto dannose che devono essere eliminate. A ciò provvede l’apparato escretore con il processo di escrezione. L’organismo produce rifiuti solidi, gassosi e liquidi; le feci costituite da residui alimentari sono espulse dall’apparato digerente, l’anidride carbonica e il vapore acqueo prodotti dal processo respiratorio delle cellule sono raccolti dal sangue che le porta ai polmoni da dove sono espulse con l’aspirazione, le urine sono rifiuti liquidi composte in maggior parte di acqua contenenti sostanze inorganiche (cloro, urico, acido lattico, ammoniaca, urea etc.). Quest’apparato è formato dai reni, organi nei quali si forma l’urina e dai bacinetti renali, ureteri, vescica e uretra attraverso la quale viene espulsa l'urina.
I RENI
I reni hanno la forma di due grossi fagioli di colore rosso scuro, sono situati nella cavità addominale posteriore.
Sezionando un rene analizziamo tre parti: 1 esterna detta corteccia, una interna e infine una cavità detta seno renale.
Il rene produce l’urina, una sostanza di scarto del nostro corpo, inizia dalla corteccia con un fitto groviglio. La vescica è un sacco dove si raccoglie l’urina prodotta dai reni e trasferita per mezzo dell’uretra all’esterno.

Fisiologia dell’apparato escretore
L’apparato urinario ha la funzione di formare l’urina e di espellerla all’esterno. La formazione dell’urina avviene nei reni, esattamente nei nefroni. Il sangue, carico delle sostanze di rifiuto o in eccedenza, arriva attraverso l’arteria renale ai reni e quindi ai glomeruli. Qui, attraverso le pareti dei capillari avviene un processo di filtrazione e si raccoglie un liquido simile al plasma sanguigno. Questo liquido percorre il tubulo renale e, durante questo percorso, buona parte delle sostanze nutritive ancora necessarie all’organismo vengono riassorbite e passano nei capillari che avvolgono il tubulo. Nel tubulo restano così solo le sostanze di rifiuto e quelle superflue che costituiscono l’urina; attraverso tubuli collettori delle piramidi; questa va ai bacinetti renali, da qui all’uretere, quindi si accumula nella vescica che, attraverso l’uretra, la espelle all’esterno.
Malattie dell’apparato escretore
- La nefrite è uno stato infiammatorio, acuto o cronico che può interessare le varie strutture che compongono il rene.
- La nefrosi è una malattia degenerativa delle pareti dei tubuli renali dovuta ad alcune sostanze tossiche organiche e inorganiche.
- I calcoli renali sono formazioni solide, simili a piccole pietruzze, dovute alla precipitazione delle sostanze cristallizzanti disciolte nell’urina che, aggregandosi, si depositano nel bacinetto renale
La presenza di calcoli si manifesta con violenti dolori improvvisi (coliche
renali a livello della regione lombare e con la presenza di sangue nelle urine.
La cistite è un’infiammazione della vescica dovuta di solito a germi, quali l’Escherichia coli. È caratterizzata dal continuo bisogno di espellere urina (minzione), accompagnata da bruciore e da dolore alla bassa dell’addome.
Le malattie citate e tutte le disfunzioni renali o delle vie urinarie vanno tempestivamente curate, o meglio prevenute, perché potrebbero causare un’insufficienza renale, che comporta una ridotta capacità di filtrazione del sangue.
L’insufficienza renale cronica non è curabile e si può rimediarvi solo con l’emodialisi. Oggi si effettua anche con un certo successo il trapianto renale.
Igiene dell’apparato escretore
Importante, come sempre, è un’attenta opera di prevenzione contro le malattie che possono colpire quest’apparato. Il sistema più efficace è la diagnosi precoce delle disfunzioni renali.
RICERCA DI: ENRICO COSTA

Esempio