Amplificatore astabili dimensionamento

Materie:Appunti
Categoria:Elettronica

Voto:

1 (2)
Download:202
Data:25.06.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
amplificatore-astabili-dimensionamento_1.zip (Dimensione: 18.78 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_amplificatore-astabili-dimensionamento.doc     34 Kb



Testo

I.P.S
G. Ceconi
UDINE
Laboratorio di :
elettronica
ESERCITAZIONI
di
LABORATORIO
N° ……3………
DATA INIZIO PROVA
20/04/99
……………………
OGGETTO DELLA ESRCITAZIONE: dimensionamento e rilievi di un astabile
………………. ………………………………………………………………….
……..…………………………………………………………………………….……………………………………………………………………………………
Schema di principio planimetrico
OSCILLOSCOPIO

ALIMENTATORE

ALLIEVO
Cozzi Marco
………………………..
Data di consegna
21/05/1999
……………………...
VISTO
………………………
UDINE lì 20/04/1999
LABORATORIO DI ELETTRONICA
PROVA N.3
Astabile dimensionamento e calcoli
“DIMENSIONAMENTO E RILIEVI”
FORMULE DATE:
Vu=90%Vi
R1=T1/C*LOGn(1+2*(R4/R5)
R2=T2/C*LOGn(1+2*(R4/R5)
Cozzi Marco cl. 3 Atl pagina 02
UDINE lì 20/04/1999
LABORATORIO DI ELETTRONICA
PROVA N.3
Astabile dimensionamento e calcoli
VALORI DATI
T1 = 2ms Vi = ±12V
T2 = 12ms Vu =±10.8V (90%vi)
C = 100nF
I = 150uA
VALORI CALCOLATI
R4+R5=Vu/I =10.8/150*10⁶=72 KK
R5= (R5/ (R4+R5))*( R4+R5)=0.3*72 KK=21.6 K
R4=( R4+R5)- R5=72 KK-21.6 K =50.4 K5
R1=T1/C*LOGn(1+2*(R4/R5)= 32.7 K3
R2=T2/C*LOGn(1+2*(R4/R5)=193.5 K1
VERIFICA STRUMENTALE:
Simbolo
Valori
nominali
Valori
misurati
Valori
calcolati
R1
33K3
32.7 KK
32.7 KK
R2
180 KK
177.6 KK
193.5 KK
R4
47K4
46.5K4
50.4K5
R5
22 KK
21.8K2
21.6K2
C1
100KpF
100KpF
106.4KpF

Cozzi Marco cl. 3 Atl pagina 03
UDINE lì 20/04/1999
LABORATORIO DI ELETTRONICA
PROVA N.3
Astabile dimensionamento e calcoli
RELAZIONE
La prova consiste sostanzialmente nel dimensionare e nel montare un circuito astabile e nel rilevare sull’oscilloscopio i segnali richiesti.
Per il dimensionamento del circuito sono state utilizzate le seguenti formule:
R4+R5=Vu/I
R5= (R5/ (R4+R5))*( R4+R5)
R4=( R4+R5)- R5
R1=T1/C*LOGn(1+2*(R4/R5)
R2=T2/C*LOGn(1+2*(R4/R5)
Con queste formule abbiamo potuto eseguire i calcoli che si vedono a pagina 03. I calcoli ci hanno portato a valori di componenti che non sono in commercio quindi abbiamo dovuto cercare dei valori commerciali che si avvicinino ai nostri (nella tabella di pagina 03 si possono vedere queste differenze tra: valori nominali, misurati, calcolati).
In seguito montiamo i componenti sul circuito come mostrato a pagina 02 e colleghiamo gli strumenti come si può vedere nello schema planimetrico (prima pagina).
Il circuito da noi montato è di tipo astabile, il che vuol dire che al suo interno si innescano automaticamente delle oscillazioni all’atto dell’avviamento, oscillazioni che permangono anche in assenza di sollecitazioni esterne (segnali).
Per controllare se abbiamo dimensionato correttamente il circuito rileviamo le forme d’onda prodotte dal circuito e da esse calcoliamo i due periodi e confrontiamo con i periodi dati.
Cozzi Marco cl. 3 Atl pagina 04
UDINE lì 20/04/1999
LABORATORIO DI ELETTRONICA
PROVA N.3
Astabile dimensionamento e calcoli
CONCLUSIONI
Il circuito che da noi doveva essere dimensionato risulta perfetto infatti i periodi dei segnali rilevati (vedere sotto) sono identici a quelli dati quindi i nostri calcoli sono corretti anche se non siamo riusciti a trovare in commercio i componenti da noi voluti.
Cozzi Marco cl. 3 Atl pagina 05

Esempio



  



Come usare