Organizzazioni commercio internazionali.

Materie:Appunti
Categoria:Economia
Download:183
Data:10.05.2000
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
organizzazioni-commercio-internazionali_1.zip (Dimensione: 5.35 Kb)
trucheck.it_organizzazioni-commercio-internazionali.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

WORLD TRADE ORGANIZATIONS (WTO) = Organizzazioni Mondiali di Commercio.

A partire dalla Seconda Guerra Mondiale i contatti tra i Paesi sono stati troppo chiusi e gli Stati troppo interdipendenti, tanto è vero che si è considerato necessario introdurre delle regole nelle quali tutte le nazioni si riconoscessero. Ogni paese deve essere considerato dagli altri paesi. Questo è il motivo sul quale le organizzazioni internazionali si sono basate per ottenere un nuovo ordinamento economico e politico mondiale.
Ecco perché i paesi, specialmente quelli vicini, hanno lavorato, alcuni per breve tempo, altri per più tempo, per decidere le norme con le quali sarebbero stati regolati i rapporti commerciali, economici e culturali. Le organizzazioni più importanti sono le seguenti:

EU: EUROPEAN UNION = Unione Europea.
Nel 1957 fu firmato il Trattato di Roma, sotto il quale ebbe inizio l’UE, con la sua sede principale a Bruxelles.
Il suo scopo era di fondare un mercato comune che potesse sostituire i vecchi concetti di semplice cooperazione, con uno nuovo di graduale integrazione degli Stati membri. I paesi che firmarono il trattato furono: il Belgio, la Francia, la Germania, l’Italia, il Lussemburgo e l’Olanda.
I punti principali del trattato furono:
1- Sviluppare un’economia tra i paesi membri.
2- Abolire le tasse doganale e le restrizioni delle entrate e delle uscite dei prodotti dentro della Comunità.;
3- Fissare tariffe doganali comuni per le importazioni dagli Stati non appartenenti alla Comunità.
4- Permettere la libertà di movimento dei lavoratori, servizi e capitale. (dentro della Comunità).
Attualmente la Comunità e formata da 15 paesi membri.

THE COMMONWEALTH = La Ricchezza Comune. (è difficile di tradurre, ma il significato è quello).
Il Commonwealth è un gruppo di 49 paesi una volta parte dell’Impero Britannico. L’origine del Commonwealth si basa sulla progressiva concessione dell’autogoverno alle precedenti Colonie Britanniche. Nel 1949 si firmò un trattato a Londra e da allora, quasi tutti i precedenti territori indipendenti hanno ottenuto la loro indipendenza e hanno aderito volontariamente al Commonwealth.
Benché la Britannia non abbia una speciale posizione costituzionale nel Commonwealth, mantiene ancora una posizione speciale nell’Associazione come conseguenza di legami storici, del suo ruolo nel mondo e per l’estensione della sue cooperazione negli affari del Commonwealth.
Britannia è diventata membro dell’Unione Europea nel 1973, ma nonostante i suoi nuovi vincoli con l’Europa non sono state danneggiate le relazioni con il Commonwealth.
Ogni paese membro riceve o da assistenza. La cooperazione e il commercio sono favoriti dalle reciproche concessioni tariffarie e da clausole commerciali preferenziali.

NAFTA: NORTH AMERICA FREE TRADE AREA = Libera Area di Commercio del Nord America.
Il 1° gennaio, 1989 gli USA e il Canada firmarono un importante accordo economico con lo scopo di ingrandire le opportunità di investimento attraverso l’abolizione delle barriere doganali e la riduzione delle tariffe.

Nel novembre del 1993 anche il Messico aderì all’accordo, creando in questo modo la più grande area di Libero Commercio con 370 milioni di consumatori. La cooperazione tra due paesi industrializzati e un paese meno sviluppato provoca una integrazione molto interessante dal punto di vista economico.
Negli USA gli accordi tra i politici e gli economisti si sono svolti attorno ai dibattiti basati sul loro interesse economico.

MERCOSUR: Mercato Comune del Sud.
È un gruppo formato da Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay, con lo scopo di creare una zona di libero commercio e unione di dogane.
Il trattato divenne ufficiale il 1° gennaio 1995 e fu creato per vincere la promessa non mantenuta dagli USA di permettere l’America del Sud di entrare nella NAFTA.
Nel 1996 anche il Cile divenne membro associato e il Venezuela ha fatto domanda per diventare anch’esso paese membro. La meta finale è il SAFTA, la Libera Area di Commercio Sudamericana, che copre l’immenso territorio dai confini del Panama fino alla Tierra del Fuego.

WTO: WORLD TRADE ORGANIZATION (FORMER GATT) = Organizzazioni di Libero Commercio.
GATT è il corpo mondiale, che è stato creato nel 1947 subito dopo la Seconda Guerra Mondiale con lo scopo di espandere il commercio internazionale ed evitare il protezionismo che prevaleva nel 1930. All’inizio erano 23 paesi membri i quali divennero 124.
GATT si è basato su due principi:
1. Reciprocità nella liberalizzazione del commercio;
2. Nessuna discriminazione.
Il primo è un accordo nel quale i termini commerciali concessi dal paese “A” al paese “B” devono essere concessi dal paese “B” al paese “A”.
La seconda clausola stabilisce che se il paese “A” concede un trattamento più favorevole al paese “C” che al paese “B” , allora anche il paese “B” deve ricevere lo stesso trattamento.
GATT l’ha ottenuto in due modi principali:
1. Eliminazione delle quote.
2. Riduzione delle tariffe: che dal 1947 sono passate dal 40% a meno del 5% di oggi.
Il volume del commercio mondiale in prodotti è cresciuto di 10 volte dalla sua creazione, aumentando di un 6% all’anno dal 1983.
Nel gennaio del 1995 il GATT divenne il WTO (World Trade Organization) con un ampio raggio d’azione. Purtroppo GATT, fece domanda solo per il commercio di beni, WTO comprende anche la liberalizzazione dei servizi, proprietà intellettuali (diritti d’autore, film, cassette, ecc.) nonché l’ambiente.

Esempio