Il problema del valore: la tesi neoclassica

Materie:Riassunto
Categoria:Economia

Voto:

1.5 (2)
Download:305
Data:04.04.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
problema-valore-tesi-neoclassica_1.zip (Dimensione: 1.55 Kb)
trucheck.it_il-problema-del-valore:-la-tesi-neoclassica.doc     3.16 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LA TESI NEOCLASSICA

CLASSICI = avevano lasciato irrisolto il problema tra valore d'uso e valore di scambio.
• Smith e Ricardo non hanno attribuito grande importanza al concetto di utilitа di un bene.
• Marx ha tratto la conclusione che nel sistema capitalistico esiste uno sfruttamento a danno dei salariati.

NEOCLASSICI = assumono un punto di vista analogo a quello dei classici sulla POSITIVITA' del SISTEMA CAPITALISTICO.
Rifiutano la teoria del valore-lavoro sostituendola con un altra piщ vicina alle tesi di Say e Malthus:
non tutti i beni sono prodotti dal lavoro umano, ma anche questi, che si trovano in natura hanno un determinato prezzo sul mercato.
Quindi il FONDAMENTO del VALORE deve essere ricercato al di fuori dell'ambito lavorativo.
I Neoclassici contrappongono a questa considerazione una DIVERSA IMPOSTAZIONE TEORICA del VALORE: non piщ basata sul lavoro ma sulla
DOMANDA = regolata dall'UTILITA';
OFFERTA = regolata dalla SCARSITA'.
Per i Neoclassici:
l'INTENSITA' della DOMANDA = dipende dalla necessitа che si avverte di quel determinato bene;
l'INTENSITA' dell'OFFERTA = dipende dalla difficoltа della produzione.
PPREZZO = и la risultante dell'incontro della domanda e dell'offerta.
I COMPENSI dei fattori produttivi (ai salariati, ai capitalisti-imprenditori, ai proprietari terrieri) non sono altro che PREZZI, e quindi determinati dalle condizioni oggettive del mercato.
Il COSTO di PRODUZIONE viene ad identificarsi col PREZZOdi MERCATO = ciascun fattore riceve esattamente ciт che ha apportato al processo produttivo.

NON ESISTE SURPLUS - NE' SFRUTTAMENTO

DIFFERENZE CLASSICI - NEOCLASSICI
TEORIA DEL VALORE-LAVORO
• Mira a ricercare il VALORE ASSOLUTO di ogni bene: il valore rispetto ad un comune denominatore [il LAVORO]
• Individua il valore all'atto dello scambio
• Presuppone un sovrappiщ
TEORIA DEL VALORE-UTILITA'/SCARSITA'
• Nega l'esistenza di un valore in sи dei beni; ricerca il VALORE RELATIVO di beni e servizi, individuato nell'incontro tra domanda e offerta
• Il valore preesiste allo scambio
• Presuppone l'inesistenza di un sovrappiщ, il lavoro и un fattore produttivo.

Esempio



  



Come usare