Il commercio elettronico

Materie:Appunti
Categoria:Economia

Voto:

1.5 (2)
Download:391
Data:03.09.2001
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
commercio-elettronico_1.zip (Dimensione: 6.17 Kb)
trucheck.it_il-commercio-elettronico.doc     36.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

IL COMMERCIO ELETTRONICO

Le definizioni sono quasi innumerevoli. Una delle più accreditate enuncia che: «Il commercio elettronico è costituito da operazioni che coinvolgono imprese e individui, mirate allo scambio di beni materiali o immateriali a cui è assegnato un valore, attraverso un'infrastruttura informatica o una rete di telecomunicazione».
Ma dov'è la novità, allora, visto che di scambi di beni materiali o immateriali per via informatica se ne facevano parecchi già prima dell'avvento della Rete? Gli operatori di trading in Borsa non si divertivano già da molto a cliccare sul mouse spostando all'istante beni e soldi da un soggetto a un altro a seconda delle sollecitazioni del mercato? E chi di noi non ha mai fatto acquisti con una carta di credito, prelevato moneta contante da uno sportello bancomat, ricaricato per via telematica la scheda di un cellulare, pagato una tariffa autostradale con il telepass (o Fastpay)? Di fatto, il commercio elettronico è tutt'altro che un'idea nuova, anzi.
E tuttavia, con la nascita e soprattutto con lo sviluppo capillare e sempre più pervasivo di Internet qualche novità, anche sostanziale, c'è stata. Molte novità, volendo essere esatti. I sistemi che abbiamo citato sopra, infatti, funzionano sì grazie a un'infrastruttura informatica, ma si tratta di strumenti che hanno "solo" ottimizzato e reso più rapide ed efficienti transazioni che continuano ad avere comunque nel mercato reale il loro punto di riferimento costante. Non così dopo il terremoto provocato da Internet, dato ciò che questa tecnologia è stata capace di fare nel giro di pochissimi anni: creare "dal nulla" un nuovo mercato, sfruttando l'inedita, e in più d'un senso rivoluzionaria novità costituita dalla possibilità, concreta e non più solo teorica, di mettere in comunicazione tra loro, in tempo reale, praticamente tutti i computer esistenti sul pianeta. Inevitabile, quindi, che in una piazza tendenzialmente coincidente con l'intero consorzio umano anche se nata solo per scopi di comunicazione scientifica, arrivasse presto o tardi qualcuno con l'intenzione di avviare una qualche forma di business.
Oggi, com'è noto, non è più solo "qualcuno" a cercare di far soldi con Internet: sono vere e proprie legioni, al punto che ormai molti sono convinti che il "commercio elettronico", qualunque cosa questa espressione concretamente significhi, non sia solo una delle tante operazioni rese più agevoli e veloci dall'avvento della Rete, ma rappresenti di fatto l'applicazione pratica per eccellenza della Società dell'Informazione, anche a prescindere da quello che ciascuno intende precisamente quando usa l'espressione "commercio elettronico", o quella, più ampia e articolata, di "e-business", che racchiude al suo interno tutte quelle attività che, come il commercio elettronico, possono essere svolte sfruttando infrastrutture informatiche: dal telelavoro all'informazione, dall'intrattenimento alla didattica, dalla consulenza alla telemedicina, dal virtual banking fino a tutta la catena del valore che contraddistingue la nascita, la produzione, la distribuzione e la vendita di un bene o di un servizio.
Le definizioni possibili sono dunque molte, forse troppe, e perciò in questa sede abbiamo deciso di restringere il campo il più possibile, senza però ridurlo soltanto a quella che sembra essere l'accezione più diffusa, e più superficiale, del termine: e-commerce uguale sito web che pubblicizza e vende prodotti e servizi direttamente online. Certamente l'e-commerce è anche questo, ma altrettanto certamente non è solo questo. Pur nella consapevolezza che non si tratta della descrizione più precisa, ma soltanto della più comoda, potremmo provare a definirlo anche così: "ogni iniziativa a supporto dell'attività commerciale di un'azienda che venga svolta sulla rete Internet".
A partire da questa definizione di massima, che abbiamo preso in prestito dall'ottima guida pubblicata dal Forum Italiano sul Commercio Elettronico con il Patrocinio del Ministero dell'Industria, è possibile indicare, sempre seguendo la guida del Forum, almeno 4 modi fondamentali di intendere e praticare l'e-commerce, tenendo presente che il denominatore comune resta sempre il fatto che tutte queste attività si svolgono tutte sulla rete Internet, e dunque restano escluse tutte quelle pratiche, spesso vitalissime, che esulano da questo contesto specifico: la Rete.
1. Migliorare l'efficacia della comunicazione aziendale verso l'esterno, a fini di marketing o per ottenere una maggiore reattività. Possiamo pensare al Commercio Elettronico come a una forma di comunicazione dell'azienda attraverso la Rete. In questo caso, Internet è un mezzo per diffondere informazioni o dialogare con i propri interlocutori: gli agenti, le sedi distribuite sul territorio, il mercato esistente o potenziale, la catena di vendita o i fornitori. La distribuzione di informazioni attraverso la Rete comporta vantaggi di velocità, la possibilità di aggiornamento dei dati e dei documenti in tempo reale, l'abbattimento dei costi di trasporto.
2. Agire sulla qualità del servizio al cliente, migliorando la cura e l'assistenza di pre e post vendita, supportando l'attività commerciale con servizi migliori per il cliente e, soprattutto, più integrati. Molti servizi erogati in Rete anziché su altri mezzi di comunicazione hanno indubbi vantaggi di riduzione dei costi, maggior velocità di trasmissione e miglior personalizzazione.
3. Ridefinire internamente i processi aziendali, utilizzando la Rete per integrare su un unico supporto i flussi di lavoro con l'obiettivo di aumentare i vantaggi (efficienza, riduzione dei costi). il Commercio Elettronico è un'occasione per ridefinire i processi aziendali: automatizzare gli ordini e le transazioni, coordinare in tempo reale le esigenze dei clienti, la produzione e la logistica, la disponibilità in magazzino. La gestione dei flussi di lavoro è un elemento critico del Commercio Elettronico laddove si tratta di far partecipare soggetti distanti e competenze diverse in un flusso di lavoro ben ordinato.
4. Utilizzare la Rete come vero e proprio canale di vendita, sul quale sia possibile individuare i prodotti di interesse ed effettuare la transazione economica, permettendo ai visitatori del sito di fare veri e propri acquisti: dall'identificazione dei prodotti alla raccolta degli ordini, dal pagamento online attraverso un sistema offerto dal sito fino alla consegna dei prodotti acquistati.
Com'è noto, proprio quest'ultimo punto è generalmente e banalmente considerato il più significativo. Senz'altro è il più evidente, ma non può certo bastare a esaurire il concetto di e-commerce, così come non basta, da solo, nemmeno a far aumentare i proventi di un'azienda. Può anzi finire col farli precipitare, come provano a sufficienza casi anche molto celebri, come quello di boo.com, forse il più clamoroso tra i flop del neonato e-commerce europeo. Il fatto è che il commercio elettronico, inteso come presenza sul web e vendita di beni e servizi direttamente online, è solo la punta dell'iceberg di un fenomeno molto più ramificato e complesso, di cui ogni azienda (e, ma con meno rischi, ogni consumatore) dovrebbe prendere coscienza. L'e-commerce, infatti, non è semplicemente una nuova modalità di vendita, ma un vero e proprio modo, del tutto inedito, di "stare sul mercato", che sta modificando in profondità le basi stesse dell'economia, per lo meno in quei settori che più degli altri sembrano adatti a usufruire in pieno dei vantaggi, e dei rischi, che l'e-commerce offre a tutti i suoi operatori. È perfettamente inutile, ad esempio, aprire un negozio virtuale senza prima essere sicuri di poter garantire prodotti e tempi di distribuzione adeguati, oppure tentare di vendere online merci ancora inadatte a questo tipo di commercializzazione. Il nodo centrale è, probabilmente, soprattutto questo: alla base di tutto deve esserci un chiaro progetto di marketing, che valuti tutte le variabili in gioco e individui con la massima precisione possibile il target di riferimento in stretto rapporto con la mission dell'azienda, nella consapevolezza che l'ingresso nell'e-commerce rappresenta da un lato un aspetto, in certi casi il più rilevante, della strategia dell'impresa nel medio e nel lungo periodo, e dall'altro è solo una componente dell'infrastruttura tecnologica e informatica dell'impresa stessa. Come scrive il sempre ottimo Livraghi: «la percezione più diffusa è che si tratti di "commercio" nel senso più banale e restrittivo della parola; e che se un'impresa vuole operare in rete debba pensare prima di tutto ad avere un sito web - e necessariamente vendere su quel sito prodotti o servizi. Questo, secondo me, è un errore fondamentale. Perché il risultato è che, come dicono gli americani, "la coda agita il cane"; o, me dice una nostra vecchia espressione campagnola, si mette il carro davanti ai buoi. "Avere un sito web" è una delle soluzioni possibili. Spesso è uno strumento utile, se è una conseguenza di una strategia di comunicazione (ma non il punto di partenza). Usare il sito per vendere è una delle scelte possibili; ma è molto improbabile che sia efficace se non è integrata con altre soluzioni, come per esempio la logistica e gli acquisti».

Esempio