Gli scostamenti e il personale

Materie:Tema
Categoria:Economia

Voto:

1.5 (2)
Download:322
Data:30.05.2006
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scostamenti-personale_1.zip (Dimensione: 8.05 Kb)
trucheck.it_gli-scostamenti-e-il-personale.doc     37.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Gli scostamenti sono differenze tra dati ipotetici e dati effettivi: essi assumono carattere diverso a seconda della “composizione” dei dati tra cui è effettuato il confronto e a seconda dei caratteri dei medesimi dati.
Una particolare classe di dati ipotetici è rappresentato dai dati programmati, ossia dai dati utilizzati nell’ambito del sistema dei budget (programmazione operativa).
Il budget che tipicamente comporta la rilevazione e l’analisi di scostamenti è il budget economico, ossia il preventivo programmatico dell’esercizio, in cui si impiega largamente la tecnica dei costi standard. Osserviamo che i costi standard possono essere impiegati anche al di fuori del budget, ad es. in sede di contabilità analitica o di contabilità industriale: non c’è perciò coincidenza tra costi standard e costi programmati. Tuttavia convenzionalmente ci si riferisce ai costi di budget con la denominazione di costi standard: occorre intendere che si sono applicati gli standard alla redazione del budget, conferendo ad essi, così, un carattere che va al di là di quello di puro preventivo.

Essendo delle differenze tra dati economici espressi in numeri, gli scostamenti avranno un segno aritmetico, positivo o negativo. per indicare la valenza economica si usano i termini:
scostamento favorevole, quando il dato effettivo è “migliore” di quello programmato;
scostamento sfavorevole, quando il dato effettivo è “peggiore” di quello programmato.
I segni aritmetici sono utili ai fini del “riscontro” tra scostamenti, poiché essi hanno relazioni che li collegano..

Possiamo classificare gli scostamenti principalmente secondo due criteri:
a seconda del grado di “complessità” distinguiamo scostamenti netti da scostamenti elementari;
a seconda dei valori di riferimento, distinguiamo scostamenti nell’area vendite, nell’area costi variabili, nell’area costi fissi.

Gli scostamenti netti sono dati dalla differenza tra valori effettivi e valori di budget (ci riferiamo qui e d’ora in avanti al budget economico): essi sono dati “grezzi”, cioè scomponibili in dati più “semplici” e maggiormente significativi. Ciò non significa che gli scostamenti netti non interessino: essi però, normalmente, sono (visti come) la somma di altri scostamenti: questi ultimi devono essere individuati separatamente, anche perché potrebbero avere segni opposti.

Gli scostamenti elementari sono l’obiettivo del processo di scomposizione di quelli netti, fase contabile che prende il nome di “analisi degli scostamenti”: la loro somma aritmetica dà lo scostamento netto di partenza. Essi hanno la caratteristica di rappresentare quanto una singola variabile ha “influito” sullo scostamento netto. Essi pertanto saranno tanti quante sono le variabili che hanno determinato il calcolo del dato effettivo (e del corrispondente dato programmato). Gli scostamenti elementari sono diversi a seconda dell’area di riferimento, ma sono sostanzialmente riconducibili a tre tipi: il volume di attività, i prezzi , le quantità d’impiego; in certi casi può esserci anche il mix di volume.

La funzione del personale, gestisce i rapporti con i lavoratori dipendenti dal momento della loro assunzione fino allo scioglimento del rapporto di lavoro La retribuzione è il compenso che riceve il lavoratore in cambio delle prestazioni fornite (art. 38 della Costituzione).

La retribuzione può essere:
• A TEMPO (art.2099 del c.c.) il compenso viene dato in base alla durata della prestazione lavorativa.
• A COTTIMO (art. 2100 del c.c.) il compenso viene dato in base alla produzione realizzata.
Il cottimo si divide in:
• PURO: il compenso è una somma fissa per ogni unità di lavoro realizzata
• MISTO: il compenso è formato da una parte fissa (paga base) e una variabile (è legata agli incrementi della produttività)
• DI GRUPPO: il compenso viene dato in base al lavoro fornito dal gruppo dove il lavoratore vi appartiene. Il compenso si divide in base al rendimento di ognuno.
• A PROVVIGIONE (art. 2099 del c.c.) percentuale sul lavoro svolto. Ex: ai rappresentanti viene applicata una percentuale sugli affari conclusi dal lavoro svolto.
Sono elementi FISSI:
• IL MINIMO TABELLARE: (o stipendio base) l'importo è differente a seconda del settore economico di appartenenza e alla qualifica contrattuale del lavoratore
• SCATTI DI ANZIANITA': sono aumenti periodici del compenso rapportati al numero di anni di servizio che il lavoratore ha conseguito presso la stessa azienda
• INDENNITA' DI CONTINGENZA: ha la funzione di compensare mediante incrementi periodici semestrali, la perdita di potere di acquisto causata dall'inflazione.
• EDR: (elemento distinto della retribuzione), è un importo fisso di 10,33 euro mensile che viene erogato dal compenso e la tredicesima per compensare l'abolizione dell'indennità di contingenza.

Sono elementi ACCESSORI:
• IL PREMIO DI PRODUZIONE: compensa l'apporto del lavoratore all'aumento della produzione

• FINGE BENEFIT: è quando il lavoratore viene gratificato perché usa anche per fini personali, autovetture, cellulari aziendali, alloggi sia per uso personale che famigliare, vacanze premio, frequenza di circoli sportivi, etc?

• Il COMPENSO PER IL LAVORO STRAORDINARIO, viene erogato quando il lavoratore presentano servizio oltre l'orario normale iscritto sul contratto. Queste ore vengono pagate di più di quelle normali.

• Le MENSILITA' AGGIUNTIVE sono ad ex. la tredicesima o gratifica natalizia che viene data nel mese di dicembre ed è pari ad una mensilità per gli impiegati e pari a 200 ore in più per gli operai. Vi è anche la quattordicesima, compenso dato solo agli impiegati di banca e a coloro che si trovano nel settore edile.

• INPS

È un ente pubblico non territoriale che gestisce la maggior parte delle assicurazioni sociali obbligatorie dei lavoratori dipendenti.

Le principali assicurazioni sociali gestite dall'INPS sono:

• EROGAZIONE DELLE PENSIONI
• CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI
• INDENNITA' DI MOBILITA'
• INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE
• INDENNITA' DI MALATTIA
• INDENNITA' DI MATERNITA'
• CASSA UNICA ASSEGNI FAMILIARI

I contributi INPS sono calcolati applicando delle aliquote percentuali sulle retribuzioni lorde dei dipendenti. L'importo dei contributi è liquidato mensilmente come differenza fra somme a debito e somme a credito:
-a debito: contributi sociali a carico dell'imprenditore e dei suoi dipendenti trattenuti in busta paga;
-a credito: somme pagate ai lavoratori per conto dell'ente.

INAIL

INAIL: ente pubblico non territoriale che gestisce le assicurazioni dei lavoratori contro i rischi d'infortuni sul lavoro e le malattie professionali. L'ente copre le spese relative alle cure e garantisce il pagamento di un'indennità giornaliera.
I LIBRI OBBLIGATORI PER IL DATORE DI LAVORO

Essi sono:
libro matricola
libro paga
registro degli infortuni

Il libro matricola va redatto in ordine cronologico di assunzione e vi sono riportate le generalità, categoria professionale, livello d'inquadramento e la retribuzione. Inoltre vengono riportati i dati per assegni familiari e eventuali detrazioni fiscali.
Nel libro paga vengono riportati tutti gli elementi che concorrono a formare lo stipendio per un dipendente (come le ore lavorative, eventuali straordinari, le trattenute fiscali). Le retribuzioni devono essere registrati entro 3 giorni dal pagamento a scopo di semplificazione contabile, non vengono riportate le detrazioni fiscali perché vengono riportati sul libro matricola.
Nel registro degli infortuni devono essere riportati in ordine cronologico tutti gli infortuni, la descrizione dell'accaduto, la data, l'ora, le conseguenze e l'eventuale data di ripresa di lavoro.
Le più importanti novità introdotte dal provvedimento legislativo sono:
"accelerazione" della fase transitoria che porta gradualmente, per i lavoratori dipendenti, al conseguimento della pensione di anzianità al possesso di 35 anni di contribuzione e un'età di almeno 57 anni oppure al possesso di 40 anni di contribuzione indipendentemente dall'età posseduta;
esclusione da tale "accelerazione" per alcune categorie di lavoratori (operai ed equivalenti, i c.d. lavoratori "precoci", i lavoratori in mobilità e in cassa integrazione, i prosecutori volontari);
ridefinizione del programma di accesso alla pensione di anzianità per gli insegnanti;
non pagamento, per il 1998, dell'aumento della pensione per perequazione automatica per le pensioni di importo superiore a 5 volte il trattamento minimo INPS;
applicazione ridotta al 30%, per tre anni a decorrere dal 1999, dell'indice di perequazione delle pensioni per le fasce di importo compreso tra 5 e 8 volte il trattamento minimo INPS; disapplicazione dell'indice per le fasce di importo superiori a 8 volte il trattamento minimo INPS;
possibilità di cumulare i trattamenti pensionistici di anzianità con i redditi da lavoro autonomo;
elevazione delle aliquote contributive a carico degli artigiani e i commercianti;
nuove procedure di individuazione delle "mansioni usuranti", per le quali saranno previsti più favorevoli requisiti d'accesso alla pensione;
per tutte le forme pensionistiche obbligatorie, fissazione di un tetto massimo di 5 anni all'aumento dei periodi di servizio computabili ai fini pensionistici;
per i dipendenti pubblici, destinazione a previdenza complementare di una quota della vigente aliquota contributiva relativa all'indennità di fine servizio.

Esempio



  


  1. Elisabetta

    Devo fare un lavoro per un concorso, mi sembra tu sappia bene cosa sono gli scostamenti e ho bisogno di saperlo anche io.. e per domani! :)


Come usare