Franchising

Materie:Appunti
Categoria:Economia
Download:107
Data:09.01.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
franchising_1.zip (Dimensione: 3.6 Kb)
trucheck.it_franchising.doc     21 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Franchising
Il contratto di franchising è un contratto atipico, cioè non disciplinato dal Codice Civile, in cui un impresa (casa madre) detta FRANCHISER concede a uno o più imprenditori (FRANCHISEES) il diritto di utilizzare il proprio nome, la propria insegna, il marchio e i metodi operativi.

Gli obblighi del FRANCHISEE sono:
• utilizzo del nome
• utilizzo insegna e metodi operativi
• diritto-dovere dell’esclusiva
• arredamento uniforme
• pagamento di un’iniziale somma di danaro (FRANCHISE FEE)
• pagamento di royalties sul fatturato annuale
• rispetto dei prezzi imposti dal franchiser

Il franchisee si avvantaggia dell’esperienza e della buona reputazione sul mercato del franchiser; può costituire una struttura di vendita senza investire direttamente i capitali.

Dall’altra parte il FRANCHISER si obbliga a:
• fornire tutte le conoscenze atte alla formazione del franchisee
• fornire l’assistenza in materia amministrativa,
tecnico-operativa, gestionale
• fornire la pubblicità.

Il franchiser non ha alti ritorni finaziari, ma ha anche meno rischi e si può avvalere della conoscenza locale del franchisee.

FRANCHISING → durata pluriennale (3-9 anni)

Il TRADE MARKETING
È l’insieme delle strategie e delle attività che i produttori realizzano per gestire i rapporti con i canali di distribuzione.

Leva più importante → MERCHANDASING insieme di tecniche di comunicazione
messe in atto dal produttore e dal distributore
nel punto vendita per sollecitare il consumatore
all’acquisto.

1. LAYOUT ATTREZZATURE distribuzione delle attrezzature nel punto vendita
• Modello a griglia (scaffalature parallele – utilizzato supermercati)
• Isola (percorsi non rettilinei, disposizione asimmetrica - utilizzato per beni non alimentari)
2. LAYOUT MERCEOLOGICO affronta i problemi della dislocazione delle merci nel punto vendita (all’inizio i beni voluttuari, poi quelli indispensabili)
3. DISPLAY criteri che guidano le modalità di esposizione delle diverse linee di prodotti (in verticale le diverse linee di prodotto, orizzontale le diverse marche; l’attenzione del consumatore si concentra sui ripiani a presa di mano o ad altezza d’occhi)

La CONFEZIONE è molto importante perché deve essere attraente ma anche maneggevole.

Esempio



  



Come usare