Finanziamenti parabancari

Materie:Appunti
Categoria:Economia

Voto:

2 (2)
Download:172
Data:11.04.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
finanziamenti-parabancari_1.zip (Dimensione: 7.5 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_finanziamenti-parabancari.doc     38 Kb



Testo

FINANZIAMENTI PARABANCARI
Spesso le garanzie richieste dalle banche e il tasso di interesse elevato fanno si che le piccole imprese ricorrano ad altre fonti di finanziamento: i finanziamenti parabancari, che sono il leasing e il factoring
LEASING
Il leasing è un contratto atipico ( non previsto dal codice civile) con cui l’azienda concede in locazione a un’altra un bene strumentale dietro pagamento di canoni periodici per un determinato periodo di tempo. Alla scadenza del contratto, l’azienda che ha preso il bene in locazione può acquistare il bene pagando un prezzo di riscatto, restituirlo o sostituirlo con un altro.
Il leasing può essere:
• OPERATIVO (due soggetti: Produttore (società di leasing) Azienda utilizzatrice)
• FINANZIARIO (tre soggetti: Produttore, Società di Leasing, Azienda utilizzatrice)
• SALES & LEASE BACK (due soggetti: Impresa utilizzatrice, Società di leasing)
L’impresa vende un bene di sua proprietà alla società di leasing, poi lo riprende contestualmente (immediatamente) in locazione, di conseguenza ne mantiene l’uso e la capacità produttiva. Inoltre con l’incasso della vendita accresce le proprie disponibilità liquide.

1 L’impresa utilizzatrice vende il bene alla società di leasing
2 La società di leasing paga il prezzo del bene alla vendita
3 La società di leasing da il locazione all’impresa utilizzatrice il bene
4 L’impresa utilizzatrice paga i canoni leasing alla società di leasing
ASPETTI FISCALI
Art 67 TUIR : I canoni leasing sono deducibili fiscalmente se la durata del contratto è superiore alla metà del periodo d’ammortamento del bene.
DEDUCIBILE = Si può mettere tra i costi di conseguenza renderà l’utile inferiore (meno utile = meno imposte)
FACTORING
Il factoring è un contratto atipico (non previsto dal codice civile) attraverso il quale un azienda cede i propri crediti a una società di factoring, che si incarica di riscuoterli.
Ci sono due tipi di factoring:
1. CONVENTIONAL FACTORING (operazione di smobilizzo)
In cui ci sono due possibilità:
• Pro solvendo: con rivalsa, l’azienda e il debitore sono coobbligati (rischio dell’azienda) commissione più bassa
• Pro soluto: senza rivalsa, l’azienda non ha responsabilità se il debitore non paga (rischio del factor) commissione più alta
La società di factoring paga subito l’azienda trattenendo uno sconto e una commissione, poi si farà pagare dal debitore.
2. MATURITY FACTORING (operazione di gestione)
La società di factoring si occupa di gestire i crediti ma non anticipa denaro all’azienda, alla riscossione del credito versa il denaro all’azienda trattenendo una commissione.

Esempio