Contabilità per centri di costo

Materie:Appunti
Categoria:Economia
Download:240
Data:18.10.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
contabilita-centri-costo_2.zip (Dimensione: 4.34 Kb)
trucheck.it_contabilit+     23.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

II. RIBALTAMENTO DEI COSTI DEI CENTRI AUSILIARI (ED EVENTUALMENTE FUNZIONALI) SUI CENTRI PRODUTTIVI

Una volta che i costi dei vari fattori produttivi sono stati imputati ai rispettivi centri, occorre tener presente che i centri ausiliari operano in funzione dei centri produttivi, a cui prestano i propri servizi. Pertanto l’operazione successiva da compiere consiste nell’imputare o ribaltare i costi dei centri ausiliari ai centri produttivi. I criteri di imputazione dei costi dei centri ausiliari ai centri produttivi sono molteplici, cioè variano a seconda della prestazione che i primi svolgono favore dei secondi.
➢ misurando direttamente i servizi resi dai centri ausiliari ai centri produttivi mediante un’appropriata unità di misura di tali servizi;
➢ in modo indiretto, in proporzione all’attività svolta dal centro utente, opportunamente misurata, oppure in base d altri parametri, sempre relativi a qualche carattere del centro utente.

OFFICINA MANUTENZIONE
Si ottiene un coefficiente orario di costo relativo al centro manutenzione facendo:
TOTALE COSTI MENSILI DEL CENTRO/TOTALE ORE SCHEDE MANUTENZIONE =
COEFFICIENTE ORARIO DI COSTO
Tale coefficiente orario verrà poi moltiplicato per le ore impiegate presso ciascun centro utente.

CENTRALE ELETTRICA
Il totale dei costi mensili di competenza può essere ripartito fra i centri utenti in base a:
POTENZ INSTALLATA x ORE DI FUNZIONAMENTO

CENTRALE TERMICA
Il costo mensile può essere ribaltato sui centri utenti in base ai metri cubi occupati dagli stessi.

CONTROLLO QUALITA’
Criterio uguale per l’officina manutenzione tranne nel caso si tratti di controllo che riguardi uno specifico prodotto, nella quale ipotesi l’addebito avviene direttamente al prodotto.

TRASPORTI INTERNI
Si adottano dei criteri empirici, come ad esempio in proporzione alle ore di mano d‘opera diretta dei centri serviti.
UFFICIO TEMPI E METODI
I costi di funzionamento di tale centro sono imputabili su basi “oggettive” se si è in grado di rilevare le ore spese dagli impiegati per lo studio dei tempi e dei metodi nei centri produttivi utenti.

Per quanto concerne i centri funzionali, essi transitano per i centri produttivi (ed eventualmente ausiliari), prima di arrivare ai prodotti. Nella logica della determinazione del costo pieno di prodotto secondo criteri causali, il ribaltamento in questione è accettabile se i centri funzionali prestano ai centri produttivi dei servizi in qualche modo misurabili.
➢ Dopo aver ribaltato i costi dei centri ausiliari (e funzionali) sui centri produttivi, restano aperti solo questi ultimi (ed i centri funzionali non ribaltati). Il documento su cui viene riportata l’entità dei costi del periodo suddivisa per voce di costo e per centro è una tabella a doppia entrata che sintetizza tutte le operazioni compiute finora ed evidenzia alla fine i costi di competenza dei centri produttivi e dei centri funzionali. Tale documento è chiamato QUADRO ANALISI COSTI.

Esempio