Calcolo dei coefficienti unitari di costo

Materie:Appunti
Categoria:Economia

Voto:

1.5 (2)
Download:249
Data:18.10.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
calcolo-coefficienti-unitari-costo_1.zip (Dimensione: 4.1 Kb)
trucheck.it_calcolo-dei-coefficienti-unitari-di-costo.doc     22.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

III. QUANTIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE DEI CENTRI E CALCOLO DEI COEFFICIENTI UNITARI DI COSTO

Si considerano i costi localizzati ai centri come una entità unica, che viene divisa per il volume di produzione del centro, dando origine ad un costo unitario di centro. Tale costo o coefficiente unitario verrà quindi impiegato per l’imputazione dei costi ai vari prodotti lavorati nel centro. L’imputazione ai prodotti dei costi dei centri produttivi può essere scomposta in due fasi:
1) calcolo dei coefficienti unitari di costo di ciascun centro;
2) determinazione del costo di trasformazione di ciascun prodotto, moltiplicando i coefficienti di costo per il numero di volte che l’unità di misura usata è contenuta nel prodotto in questione.

COEFFICIENTE DI COSTO CENTRO XY = TOTALE COSTI IMPUTATI A XY/QUANTITA’ DI PRODUZIONE XY

Quella che è stata denominata quantità di produzione di un centro deve essere espressa da un’unità di misura tale da assicurare non solo la disponibilità di indici unitari di costo del centro, ma anche e soprattutto il rispetto del principio causale in sede di attribuzione dei costi dei centri di prodotti.
Spesso la quantificazione avviene in base ai tempi (uomo o macchina). Tuttavia occorre precisare che questi possono essere:
• effettivi;
• assegnati.
I tempi assegnati sono dati dai tempi unitari standard per la quantità effettiva di produzione, cioè:
H = ore assegnate o “prodotte” dal centro;
TAi = tempo assegnato per 1 unità del prodotto i nel centro di costo in esame;
ni = numero di unità realizzate del prodotto i;

H = Σ TAi ni = TA1 n1 + TA2 n2 +…….+ TAp np

Il tempo assegnato deriva da rilevazioni effettuate dal servizio tempi e metodi e presuppone quindi un’adeguata organizzazione dell’impresa; permette di svincolare la quantificazione della produzione da inefficienze contingenti.

Esempio