Aspetti economici e finanziari del franchising

Materie:Appunti
Categoria:Economia

Voto:

2 (2)
Download:401
Data:19.01.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
aspetti-economici-finanziari-franchising_1.zip (Dimensione: 4.73 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_aspetti-economici-e-finanziari-del-franchising.doc     28 Kb



Testo

ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI

L’azienda affiliante solitamente fornisce delle ipotesi di bilancio e di conto economico, e stima quelli che probabilmente saranno i costi e i profitti del futuro affiliato che dovrà naturalmente verificare attentamente.
I costi di avviamento indicati dall’azienda affiliante non si possono accettare a scatola chiusa. Bisogna infatti valutare attentamente il denaro necessario, includendovi i costi per entrare a far parte del sistema del franchising e aprire il punto di vendita, i costi di esercizio per il primo anno, e il denaro necessario per un ulteriore anno di spese personali. Molte piccole aziende falliscono nei primi tre anni di attività, molti di questi fallimenti sono dovuti al fatto che si sono sottostimati i costi e i sovrastimati ricavi. Di solito i punti vendita affiliati vanno meglio di quelli indipendenti. Anche in questo caso occorre più di un anno prima di giungere a produrre veri e propri profitti.
Vediamo alcune delle aree di spesa dell’affiliato.
➢ diritto di entrata, cioè quanto l’affiliato paga per il diritto di utilizzare il nome del sistema di franchising e di gestire la propria attività sotto la sua insegna. Alcune aziende affilianti lo rimborsano se il punto di vendita affiliato raggiunge o supera il giro d’affari minimo.
➢ ulteriori costi relativi al punto di vendita, merci, materiali per le opere edilizie.
➢ Servizi, consulenza e assistenza iniziale da parte di esperti.
➢ attrezzature e impianti, mobili e attrezzature commerciali.
➢ Dipendenti, stipendi del personale.
➢ Royalty, contribuzioni periodiche all’azienda affiliante.
➢ altri costi, assistenza medica, assicurazioni, imposte.
Con tutta probabilità, da zona a zona vi saranno variazioni sia nei costi che nei ricavi, in quanto le stime fornite non rappresentano valori reali specifici, ma valori medi. La stima più difficile da fare è quella delle proprie spese personali. Bisogna dunque bene esaminarle e annotarsi mese per mese quanto si spende per le cure mediche, per l’abbigliamento, per il vitto, per i divertimenti, e così per tutte le altre spese. Questi dati diranno di quanto denaro si deve disporre per sostenere le spese mensili correnti e per evitare il fallimento. Conoscendo l’ammontare delle proprie spese, bisogna cercare di calcolare quanto si sarà in grado di ricavare. La propria azienda sarà in grado di svilupparsi? Se la risposta è negativa, allora significa che si sta prendendo in considerazione l’attività sbagliata.

QUANTO COSTA AFFILIARSI

Come si fa ad affrontare i costi necessari per aderire ad un sistema di franchising? A prima vista può sembrare semplice, ma ci sono alcuni ostacoli da superare, a meno che non si abbia già tutto il denaro necessario. Si può avere l’impressione che reperire il denaro necessario per avviare un punto di vendita affiliato non sia così difficile come nel caso di un’attività indipendente. In molti casi questo è vero. Se si tratta di sistemi di franchising affermati, infatti, i funzionari dell’istituto di credito interessato hanno perlomeno dei punti di riferimento su cui basare i propri esami, controlli e ricontrolli. Il sistema di franchising affermato può così aprire all’affiliando molte porte che indubbiamente non gli sarebbero aperte se non avesse dietro le spalle quell’organizzazione affiliante. Inoltre, alcune aziende affilianti sono disponibili a finanziare direttamente parte del fabbisogno finanziario dell’affiliato. Altre aiutano anche a predisporre dei “pacchetti” dei finanziamenti su misura dell’affiliato. Tuttavia, nella maggior parte dei casi l’azienda affiliante lascia all’affiliato almeno una parte di questo seccante lavoro. E in molti casi gli chiede anche di versare in contanti una quota considerevole dei costi iniziali di avviamento. La prima cosa da fare è appurare quanto costa aderire al sistema di franchising in questione. I costi per avviare un’attività in franchising variano molto di caso in caso. In questo calcolo è compreso innanzitutto il diritto di entrata, poi i costi di avviamento dell’attività, infine ci sono molte altre spese, che variano a seconda del genere di attività.
COME TROVARE IL DENARO NECESSARIO

Come si può fare, allora, a reperire il denaro necessario? Innanzitutto bisogna disporre di una certa somma in contanti che varia a seconda del genere di attività. La maggior parte delle aziende affilianti preferisce che i propri affiliati investano nella propria attività una buona parte delle loro disponibilità finanziarie. Naturalmente, i parenti vanno considerati alla stessa stregua di ogni altro finanziatore. Anche l’azienda affiliante può aiutare l’affiliato nel finanziamento della sua nuova attività, però, più che a concedere direttamente un prestito, può servire come valida referenza per ottenerlo da una banca, o da altre fonti di credito. Prima che l’affiliato si rechi dai funzionari della propria banca, l’affiliante gli fornirà alcuni documenti di molto effetto perché non è soltanto l’affiliato ed essere esaminato, ma anche l’intera organizzazione di franchising.

Esempio



  


  1. laura

    economia del marocco