S.p.A

Materie:Appunti
Categoria:Economia Aziendale

Voto:

1.5 (2)
Download:154
Data:24.01.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
risorsa-archivio_18.zip (Dimensione: 8.58 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_spa.doc     42 Kb



Testo

Per essere legalmente costituita deve essere iscritta.
• Chi chiede di conferire denaro, deve obbligatoriamente versare il 25% di quanto si è impegnato a versare, in un conto bancario vincolato.Si chiama vincolo di fatto perché il vincolo decade quando è avvenuto un certo fatto, cioè la regolare iscrizione, oppure quando l’azienda non viene iscritta.
• Chi invece decide di versare beni, deve consegnare una promessa di cessione del bene e accompagnare questa promessa con una perizia che ne stabilisce il valore.La perizia si fa quando l’azienda si sottoscrive e il perito è nominato dal socio.
Quando l’azienda si sottoscrive non esiste ancora, esiste solo quando è iscritta.
La valutazione fatta durante la sottoscrizione può essere riverificata entro 4/6 mesi dalla stessa, da un secondo perito nominato dalla società.
AZIONI Perché i documenti che compongono il capitale sociale sono
azioni.
• Ordinarie: sono quelle che devono essere presenti in tutte le S.p.A., rappresentano il capitale di comando, infatti i proprietari di queste azioni possono partecipare e votare in tutte le assemblee.
• Privilegiate: azioni che danno diritto ai proprietari di essere retribuiti prima delle azioni ordinarie(misura fissa dello stato). Questo privilegio ha una contropartita, hanno il vantaggio di essere retribuiti prima, ma hanno il divieto (i proprietari di questa azioni) di partecipare e votare nelle assemblee ordinarie, non sono neanche convocati.
• Di risparmio: categoria riservata a persone che vogliono risparmiare nel proprio patrimonio e che quindi non hanno interesse a gestire l’azienda, non possono votare in nessuna assemblea.
Sono i primi ad essere retribuiti anche prima di quelli privilegiati, lo stato li privilegia per il risparmio degli utili, sono quelli che prendono di più e se un anno non prendono il dividendo, possono recuperarlo entro i due anni successivi.Lo stato garantisce un dividendo minimo del 5% del valore nominale con una differenza di almeno del 2% dagli altri.
• Di lavoro: vendono date per incentivare i lavoratori a fare sempre meglio, e danno loro diritto a ricevere una piccola fetta degli utili.
• Di godimento: vengono riservate ai soci che per motivi aziendali vengono eliminati dall’azienda. Sono azioni che hanno validità limitata negli anni e che garantiscono un minimo di dividendo per la durata delle azioni.

Simultanea: cioè al momento di presentarsi davanti al notaio i soci ci sono già.
Successiva: si ha quando c’è l’idea di fare la società però i soci per fare questa società non ci sono.
In questo caso si va dal notaio e si sottoscrive un “Patto di sottoscrizione” nel quale noi diciamo cosa vogliamo fare, che tipo di società siamo, qual è il capitale sociale….e chiediamo a qualcuno se si vuole associare, questi che sottoscrivono questo patto si chiamano soci sottoscrittori, quelli che fanno questo contratto sono soci promotori.
La S.p.A. non esiste se non è regolarmente iscritta.
Nel contratto oltre alle solite cose, ci devono essere due caratteristiche:
• Valore nominale delle azioni
• Caratteristiche delle azioni
I soci non sono obbligati a organizzare l’azienda, può esserci anche una persona esterna.
Assemblea dei soci Organo volitivo
Consiglio di amministrazione, sempre dispari Organo amministrativo
Collegio sindacale, ha il compito di vegliare sulla legalità dell’azienda
Organo di controllo
La costituzione da origine ad un conto dei soci:
AZIONISTI C\ SOTTOSCRIZIONE (D)
Per il versamento del 25% del capitale sottoscritto in contanti
BANCA C\ VINCOLATO (D)
AZIONISTI C\ SOTTOSCRIZIONE (A)
Dopo la costituzione si svincola il c\c bancario
BANCA C\C (D)
INTERESSI ATTIVI (A)
BANCA C\ VINCOLATO (A)
Gli amministratori possono chiedere il versamento immediato del resto del 25 %, o chiederlo più avanti quando ne avranno bisogno.
AZIONISTI C\ VERSAMENTI RICHIESTI (D)
AZIONISTI C\ SOTTOSCRIZIONI (A)
Entro 6mesi viene data una valutazione ai beni inseriti all’interno dell’azienda, se il bene di un socio venisse svalutato, lui può decidere se reintegrare con i propri soldi la differenza o usare il proprio capitale sociale diminuendolo, oppure ritirarsi.
AZIONISTI C \ SOTTOSCRIZIONI
AZIONISTI C \ REINTEGRI

Lo stato ha stabilito che di tutti gli utili accumulati durante l’anno, una parte viene data agli azionisti e l’altra va a formare la riserva obbligatoria legale, la parte dell’utile che si deve versare è del 5% e rimane obbligatoria finche la riserva non ha raggiunto 1/5 del capitale sociale, questi soldi non si devono toccare, vengono utilizzati solo per i debiti.
Le riserve obbligatorie sono due: Legale, cioè fatta dalla legge.
Statutaria, cioè fatta dallo statuto.
Riserva straordinaria:può verificarsi al momento della ripartizione degli utili.
Serve per coprire le spese di costituzione e di impianto ancora da ammortizzare.
Questa riserva diminuisce di anno in anno, finche le spese non sono state ammortizzate.

Il dividendo, ossia la quota di utili che compete agli azionisti, che è uguali per tutti quelli che appartengono alla stessa categoria.
Il dividendo deve essere arrotondato per difetto.La parte che non viene divisa e data ai soci rimane alla società e verrà ripartita il prossimo anno.
Capitale Sociale 600.000
Azioni 120.000
Spese impianto 15.000
1°anno U.E. 30.000
Riten. leg. 5% 1.500
28.500
Ris.Straord. 15.000
13.500 Utile da ripartire
Dividendo unitario
13.500/120.000 = 0.11 per azione
0.11 * 120.000 = 13.200
13.500 – 13.200 = 300 Soldi che rimangono in azienda e che verranno dati ai
soci l’anno prossimo.
2° anno
Spese di impianto sono diminuite perché per un anno sono già state ammortizzate quindi:
15.000(1° anno) / 4 = 3.750 (la quota di ammortamento)
15.000 – 3.750 = 11.250
+ avanzo utili del 1°anno = 300
U.E. 35.000
-Rit.leg 5% 1.750

33.250
+Ris.stra.disp 3.750

37.000
+ avanzi utili 300
37.300
Dividendo unitario
37.300/120.000 = 0.31 (dividendo)
0.31 * 120.000 = 37.200
37.300 – 37.200 = 100 avanzo utile

Esempio