BILANCIO DELL'INTANGIBILE

Materie:Tema
Categoria:Economia Aziendale

Voto:

1 (2)
Download:279
Data:30.01.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
bilancio-intangibile_1.zip (Dimensione: 5.77 Kb)
trucheck.it_bilancio-dellr     26.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

TEMA: BILANCIO DELL’INTANGIBILE

L’informativa che deriva dal bilancio ha l’obbligo di fornire una rappresentazione della realtà sotto i diversi profili economico, patrimoniale e finanziario. Ha lo scopo di “fotografare” in un dato momento la composizione degli elementi dell’attivo e del passivo e di rilevare i costi e ricavi sostenuti dall’impresa. Nonostante ciò non sempre i valori sono sufficienti per dare una valutazione del dinamismo aziendale. Per questo motivo ci si chiede se il bilancio d’esercizio è in grado di offrire tutte le informazioni relative all’impresa, necessarie agli stakeholders. Ad esempio un brevetto prodotto interamente o l’insieme delle conoscenze del personale sono elementi che non si trovano espressamente in bilancio, ma che contribuiscono alla formazione del risultato economico d’esercizio. Questi elementi privi di materialità che non sono facilmente identificabili nel loro complesso contribuiscono a formare il concetto di intangibile. La rappresentazione di questi elementi nel bilancio sono previsti nell’attivo dello stato patrimoniale tra le immobilizzazioni immateriali e l’iscrizione è consentita solo se si tratta di elementi intangibili nati da operazioni del passato che daranno benefici economici futuri, se l’utilizzo è controllabile dall’impresa e se il valore è misurabile in modo attendibile. La determinazione dei benefici futuri può avvenire considerando i costi sostenuti per ottenere il bene o attraverso l’osservazione di scambi con oggetto beni simili. Pertanto non è possibile iscrivere beni difficilmente identificabili e dei quali sia difficile assegnare il valore ad esempio le risorse generate internamente per le quali non si è sostenuto nessun costo per l’acquisizione. L’idea di rappresentare gli intangibili, nasce nella necessità di dare informazioni aggiuntive e non puramente contabili.
Il “patrimonio intangibile” e il “capitale intellettuale” hanno lo stesso significato. Il “capitale intellettuale “ è importante nella valutazione d’impresa e per ottenere una stima attendibile del suo valore. E’ composto da:
capitale umano: cioè l’insieme delle persone che fanno parte dell’organizzazione. Si tratta dell’insieme delle conoscenze, capacità che portano il personale ad essere un elemento di successo nell’azienda. L’apporto dei lavoratori è legato agli stimoli e alle motivazioni di ciascuno. L’analisi del capitale umano prevede l’elaborazione di 11 indicatori suddivisi tra indicatori di performance e di stabilità. La periodicità di calcolo è annuale o trimestrale e gli indicatori più importanti sono:
- indice di policompetenza: esprime le competenze possedute oltre le mansioni assegnate. È un elemento di flessibilità che segnala in che misura gli operatori di produzione possiedono competenze oltre la normale postazione di lavoro.
- indice di polivalenza: esprime la capacità di adattamento in diverse prestazioni di lavoro. E si tratta di un indicatore di solidità.
- indice di scolarità dei dipendenti o anzianità aziendale media dei dipendenti: danno la percezione della crescita dell’azienda.
- indice di soddisfazione dei dipendenti o turnover del personale: mostrano la stabilità dell’azienda.
capitale strutturale: è il riflesso del capitale umano all’interno dell’organizzazione. Tutto quello che migliora l’organizzazione, la cultura aziendale e l’innovazione aumenta il valore dell’impresa. E’ soggetto a un monitoraggio frequente, ad eccezione del corporate image dipendenti che viene rilevato con cadenza biennale, gli altri dati sono calcolati con cadenza trimestrale. Il corporate image dipendenti permette di capire l’organizzazione, l’unione e attenzione ai dipendenti.
capitale relazionale: è costituito dai rapporti intrattenuti con gli stakeholders. A differenza degli altri due tipi di capitale che riguardavano l’interno dell’azienda, questo fattore riguarda l’esterno. Gli indicatori che riguardano il capitale relazionale sono 6 e sono rilevati per la maggior parte a cadenza annuale. L’analisi di questi indicatori permette di capire la posizione dell’azienda nei confronti della propria clientela. E a questo proposito il corporare image clienti è un importante punto di riferimento. Il parere chiesto al cliente va oltre al giudizio del prodotto offerto, si riferisce anche all’innovazione, attenzione alle esigenze di mercato e efficienza; l’immagine aziendale è influenzata dalla customer satisfaction cioè soddisfazione del cliente.
Redigere il bilancio dell’intangibile periodicamente è vantaggioso perchè permette di identificare misurare e gestire le risorse immateriali con sistematicità. La valutazione del patrimonio intangibile avviene mediante l’utilizzo di metodi indiretti tipo la differenza tra il valore di mercato assegnato all’azienda e il suo valore di libro, in quanto applicare ad esempio il costo storico sarebbe più difficile.
Prendiamo in esame La Brembo S.p.a che è un’azienda leader mondiale nei sistemi frenanti per auto e moto ad elevati prestazioni e per veicoli commerciali. Nel 2004 ha steso il primo bilancio dell’intangibile. Per questo tipo di bilancio non avendo riferimenti normativi riguardo la forma e il contenuto è importante l’analisi della singola realtà. Questa libertà è un vantaggio perchè consente di rispondere alle esigenze di ciascuna impresa però è anche uno svantaggio perché limita la comparabilità dei documenti in quanto i dati delle aziende potrebbero essere esposti in maniera differente. La scelta di affiancare al bilancio d’esercizio il bilancio dell’intangibile da la possibilità alla Brembo di garantire ai suoi investitori una maggiore trasparenza del suo operato. Gli indicatori inseriti nel bilancio sono di performance se danno la dimensione della solidità del posizionamento di mercato mentre sono di continuità se danno la dimensione delle potenzialità di crescita futura. I dati che sono riportati nel bilancio fanno riferimento agli ultimi tre esercizi e viene messa in evidenza così il trend. L’indagine se è possibile viene condotta internamente, altrimenti viene assegnata a società esterne che assegnano un punteggio all’interno di una scala di valori.
In conclusione si può dire che tutti i risultati ottenuti dagli indicatori possono portare miglioramenti da un punto di vista organizzativo - gestionale e anche da un punto di vista della competitività aziendale. La scelta della Brembo S.p.a. di pubblicare il bilancio dell’intangibile, ha esposto l’azienda a un’esposizione maggiore nei confronti dell’esterno però avendo tutti i dati dell’intangibile positivi si può notare come quest’ impresa ha curato e utilizzato al meglio il suo capitale intellettuale.
Quindi le imprese devono capire come il patrimonio di conoscenza possa essere gestito e valorizzato; e la stesura del bilancio d’intangibile potrebbe essere un’ inizio.

Esempio



  



Come usare