Opere di urbanizzazione

Materie:Riassunto
Categoria:Disegno
Download:127
Data:14.11.2005
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
opere-urbanizzazione_1.zip (Dimensione: 6.67 Kb)
trucheck.it_opere-di-urbanizzazione.doc     29 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

urbanistica:si configura come la scienza che sovrintende all’uso del territorio con lo scopo di assicurare un ordinato svolgimento della vita sociale delle comunità.
Le finalità che l’urbanistica persegue sono alla base della sua importanza ma anche delle sue difficoltà. Infatti esse presuppongono l’accettazione del principio della solidarietà sociale, cioè della prevalenza dell’interesse collettivo su quello strettamente individuale. Soltanto l’intervento dello stato è in grado di porre limitazioni e vincoli agli interessi dei singoli cittadini allo scopo di soddisfare le esigenze collettive. Per questa ragione lo sviluppo pratico e scientifico dell’urbanistica è sempre stato condizionato dalle strategie politiche e dagli interessi economici: ciò nulla toglie all’autonomia tecnica e culturale dell’urbanistica, ma aiuta a spiegare le ragioni dei suoi successi e delle sue sconfitte.
X programmazione si intende un insieme previsioni coordinate da realizzarsi secondo piani prestabiliti.
La pianificazione urbanistica ha il compito di organizzare tecnicamente un determinato territorio al fine della sua razionale utilizzazione in sintonia con le previsioni di sviluppo economico e sociale. questo processo si articola in 3 fasi:
_fase conoscitiva consiste nell’analisi del territorio da pianificare attraverso lo studio dei fatti e dati fisici, storici, demografici, economici e sociali ecc. che concorrono a caratterizzarlo;
_fase programmatica traduce le conoscenze acquisite in valutazione dei bisogni concreti e definizione del programma di intervento. ciò avviene spesso attraverso mediazioni fra previsioni ideali e situazioni oggettive;
_fase progettuale individua gli strumenti operativi necessari alla realizzazione dei programmi formulati.
Il concetto di standard urbanistico è entrato nella prassi italiana attraverso il DM n1444/1968 che stabilisce le quantità minime di aree per servizi da introdurre negli strumenti urbanistici generali.

Opere di urbanizzazione:
_primaria:-strade urbane a servizio dell’insediamento e/o quartiere;-parkeggi pubblici e spazi sosta nella misura complessiva d 3m2 per abitante convenzionale insediabile:-fognature e impianti di depurazione;-sistema d distribuzione acqua,elettricità,gas e tel;-pubblica illuminazione;-verde attrezzato di 6 m2 per abitante convenzionale insediabile;-allacciamenti a pubblici servizi non aventi carattere generale ma al diretto servizio degli insediamenti;-reti infrastrutturali per telecomunicazioni ed informatike e installazione di cavidotti per reti di telecomunicazione ai sensi della art40della L.n166/2002. _secondaria:-strade urbane,di scorrimento e penetrazione,strade extraurbane;-asili nido,scuole materne e dell’obbligo nella misura complessiva di 6 m2 per abitante conv insed;-mercati d quartiere,delegazioni comunali,centri civici e sociali,attrezzature culturali e sanitarie d quartiere d2,8m2x abit conv insed;-chiese e altri edifici x servizi religiosi d1,2m2x abit conv insed;-spazi pubblici attrezzati a parco e x lo sport d10m2x abit conv insed;-parkeggi pubblici d1m2xabit conv insed.

PianoTerritorialeRegionale PTR è lo strumento programmazione cn il quale la regione definisce gli obiettivi x assicurare lo sviluppo e coesione sociale,accrescere la competitività del sistema territoriale regionale,garantire la riproducibilità, la qualificazione e la valorizzazione delle risorse sociali e ambientali.
PianoTerritorialePaesisticoRegionale PTPR costituisce parte tematica del PTR avente specifica considerazione dei valori paesaggistici,ambientali e culturali del territorio regionale;provvede all’individuazione delle risorse storiche,culturali,paesaggistiche e ambientali del territorio regionale ed alla definizione della disciplina x la loro tutela e valorizzazione.
PianoTerritorialeDiCoordinamentoProvinciale PTCP è lo strumento d pianificazione ke definisce l’assetto del territorio cn riferimento agli interessi sovracomunali,esso recepisce gli interventi definiti a livello nazionale e regionale e individua ipotesi d sviluppo dell’area provinciale.
PianoStrutturaleComunale PSC
È lo strumento d pianificazione urbanistica generale predisposto dal comune x delineare le scelte strategiche d assetto e sviluppo e x tutelare l’integrità fisica ed ambientale e l’identità culturale dello stesso. Il PSC fissa i limiti e le condizioni d sostenibilità degli interventi e delle trasformazioni pianificabili; individua le infrastrutture e le attrezzature d mag rilevanza x dimensione e funzione; classifica il territorio comunale in urbanizzato,urbanizzabile e rurale; definisce le trasformazioni ke possono essere attuate attraverso intervento diretto.
RegolamentoUrbanisticoEdEdilizio RUE
Contiene la disciplina generale delle tipologie e delle modalità attuative degli interventi d trasformazione nnkè delle destinazioni d’uso. IlRUEdisciplina:-le trasformazioni negli ambiti consolidati e nel territorio rurale;-gli interventi diffusi sul patrimonio edilizio esistente sia nel centro storico sia negli ambiti da riqualificare;-gli interventi negli ambiti specializzati x attività produttive.
PianoOperativoComunale POC
È lo strumento urbanistico ke individua e disciplina gli interventi d tutela e valorizzazione,d organizzazione e trasformazione del territorio da realizzare nell’arco temporale d5anni. Il POC contiene x gli ambiti d riqualificazione e x i nuovi insediamenti:-delimitazione,assetto urbanistico,destinazioni d’uso,indici edilizi;-modalità d attuazione degli interventi trasformazione,nnkè d quelli d conservazione;-definizione delle dotazioni territoriali da realizzare o riqualificare e delle relative aree,nnkè gli interventi d integrazione paesaggistica;-localizzazione delle opere e dei servizi pubblici e d interesse pubblico.

Procedimento Di Approvazione la giunta regionale elabora1documento preliminare ke individua gli obiettivi strategici d sviluppo del sistema economico e sociale ke s intendono perseguire e lo trasmetto al consiglio regionale,alle province e ai comuni. X1esame congiunto del documento preliminare,ciascuna provincia convoca,entro 30 gg dal ricevimento d questo documento,1conferenza d pianificazione chiamando a parteciparvi,assieme alla regione,comuni e comunità montane e gli altri enti locali del territorio.Entro30gg dalla conclusione della conferenza,la provincia esprime le proprie osservazioni e proposte rispetto al documento preliminare e riferisce in merito a quelle formulate dagli enti partecipanti alla conferenza e dalle associazioni economiche e sociali. L’avviso è pubblicato su almeno1quotidiano a diffusione regionale e la regione può attuare ogni altra forma d divulgazione ritenuta opportuna. Entro la scadenza del termine d deposito possono formulare osservazioni e proposte i seguenti soggetti:-enti e organismi pubblici;-associazioni economiche e sociali e quelle costituite x la tutela d interessi diffusi;-i singoli cittadini nei confronti dei quali le previsioni del piano adottato sn destinate a produrre effetti diretti. Il piano entra in vigore dalla data d pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione dell’avviso d approvazione.
Supporti Teorici:sn quelli forniti dall’ampio patrimonio culturale e storico su cui poggia la disciplina urbanistica.
Supporti Giuridici:sn quelli forniti dalla legislazione d carattere urbanistico in vigore nel nostro paese,nnkè dalla giurisprudenza ke s è andata formando sull’argomento.
Supporti Tecnici s possono individuare:
a)nella cartografia alle varie scale,ke viene utilizzata sia x ricavare1serie d dati e informazioni sia cm supporto x le indicazioni progettuali;
b)nel processo informativo,cioè nelle operazioni attraverso le quali s rilevano i fatti e i dati concernenti gli aspetti fisici del territorio,la dinamica demografica,la situazione abitativa,la struttura dell’apparato produttivo,l’uso del suolo,le condizioni e l’estensione della rete infrastrutturale primaria e del sistema delle attrezzature e dei servizi.

Esempio



  



Come usare