Fonti del diritto e la loro abrogazione

Materie:Appunti
Categoria:Diritto
Download:186
Data:16.03.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
fonti-diritto-loro-abrogazione_1.zip (Dimensione: 3.8 Kb)
trucheck.it_fonti-del-diritto-e-la-loro-abrogazione.doc     22.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

“Fonti del diritto e la loro abrogazione”

Sono quei documenti dai quali noi ricaviamo l’esistenza delle norme giuridiche. Sono presenti in numero elevato, sono tutte diverse tra loro e sono ordinate secondo una scala gerarchica, cioè secondo il grado d’importanza.

1° La Costituzione, è la legge più fondamentale.

2° Le Normative Comunitarie, rivestono un ruolo molto importante nei paesi che sono membri dall’UE. Si dividono in regolamenti comunitari e le direttive comunitarie che sono emanate direttamente dalla UE. Le prime entrano in vigore in ogni stato membro cosi come sono. Invece le seconde sono indicazioni di finalità che ogni stato membro deve raggiungere e questo lo Stato è libero di scegliere lo strumento normativo che preferisce. In lo Stato italiano ha scelto il decreto legislativo.

3° La Normativa Primaria nazionale, si divide in:
- Leggi, parliamo di atti emanati dal Parlamento che entrano in vigore dopo 15 giorni dalla loro pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”.
- Decreti legge, sono emanati dal Governo in casi di necessità e urgenza. Debbono essere convertiti in legge entro 60 giorni da parte del Parlamento altrimenti perdono validità.
- Decreti legislativi, sono emanati dal Governo a delega del Parlamento ed entra in vigore il giorno successivo dalla loro pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”.

4° Le leggi regionali, non potranno mai andare a contrastare le norme nazionali. Ovviamente variano da regione in regione.

5° Le leggi provinciali di Trento e Bolzano, sono due province autonome a statuto speciale e queste leggi valgono soltanto per loro.

6° I regolamenti ministeriali, sono regolamenti che sono applicati all’interno di ogni ministero e riguardano il funzionamento di ognuno di loro.

7° Regolamenti provinciali e comunali.

8° Regolamenti di altri organi della pubblica amministrazione, come quelli di una scuola o di un Istituto Superiore.

9° La Consuetudine, è all’ultimo posto ed è presente in questa scala perché è importante ricordare che tutte le leggi all’inizio erano tramandate oralmente.

Quando due o più norme contengono disposizioni tra di loro contrastanti i criteri da seguire per capire quale bisogna applicare sono il principio gerarchico e il principio cronologico. A parità d’importanza vince la più nuove (principio cronologico). Allora quella vecchia viene abrogata cioè, cancellata.
Un abrogazione può essere:
- Espressa, nella nuova legge viene scritto che la legge vecchia o parti di essa vengono eliminate.

- Tacita, avviene quando la legge vecchia o parti di essa vengono eliminate senza un atto scritto.

- Referendum, il popolo vota se vuole mantenere la legge o vuole che la legge o parti di essa devono essere abrogati (Referendum abrogativo).

- Corte costituzionale, sono dei giudici che devono verificare se tutte le leggi che sono emanate sono costituzionali. Se la legge è anticostituzionale questa viene abrogata.

Esempio