Democrazia

Materie:Appunti
Categoria:Diritto Pubblico
Download:233
Data:26.03.2007
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
democrazia_5.zip (Dimensione: 9.58 Kb)
trucheck.it_democrazia.doc     46 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

..DEMOCRAZIA..
E’ una conquista faticosa dei popoli ed è quindi un processo che non deve mai essere imposto ma deve essere sperimentato dal popolo. Ci deve essere il confronto, il dialogo, il dibattito da cui deve scaturire un compromesso. Nessuno raggiunge la massima soddisfazione perché si deve tener conto anche del resto della collettività. E’ anche il principio dell’alternanza per cui la minoranza di oggi può essere la maggioranza di domani ma è anche assunzione di responsabilità cioè bisogna rendere conto di quello che si fa al popolo. Bisogna considerare le idee di tutti (PRIINCIPIO PLURALISTA), la democrazia è anche partecipazione, coinvolgimento dei cittadini.
La democrazia può essere:
➢ DEMOCRAZIA DIRETTA=> prevede una consultazione del cittadino per ogni decisione che viene presa (non esiste, modello teorico)
➢ DEMOCRAZIA INDIRETTA => i cittadini si esprimono votando dei rappresentanti
Le elezioni possono essere:
➢ POLITICHE => organi dello Stato
➢ AMMINISTRATIVE => enti territoriali
➢ EUROPEE => parlamento europeo
L’elettorato può essere:
➢ PASSIVO => deve rispettare delle condizioni di eleggibilità:
• ETA’;
• GODIMENTO DI DIRITTI CIVILI E POLITICI;
• CITTADINANZA.
Ci sono anche le condizioni di COMPATIBILITA’ che ti permettono di essere eletto.
➢ ATTIVO => eleggere i rappresentanti (gli stranieri comunitari possono solo eleggere i rappresentanti nelle elezioni comunali)
Il corpo elettorale è formato dai cittadini che hanno diritto di voto. Sono estromessi:
➢ Coloro che non hanno la cittadinanza
➢ Coloro che non hanno l’età
➢ Falliti (5 anni)
➢ Coloro che sono stati condannati pesantemente
La democrazia è l’abitudine alla discussione, divisione dei poteri, concetto di pluralismo e rispetto della diversità. Questa società è una veloce evoluzione e tutti devono capire il significato di Democrazia per impedire i luoghi comuni sul suo significato.
Democrazia è anche dibattito e tutte le decisioni che verranno prese non accontenteranno certo tutti, è per questo che è ricerca del compromesso, la democrazia consente sempre un’alternativa al conflitto.
CIRCOSCRIZIONE DELL’ESTERO
Nel 2000una legge costituzionale ha definito la questione dei cittadini all’estero. Le liste sono state modificate e i cittadini all’estero possono votare 12 deputati e 6 senatori attraverso la spedizione del voto o rivolgendosi alle sedi diplomatiche. L’estero corrisponde alle circoscrizioni che vengono considerate le regioni.
Il voto è PERSONALE (non può essere delegato a nessun altro), UGUALE, LIBERO e SEGRETO (è libero perché è segreto e permette di esprimersi liberamente) Votare è prima di tutto un diritto ma anche un dovere civile.
All’epoca del fascismo chi non votava non poteva partecipare ai concorsi pubblici. Non votare può essere l’espressione di disorientamento, l’esternazione di un disagio. Nella SCHEDA NULLA o BIANCA il cittadino il cittadino vota ma questo voto non è valido o non vota, in questi casi gioca a favore della maggioranza che viene consolidata.
..SISTEMI ELETTORALI..
Sono strumenti d’espressione del cittadino. Sono quei meccanismi che consentono di trasformare voti in seggi (posti a sedere in parlamento) e possono essere:
➢ PROPORZIONALE => (collegamento diretto fra cittadino e partito, più semplice) quando i voti vengono trasformati in seggi in modo proporzionale (35% dei voti => 35% di seggi)
➢ MAGGIORITARIO => (collegamento diretto fra cittadino e candidato) in genere attribuisce i seggi in maniera più o meno proporzionale rispetto ai voti ottenuti. I partiti vincenti sono quelli più forti in termini di voti ottenuti e avranno più seggi (60% di voti => 80% di seggi)
1. COLLEGI UNINOMINALI => quegli ambienti elettorali nei quali deve uscire un unico vincitore. Può funzionare a TURNO UNICO (si svolge tutto in un’unica tornata) o a TURNO DOPPIO (e ballottaggio quando c’è una parità tra due candidati, i cittadini sono chiamati a scegliere uno dei due candidati). Questo sistema è abbastanza complesso e deve essere capito bene. I partiti cercheranno di concentrarsi fra loro per riuscire a conquistare il voto, per fare ciò bisogna avere un accordo facendo un programma prima delle votazioni. La conseguenza di ciò è la PERSONALIZZAZIONE DEI PARTITI poiché si vota le persone e non i valori dei partiti..
Nel sistema proporzionale il partito si presenta con una lista di candidati poiché non vi è il collegio uninominale ma quello plurinominale. E’ il partito che decide chi andrà ai seggi. E’ estremamente rappresentativo ed equo.
Il sistema maggioritario non è equo (quindi iniquo) però premia e rafforza il partito al potere. E’ la soluzione per evitare una spaccatura del governo in 2. nel 1993 non è stato subito capito bene poiché non è affatto semplice.
➢ INTERMEDIO => in parte maggioritario e in parte proporzionale (come in Italia). Nelle elezioni amministrative esistono 4 tipi di sistemi elettorali a seconda del numero degli abitanti. In quelle europee è proporzionale mentre in quelle politiche il sistema è maggioritario.
Nelle elezioni della camera dei deputati e del senato il sistema è più o meno simile: SISTEMA MAGGIORIT ARIO più il 25% al SISTEMA PROPORZIONALE.
Nella camera dei deputati ci sono due schede mentre al senato ce ne solo una.
Nella camera: [(26 circoscrizioni) ogni circoscrizione è divisa in collegi uninominali a seconda della densità di ogni circoscrizione]
➢ 1 scheda che si riferisce al sistema maggioritario (75%). C'è solo un candidato per partito.
➢ 1 scheda che si riferisce al sistema proporzionale (25%). Lista dei candidati di un partito.
NEL PROPORZIONALE
La lista può comprendere fino a 113 dei deputati da eleggere.
Se si stabilisce che ad un partito corrispondano un certo numero di seggi, i candidati sono scelti in base all'ordine nella lista (uomini e donne alternati) salvo che ci siano delle preferenze per un candidato.
NEL MAGGIORIT ARIO
C'è un solo candidato per convergere più voti possibili.
Oggi il partito ha ancora un ruolo molto importante; ogni candidato deve essere supportato da delle firme dei cittadini (da 1000 a 4000 in base all'ampiezza delle circoscrizioni); attraverso il partito c'è la sopportazione del candidato (il candidato deve per forza appartenere ad un partito).
Il conteggio viene effettuato su base nazionale; tutti i voti del proporzionale vengono sommati, mentre il maggioritario viene calcolato prima perché esistono dei meccanismi che sono in grado di rafforzare il maggioritario o di dare equità:
➢ SCORPORO PARZIALE => smussa il maggioritario, è un meccanismo che permette ai partiti proporzionali di togliere i voti al maggioritario
➢ PREMIO DI MAGGIORANZA => assegnato al partito che acquisisce la maggioranza dei voti. È un rafforzamento del maggioritario. È un premio costituito da un numero di seggi. Là
dove il proporzionale fallisce, il premio serve per renderlo meno vulnerabile se la situazione è equilibrata.
➢ SBARRAMENTO => è una sogli che i partiti devono superare per entrare a far parte del parlamento. Smussa il proporzionale.
Nel senato c'è una sola scheda sia per il maggioritario che per il proporzionale. Ha 20 circoscrizioni (una per regione). Questa scheda è fatta simile a quella dl maggioritario per la camera dei deputati: candidatura di un deputato o più. Si vota soprattutto per la persona, ma ciò vale anche per il partito. Il conteggio è molto simile a quello della camera dei deputati, ma la base è regionale . Anche qui c' è lo scorporo, ma siccome c' è un'unica scheda il proporzionale è ottenuto sommando tutti i voti scorporando il totale (scorporo totale).
ALTRI STRUMENTI DI DEMOCRAZIA DIRETTA:
➢ DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIV A POPOLARE => una proposta di legge che ha la forma vera e propria della legge (divisa in articoli progressivi e con commi) perché il parlamento non può emendare (modificare), ma solo discuterla e votarla (per articolo e se tutti gli articoli sono stati votati positivamente viene votata interamente perché di solito c'è la possibilità della modifica, mentre qui non c'è). Non può modificarla perché potrebbe svalutare la volontà del popolo.
La proposta deve essere accompagnata da 50.000 firme. È un meccanismo poco usato perché:
1. il cittadino non è in grado di scrivere le leggi;
2. perché passa molto tempo prima che vengano discusse;
3. il parlamento non le approva.
➢ PETIZIONE => è una richiesta scritta molto generica che il cittadino fa all'amministrazione pubblica. Siccome la richiesta è generica non è vincolante ed è quindi flessibile. La petizione si accompagna ad una raccolta di firme, ma tante volte queste firme sono inesistenti, irregolari o firme di minorenni.
La forza della petizione sta nella correttezza con cui si esegue la procedura e nella entità delle firme ottenute
➢ REFERENDUM => è il più importante e consiste nella consultazione diretta dei cittadini che si devono esprimere con un si o con un no. Il referendum può essere:
1. Abrogativo => ha la finalità di abrogare una norma che già esiste e può essere TOTALE o PARZIALE
2. Confermativo => conferma una norma di tenore costituzionale. Se la legge è stata votata a maggioranza qualificata (2/3) è vietato ricorrere al referendum perché sarebbe uno spreco di soldi. Se invece la maggioranza qualificata non c'è, vi è la possibilità di ricorrere al referendum.
3. Consuntivo => ha 10 scopo di consultare la base usata nelle amministrazioni locali. Non è vincolante.
..REFERENDUM ABBROGATIVO..
Per poter chiedere l’intervento di tutta la cittadinanza per una questione di coscienza. Vengono compresi anche i decreti (è vincolante). Abrogare una legge vuol dire creare un vuoto normativo che il parlamento deve colmare seguendo la volontà del cittadino. I partiti svolgono una FUNZIONE EDUCATIVA per il cittadino dicendogli cosa devono fare nel referendum. Il referendum, anche se indetto dal PDR deve essere immediatamente sospeso quando:
1. la norma oggetto del referendum viene modificata in modo sostanziale;
2. elezioni anticipate: qualora ci siano delle scadenze che si accomunano il referendum viene cancellato.
Le fasi del referendum si dividono in:
➢ INIZIATIVA => da 500.000 elettori o da 5 consigli regionali;
➢ RACCOLTA DELLE FIRME => dall’1 gennaio al 30 settembre, la raccolta non può durare per più di 3 mesi. Le firme devono essere autenticate (certi dell’identità della persona che si ha davanti) davanti ad un notaio o chiunque sia nella segreteria del comune. Il partito promuove questa raccolta di firme.
➢ CONTROLLO DELLA CORTE DI CASSAZIONE => (entro il 10 dicembre) controlla la regolarità formale della procedura (numero firme, autenticità, rispetto dei tempi)
➢ CONTROLLO DELLA CORTE COSTITUZIONALE => dice se il quesito è ammissibile o no :
i. Se riguarda una questione tecnica, una porzione dei cittadini, tutta la materia su bilancio e fiscale;
ii. Non devono essere contraddittori i quesiti referendari.
➢ IL PDR INDICE IL REFERENDUM => il referendum viene svolto una domenica tra la metà di aprile e la metà di giugno, possono votare tutti coloro che hanno compiuto 18 anni. E’ previsto un quorum di validità, una percentuale di cittadini che deve votare.
SISTEMA DI VOTO
Il cittadino si esprime con un si o con un no. Nel caso del referendum non votare può avere uno scopo: sperare che non si raggiunga il quorum.
Il lavoro più delicato viene svolto dalla Corte Costituzionale per vedere se il referendum è ammissibile poiché ha anche un grande potere politico

Esempio