Sindrome di Sjogren

Materie:Riassunto
Categoria:Biologia

Voto:

1.5 (2)
Download:99
Data:24.04.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sindrome-sjogren_1.zip (Dimensione: 3.43 Kb)
trucheck.it_sindrome-di-sjogren.doc     20.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Sindrome di Sjogren

Malattia che prende il nome dallo scienziato che la scoprм.
La sindrome di Sjogren (SS) и una malattia autoimmune sistematica a carattere infiammatorio che puт presentarsi in forma isolata, oppure in forma secondaria, in associazione ad altre malattie autoimmuni come l’Artrite Rematoide, il Lupus Eritematoso sistematico o la Sclerodermia.
In entrambi i casi, tuttavia, la caratteristica peculiare della malattia и la progressiva fibrosi delle ghiandole esocrine che si traduce nella classica sindrome sicca i cui cardini sono rappresentati dalla riduzione della secrezione lacrimale (xeroftalmia) e salivare (xerostomia).
Accanto al coinvolgimento delle ghiandole esocrine, la SS puт potenzialmente interessare, perт, qualunque organo e apparato come: la pelle, i polmoni, il cuore, i reni, i muscoli e il sistema nervoso centrale, anche se la frequenza delle complicanze extraghiandolari nei pazienti con SS и eterogenea.
Questa malattia colpisce con netta prevalenza le donne (90%), generalmente intorno ai 50 anni e prevalentemente in menopausa.
Le donne con la SS hanno un alto rischio di concepire figli che potrebbero contrarre il Lupus o avere problemi cardiaci.
Le ghiandole lacrimali e salivari appaiono infiltrate in modo massiccio da linfociti e plasmacellule che sostituiscono via via il tessuto ghiandolare riducendone prima e abolendone poi l’attivitа.
I sintomi principali sono rappresentati da sensazione di corpo estraneo (come sabbia) negli occhi con ridotta lacrimazione, arrossamento e prurito, frequenti infezioni degli occhi, ipersensibilitа alla luce e visione offuscata.
L’interessamento delle ghiandole salivari provoca difficoltа nella masticazione e nella deglutizione dei cibi solidi, carente produzione di saliva che determina secchezza della bocca, cattiva digestione, alterazione del gusto e dell’olfatto e comparsa di carie dentarie a rapida evoluzione.
Spesso sono presenti dolori articolari, problemi di termoregolazione (atrofia delle ghiandole sudorifere) e, raramente, possono verificarsi complicanze renali.
И da ricordare una maggiore comparsa di linfomi (tumori delle cellule bianche del sangue) in soggetti che soffrono di SS. La terapia si basa sull’utilizzo di collirio contenente carbossimetilcellulosa, lacrime artificiali e sull’aumento dell’assunzione di liquidi, inoltre, possono essere utili farmaci immunosoppressori.

Esempio



  



Come usare