Meccanismi di endocitosi

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2.5 (2)
Download:110
Data:08.10.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
meccanismi-endocitosi_1.zip (Dimensione: 57.33 Kb)
trucheck.it_meccanismi-di-endocitosi.doc     77 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

MECCANISMI DI ENDOCITOSI

L’endocitosi è un meccanismo che permette l’importazione di materiali all’interno della cellula per mezzo di vescicole o vacuoli. Ne esistono tre tipi:
1. pinocitosi
2. fagocitosi
3. endocitosi mediata da recettori
PINOCITOSI
Riguarda l’ingresso di sostanze in soluzione. Sono stati studiati tre casi:
• Ameba proteus: la cellula emette degli pseudopodi, protuberanze che alla sommità si invaginano sempre di più fino a formare un canale. Dato che l’ameba vive in ambiente acquoso l’invaginazione si riempie di acqua e soluti. Quando il canale è pieno alcune vescicole si staccano dall’estremità interna di esso e si disperdono nel citoplasma. Le vescicole incontrano i lisosomi pieni di enzimi digestivi e si fondono con essi.
vescicola + lisosoma ⇒ lisosoma secondario ⇒ digestione molecole importate
• Piccole amebe: non formano pseudopodi ma tante piccole invaginazioni della membrana che chiudendosi originano delle vescicole. Esse si fondono tra di loro formando delle vescicole più grandi che si uniscono con i lisosomi. Le cellule animali si comportano come le amebe.
• Paramecium (protozoo ciliato): possiede un’apertura circondata da cilia (citostoma). Le invaginazioni e quindi le vescicole si formano solo lungo il citostoma.
FAGOCITOSI
Riguarda l’ingresso di particelle visibili al microscopio e il meccanismo funziona nello stesso modo della pinocitosi.
ENDOCITOSI DI MACROMOLECOLE MEDIATA DA RECETTORI
Molte glicoproteine sono recettori di superficie cellulare che legano particolari molecole presenti nel fluido extracellulare. Un esempio è rappresentato dall'assorbimento del colesterolo per endocitosi, mediato da recettori che si trovano in particolari zone della membrana dette " fossette rivestite".
La fossetta, che al microscopio elettronico appare come una piccola depressione della membrana, è rivestita, infatti, dalla parte del citoplasma da proteine, una delle quali detta clatrina forma una rete. Il colesterolo che deve entrare nella cellula forma un complesso con le proteine, detto LDL (lipoproteine a bassa densità).
Ogni complesso consiste di circa 1500 molecole di colesterolo incapsulate da un doppio strato lipidico, che contiene molte copie di un unico tipo di proteina. Le proteine recettore della membrana legano le proteine del LDL che viene quindi trasportato dentro la cellula per gemmazione della membrana verso l'interno, con formazione di una vescicola.
Nel citoplasma queste vescicole si fondono con i lisosomi e demoliscono le LDL liberando le molecole di colesterolo nel citoplasma. I recettori e la membrana plasmatici tornano poi alla superficie cellulare come vescicole che si fondono a loro volta con la membrana.

Esempio



  



Come usare